Aperitivo con lenticchie e cotechino, un cocktail originale

Aperitivo con lenticchie e cotechino
Commenti: 0 - Stampa

Aperitivo con lenticchie e cotechino, il modo perfetto per stupire i commensali

L’aperitivo con lenticchie e cotechino è una pietanza molto particolare, a metà strada tra il dessert e il secondo piatto. Potremmo considerarlo come un secondo che si consuma come un dessert. E’ frutto di un’idea creativa e della volontà di stupire. D’altronde cerca di riprendere nella forma e nell’aspetto il classico aperitivo da happy hour, per quanto proponga sapori nettamente diversi. E’ realizzato infatti con le lenticchie rosse, il sedano, la carota, la cipolla e il cotechino. Alcuni potrebbero storcere il naso alla presenza del cotechino, che nell’immaginario collettivo recita la parte dell’alimento poco salutare.

Se il riferimento è alla quantità di grassi, i timori sono (almeno) parzialmente fondati. E’ proprio vero, il cotechino è grasso. Tuttavia, è sufficiente non abusarne e calibrare le giuste dosi per consumarlo in tutta tranquillità. Non va nemmeno dimenticato che il cotechino è pur sempre “carne” e in quanto tale gli va riconosciuta come minimo una certa capacità proteica. In ogni caso, sempre senza abusarne, vale la pena integrarlo di tanto in tanto nella propria dieta.

I tanti pregi delle lenticchie rosse

Le lenticchie rosse sono le vere protagoniste di questo aperitivo così particolare. Sono legumi molto nutriente e dall’altissimo valore biologico. A spiccare è soprattutto la quantità di proteine, che raggiungono il 22% (più della maggior parte delle carni). Sono tutte proteine di qualità, che vengono assorbite totalmente dall’organismo. Le lenticchie apportano anche tanti carboidrati, che rappresentano il 50% del totale. I grassi, invece, sono quasi assenti, mentre l’apporto calorico è importante, pari a 300 kcal ogni 100 grammi.

Aperitivo con lenticchie e cotechino

Le lenticchie rosse sono anche una miniera di sali minerali e di vitamine. Nello specifico contengono ferro, fosforo, potassio e molte vitamine del gruppo B. Sono apprezzate anche perché contengono acidi grassi omega tre, sostanze che impattano in modo benefico sull’organismo a più livelli: apparato cardiocircolatorio, funzioni cognitive, vista e molto altro ancora. Nella ricetta dell’aperitivo di lenticchie e cotechino giocano un ruolo fondamentale in quanto formano il “corpo” della pietanza/bevanda. Per riprodurre la consistenza del dessert, però, vanno frullate e trasformate in una crema densa e vellutata.

Cos’è la burratina e quali sono le sue proprietà

Tra gli ingredienti dell’aperitivo con lenticchie e cotechino spicca la burratina. Con questo termine intendiamo semplicemente una burrata di piccole dimensioni, in genere intorno ai 100 grammi. L’importante è che si tratta comunque di burrata. Questa viene utilizzata a fine preparazione adagiandola semplicemente sulla crema di lenticchie rosse. Possiamo dire che gioca lo stesso ruolo della panna sui dessert o sulle granite. Ovviamente si parla di resa estetica, e non di sapore, dal momento che panna e burrata non potrebbero essere più diverse. Perché proprio la burrata? Semplice, la reputo per consistenza e gusto il miglio latticino per integrare quella che è, a tutti gli effetti, una vellutata di lenticchie.

Sul sapore della burrata non c’è molto da dire. Solo chi l’ha provata sa quanto è buona, del resto è uno dei prodotti tipici italiani più apprezzati, in patria e all’estero. Fate attenzione a non confonderla con la mozzarella, come fanno in molti. La mozzarella infatti si realizza con la cagliata, mentre la burrata ha una composizione del tutto diversa: è formata da un involucro simile alla mozzarella e un ripieno fatto di stracciatella. In termini nutrizionali, però, va detto che i due latticini si assomigliano abbastanza, la burrata, però, è leggermente più grassa e di conseguenza più calorica.

Ecco la ricetta dell’aperitivo con lenticchie e cotechino:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr di lenticchie rosse;
  • mix per soffritto (sedano, carota e cipolla);
  • 1 cotechino precotto;
  • 2 fette di pane casereccio consentito;
  • una burratina Sanguedolce;
  • qualche fogliolina di menta;
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dell’aperitivo con lenticchie iniziate lavando e riducendo a dadini le verdure per il soffritto. Poi soffriggetele con due cucchiai di olio extravergine d’oliva ed aggiungete le lenticchie così come sono (non serve l’ammollo) e continuate la cottura per 20 minuti circa. Quando le lenticchie sono cotte mettete un po’ di sale ed iniziate a frullare fino a quando non avrete ottenuto una crema densa e vellutata. Adesso preparate il cotechino: riempite una pentola molto grande con dell’acqua e mettete dentro il cotechino con tutto il sacchetto sottovuoto. Cuocete a fiamma bassa applicando il coperchio. Mi raccomando, rispettate i tempi di cottura che trovate sulla confezione.

Quando il cotechino è pronto, toglietelo dalla pentola ed aprite il sacchetto facendo scolare tutto il grasso. Infine tagliate il cotechino a dadini. Poi tagliate il pane a cubetti e tostatelo nel forno per una decina di minuti. Adesso è ora di comporre i bicchieri: adagiate sul fondo la crema di lenticchie, poi inserite i dadini di cotechino, il pane tostato e completate il bicchiere con la burratina e qualche foglia di menta. Mi raccomando, la composizione è importante, fate in modo che assomigli a un cocktail da aperitivo (proprio come vedete in foto).

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti