bg header
logo_print

Torta orso polare o torta al cocco, un dessert simpatico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

torta orso polare
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4.7/5 (3 Recensioni)

Torta orso polare, una torta al cocco per divertire i commensali

Oggi vi presento la torta orso polare, un dolce che sprizza fantasia da tutti i pori. Dal punto di vista gastronomico è una torta al pan di Spagna farcita con crema al cocco e guarnita con un composto al cioccolato bianco. Il bello sta nella decorazione, che grazie ad un uso creativo dei biscotti, della crema al cocco e della liquirizia riproduce la faccia di un orso. Vi consiglio di preparare la torta orso polare soprattutto per le feste con i bambini, che in genere apprezzano soluzioni creative di questo tipo.

Nonostante queste peculiarità, la ricetta è molto semplice. L’unica difficoltà sta nella preparazione del pan di Spagna, sebbene sia una delle basi più facili da preparare. La fase di guarnizione, invece, è divertente e molto intuitiva.

Ricetta torta orso polare

Preparazione torta orso polare

Per preparare la torta orso polare (o torta al cocco) procedete in questo modo.

  • Dividete la base di pan di spagna in due per lungo e farcitela con tre quarti della crema di cocco.
  • Cuocete l’impasto al forno in una tortiera unta con il burro ammorbidito.
  • Intanto sciogliete a bagnomaria il cioccolato bianco ridotto a pezzi insieme alla crema di cocco rimanente, in modo da ottenere un composto omogeneo. Poi lasciatelo raffreddare.
  • Ora distribuite il cocco rapè sulla torta, poi spalmate il composto al cioccolato bianco e mettetene da parte un cucchiaio. Infine, lasciate riposare la torta in frigo.
  • Adesso è ora di creare la faccia dell’orso. Per gli occhi spalmate su due biscotti il composto cioccolato-cocco che avete messo da parte, avendo cura di lasciare i bordi liberi. Poi ponete sopra gli occhietti di zucchero. Fate aderire gli occhi sulla superficie della torta con un altro po’ di composto.
  • Per le sopracciglia tagliate in tre parti la stringe di liquirizie e sistematene due sulla superficie della torta, così come vedete in foto.
  • Per il naso dividete il biscotto rimanente in due e posizionate una metà sotto gli occhi. Ovviamente, la parte tonda va rivolta verso l’alto.
  • Per la bocca, infine, utilizzate la liquirizia rimanente.

Ingredienti torta orso polare

  • 1 base di pan di spagna consentito
  • 100 ml. di crema di cocco
  • 250 gr. di cocco rapè grattugiato
  • 250 gr. di cioccolato bianco
  • 3 biscotti tondi al cioccolato
  • 1 stringa morbida di liquirizia
  • 2 occhietti di zucchero
  • 85 g di burro morbido chiarificato (più quello per lo stampo)
  • un pizzico di sale.

Il cocco fa ingrassare?

La torta orso polare non è solo bella da vedere, ma è anche molto buona. Il merito di ciò va soprattutto al cocco, che viene utilizzato in più forme. Il cocco, infatti, viene usato per la crema e sotto forma di rapè, che viene impiegato per rifinire la superficie e fornire un effetto “peloso” al dolce, imitando il manto dell’orso.

E’ inutile girarci attorno, l’abbondanza di cocco fa lievitare l’apporto calorico della torta. Tuttavia, ne vale davvero la pena se si considera il risultato dal punto di vista gustativo e di impatto visivo.

Il cocco è anche nutriente, infatti è ricco di vitamina C, potassio e antiossidanti. Inoltre, i grassi di cui abbonda fanno bene all’organismo, in quanto sono grassi insaturi. Nonostante la sua portata zuccherina, il cocco aiuta a tenere il diabete sotto controllo. Stesso discorso per il colesterolo cattivo, che può essere causa di problemi cardiaci.

Il ruolo del cioccolato bianco nella torta orso polare

Anche il cioccolato bianco gioca un ruolo fondamentale per la torta orso polare. Nello specifico viene spezzettato e fatto sciogliere a bagnomaria insieme a un po’ di crema e al cocco. In questo modo forma una seconda crema molto gustosa e facile da spalmare.

Il cioccolato bianco non è un vero cioccolato, infatti si differenzia dal cioccolato classico per l’assenza del cacao, che viene sostituito dal burro di cacao, dal latte e da alcuni aromi. Ciononostante, il cioccolato bianco è spesso preferito al fondente e al cioccolato al latte. Questo tipo di cioccolato regala una carica di dolcezza unica, inoltre si caratterizza per un sapore aromatico e per un retrogusto di latte che non stanca mai.

L’assenza del cacao non incide più di tanto sull’apporto calorico, che rimane elevato nel cioccolato bianco, infatti viaggia sulle 540 kcal ogni 100 grammi.

torta orso polare

Il tocco della liquirizia nella torta orso polare

La lista degli ingredienti della torta orso polare comprende anche la liquirizia. Cosa ci fa la liquirizia in una torta al cocco? In questo caso la liquirizia dona ulteriore dolcezza e aiuta a disegnare la faccia dell’orso, infatti viene tagliata a strisce per formare la bocca e le sopracciglia. Non è necessaria chissà quale manualità per dare vita ai tratti dell’orso, basta adagiare la liquirizia al posto giusto e con l’angolatura più consona.

La liquirizia impatta anche sul gusto con il suo sapore dolciastro e allo stesso tempo balsamico. In questo modo valorizza i sentori intensi del cocco e del cioccolato bianco.

Infine, la liquirizia vanta un ottimo profilo nutrizionale, infatti è digestiva, antinfiammatoria e ricca di antiossidanti. Queste sostanze fanno bene all’organismo in quanto rallentano l’invecchiamento e diminuiscono la probabilità di contrarre il cancro.

Come realizzare il pan di Spagna?

La torta orso polare è creativa ed eccentrica, sebbene rimanga una “classica” torta al pan di Spagna. Il primo passo consiste proprio nel preparare la base, che risulta uno degli impasti più ordinari della pasticceria europea. Ad ogni modo, vi consiglio di seguire la ricetta del pan di Spagna che ho pubblicato qui sul sito per ottenere un ottimo risultato.

Ovviamente, se soffrite di celiachia, non abbiate scrupoli a utilizzare farine alternative. In questo caso avete solo l’imbarazzo della scelta. Se desiderate che il pan di Spagna gluten-free ricordi la sua versione originale, allora optate per la farina di riso e di mais. Invece, se desiderate un pan di Spagna più rustico utilizzate la farina di grano saraceno o di teff. Infine, se puntate a un dolce dal carattere esotico scegliete la farina di amaranto o di quinoa per realizzare l’impasto.

Ricette di dolci per bambini ne abbiamo? Certo che si!

4.7/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...