bg header
logo_print

Mango Martini, un cocktail analcolico di classe

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Mango Martini
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (8 Recensioni)

Mango Martini, perfetto per gli aperitivi leggeri

Oggi vi presento il Mango Martini, un cocktail analcolico bello da vedere, buono e leggero quanto basta. Restituisce un piacevole senso di freschezza, dunque è perfetto soprattutto per gli aperitivi estivi che si prestano al consumo della frutta, magari sotto forma di succo. E’ anche un cocktail molto facile da realizzare, in quanto richiede giusto una manciata di ingredienti e può fare a meno dei classici strumenti da barman (shaker, cucchiaio da cocktail etc.).

Si inizia frullando il mango ben lavato, sbucciato e tagliato a cubetti insieme al ghiaccio. Poi si versa il composto così ottenuto nel bicchiere insieme a un particolare tipo di Martini (Martini Floreale Analcolico) e si decora con le foglie di shiso. Le foglie di shiso guarniscono e insaporiscono al meglio grazie ad un aspetto che ricorda il basilico e ad un aroma molto particolare.

Potete anche sostituire il Mango con un altro frutto esotico, in particolare il cocktail si presta bene all’impiego della papaya e del melone giallo.

Ricetta mango martini

Preparazione mango martini

Per preparare il Mango Martini procedete in questo modo.

  • Lavate il mango, sbucciatelo e fatelo a cubetti.
  • Ora trasferite il mango e il ghiaccio nel mixer, poi frullate per ottenere un composto abbastanza liquido ed uniforme.
  • Versate prima il Martini e poi il composto appena ottenuto nel bicchiere di portata.
  • Decorate con le foglie di shiso fatte a julienne e servite.

Ingredienti mango martini

  • 1 mango
  • 2 cl. di Martini Floreale Analcolico
  • 3 cubetti di ghiaccio
  • 2 foglie di shiso.

Tutta la bontà del Martini Floreale

Il vero protagonista del Mango Martini è proprio il Martini Floreale, un prodotto analcolico che fa parte delle proposte più interessanti dell’azienda italiana.

Questo cocktail ma servito in un apposito bicchiere (martini glass) e spicca per un sapore che replica in maniera molto fedele il Martini originale. Le note di vermouth e di vino bianco emergono con chiarezza, allietando il palato sia durante il consumo in solitaria che a seguito della trasformazione in cocktail.

La differenza tra il Martini Floreale analcolico e l’originale non sta nella lista degli ingredienti, bensì nel trattamento. Nel Martini Floreale l’alcol viene estratto, o per meglio dire fatto degradare in modo graduale e con estrema delicatezza.

Il Martini Floreale analcolico può essere consumato così come si trova, sebbene la stessa casa produttrice consigli di arricchirlo con del ghiaccio e con un po’ di acqua tonica per preparare una specie di cocktail basilare.

Le interessanti proprietà del mango

Il protagonista del Mango Martini è ovviamente il mango. E’ uno dei frutti tropicali più apprezzati in assoluto in virtù del suo sapore aromatico, che ricorda ora il melone giallo ora la papaya. La polpa si rivela sempre succosa ma anche leggermente croccante. E’ dunque l’ideale tanto per il consumo a crudo quanto per la preparazione di succhi e centrifughe. In occasione di questa ricetta il mango viene lavato, fatto a cubetti e frullato insieme al ghiaccio.

Il mango può dire molto anche sotto il profilo nutrizionale grazie all’abbondanza di vitamina C e sali minerali, ma anche grazie al betacarotene. Quest’ultima sostanza è un antiossidante che aiuta ad assorbire la vitamina A (a sua volta essenziale per la pelle e la vista), inoltre conferisce al frutto il colore arancione. Il betacarotene è presente anche nella zucca e nelle carote. Il tutto ad un costo calorico più che accettabile, che non va oltre le 50 kcal per 100 grammi.

 

Cos’è lo shiso?

L’ingrediente più interessante e particolare del Mango Martini è lo shiso. Le foglie di shiso vengono poste a fine preparazione poco prima del servizio, a mo’ di guarnizione. In effetti danno bella mostra di sé con il loro colore verde scuro, che contrasta l’arancione brillante del mango misto al Martini Floreale. Notevole è anche l’aspetto che ricorda quello del basilico, sebbene la sua texture sia molto più ruvida e gradevole al palato.

Lo shiso è una pianta orientale, le cui foglie fanno parte integrante della cucina giapponese e cinese. Spesso e volentieri le foglie vengono essiccate e utilizzate per preparare delle deliziose salse. Altrettanto di frequente vengono utilizzate per marinare o per creare dei liquori.

Lo shiso emerge chiaramente anche sul sapore visto che è molto aromatico ed esotico. Trasmette note simili all’anice, alla menta, alla melissa, alla cannella, ai chiodi di garofano e allo stesso basilico.

Come accompagnare il Mango Martini

Il Mango Martini può apparire come un cocktail sui generis. In primo luogo perché è analcolico e quindi non crea alcun problema a chi non può assumere alcol. In secondo luogo per la presenza del Mango Martini, che propone un sapore aromatico, esotico e leggero, a metà strada tra una centrifuga e un cocktail.

A questo punto vale la pena ragionare sui corretti abbinamenti da proporre in fase di antipasto o di aperitivo. Un’idea potrebbe essere quella di associare salumi e formaggi molto leggeri, leggermente dolci e poco stagionati. Vanno bene anche con le tartine, se vengono farcite con ingredienti non troppo sapidi. Infine, sono sempre una soluzione valida le classiche patatine, le olive e le arachidi.

Ricette di cocktail ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bloody mary analcolico pomodoro e fragole

Bloody Mary analcolico, buono come l’originale ma leggero

Guarnizione ed origini del Bloody Mary La guarnizione del Bloody Mary analcolico è affidata a uno spiedino di frutta e verdura, una scelta che punta alla freschezza, soprattutto se si considera che...

Purple Cosmopolitan

Purple Cosmopolitan, la ricetta fruttata del famoso cocktail

Come preparare il liquore alle violette L’elemento che più caratterizza il Purple Cosmopolitan, almeno rispetto al Cosmopolitan propriamente detto, è il liquore di violette. E’ un liquore...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...