bg header
logo_print

Khao pad, ovvero il riso fritto alla thailandese

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Khao pad
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina Asiatica
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Khao pad, il riso come non l’avete mai mangiato

Il khao pad è una vera istituzione in Thailandia. E’ uno dei piatti più preparati in assoluto, specie nelle grandi occasioni. Infatti, assume un’importanza simile a quella che ricoprono le lasagne per la cucina italiana. Può essere considerato un primo ricco a base di riso, che viene bollito e fritto insieme al pollo, alle uova, alle verdure e a svariati aromi. Spicca quindi per la varietà di sapori e per la ricchezza nutrizionale, oltre che per una presentazione gradevole, valorizzata da un contrasto cromatico non indifferente.

Come tutte le ricette popolari, anche il khao pad viene declinato in alcune varianti. Troviamo per esempio il khao pad sap ba rot, in cui al posto del pollo e dei peperoni vengono impiegati i gamberetti e l’ananas. Troviamo anche il khluk kapi, in cui campeggiano i fagiolini, i cetrioli e le fette di lime. Infine vi è una versione americana, inventata per i soldati USA durante la guerra del Vietnam, che si caratterizza per la presenza degli hot dog.

Ricetta khao pad

Preparazione khao pad

Per preparare il khao pad dovrete innanzitutto cuocere il riso. Sciacquatelo più volte in modo da rimuovere l’amido, ossia fino a quando l’acqua risulterà trasparente. Poi portate in ebollizione una pentola di acqua in quantità doppia a rispetto a quella del riso. Dopo aver salato l’acqua, versateci il riso e cuocete a fiamma bassa, sobbollendo per 10 minuti (o per il tempo indicato in confezione).

Verificate che il riso abbia assorbito tutti i liquidi, poi spegnete il fuoco e sgranatelo con un cucchiaio. Infine lasciate riposare il riso per almeno 10 minuti. Ora passate agli altri ingredienti. Lavate con cura i peperoni, rimuovete i semini interni e riduceteli a strisce spesse un centimetro.

Affettate finemente la cipolla, lavate le foglie di basilico e asciugatele. Intanto tamponate il petto di pollo e fatelo a straccetti. A parte versate in un mortaio l’aglio e i peperoncini, poi pestate per un paio di minuti fino ad ottenere una sorta di purea densa.

In una padella antiaderente dai bordi alti (o in un wok) scaldate un bel po’ di olio di semi. Quando è caldo, unite le uova intere e mescolate con cura per pochi minuti, poi aggiungete il pollo e cuocete a fiamma bassa.

Una volta che il pollo avrà ceduto i suoi liquidi, unite il riso, la purea di aromi, la salsa di soia e un paio di cucchiai di salsa di pesce. Mescolate con cura il tutto e cuocete per un paio di minuti. Poi incorporate i peperoni e le cipolle, mescolando per bene. All’occorrenza aggiungete anche un po’ di salsa di pesce.

Ora alzate la fiamma al massimo e mescolate per altri 3 o 4 minuti. Infine incorporate le foglie di basilico, mescolando un altro po’. Terminata la cottura spegnete il fuoco e decorate il khao pad con qualche fetta di cetriolo tagliato molto fine e un po’ di succo di limone. Servite e buon appetito.

Ingredienti khao pad

  • 400 gr. di riso Jasmine
  • 400 gr. di petto di pollo
  • 2 uova
  • 200 gr. di peperoni
  • 100 gr. di cipolla
  • 4 peperoncini rossi freschi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 lime
  • mezzo cetriolo
  • q. b. di basilico
  • 3 cucchiai di salsa di soia
  • q. b. di salsa di pesce
  • q. b. di olio di semi.

Le proprietà organolettiche e nutrizionali del pollo

Tra i protagonisti del khao pad troviamo il pollo, che va tamponato leggermente in modo che diventi più morbido, Infine va tagliato a pezzettini regolari. Il pollo viene cotto su una base di uova fritte leggermente rapprese, su cui vengono aggiunti il riso bollito e tutti gli altri ingredienti. L’accoppiata riso – pollo è piuttosto classica e ricorrente nelle cucine orientali in quanto produce una combinazione all’insegna dei sapori delicati e corposi allo stesso tempo.

Il pollo rappresenta l’elemento proteico della ricetta, che può dirsi completa sotto il profilo nutrizionale. Oltre alle proteine il pollo apporta anche molti sali minerali, come il ferro. Il pollo si fa apprezzare anche per la sua versatilità in cucina, per la sua digeribilità e per la relativa scarsità di grassi.

Quali verdure usare per il khao pad?

Come avrete ormai capito il khao pad è un pasto completo grazie anche all’abbondante presenza delle verdure. Tra gli ingredienti, infatti, troviamo i peperoni e le cipolle (che vengono aggiunte a metà cottura), oltre ai cetrioli, che vengono aggiunti mo’ di guarnizione. Per quanto concerne le molte varietà a disposizione, vi consiglio di utilizzare i peperoni rossi, che sono i più dolci in assoluto e quindi in grado di sposarsi bene con la delicatezza del pollo. Anche le cipolle dovrebbero essere rosse, in quanto propongono sentori più delicati rispetto alle altre varietà.

Khao pad

Visto che siamo in tema, vale la pena soffermarsi un attimo sui peperoni, che sono spesso oggetto di pregiudizi. A dispetto di quanto si crede non fanno ingrassare e non è vero che sono poco digeribili. Tutto dipende dal metodo di cottura e dal fatto che siano privati della loro pellicina esterna. Per il resto si fanno apprezzare per le buone quantità di vitamina C e di potassio.

Come cuocere il riso Jasmine?

Per il khao pad non dovreste usare il solito riso Carnaroli (adatto ad esempio per il riso al salto), bensì il riso Jasmine, un tipo di riso perfetto per i piatti a base di pollo e verdure, in quanto ha un sapore dolce e corposo. Il riso Jasmine si presenta con un chicco grande e arrotondato, ricco di amido e quindi molto morbido anche a seguito di cotture brevi. A proposito della cottura, questa deve seguire delle regole ben precise.

Si inizia lavando il riso più volte in modo da eliminare l’amido. Poi si procede con la cottura in acqua bollente a fiamma bassa. Mi raccomando, il rapporto di riso – acqua deve essere di 1 a 2. Dopo una decina di minuti il riso dovrebbe aver assorbito tutta l’acqua. A quel punto non rimane che sgranarlo con un cucchiaio e metterlo a riposare per una decina di minuti. Infine verrà aggiunto al pollo parzialmente cotto insieme alle uova, per poi essere decorato con le verdure e con gli aromi.

Ricette di riso ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...

tacos con baccala

Tacos farciti con baccalà, una ricetta tra Messico...

Qualche curiosità sui tacos farciti I tacos farciti sono un alimento base per la cucina messicana. Traggono origine nell’America precolombiana quando gli impasti venivano realizzati...

Spezzatino di alce

Spezzatino di alce, un gustoso secondo di selvaggina

Cosa sapere sulla carne di alce Al netto degli ingredienti a supporto, che pure non mancano, la vera protagonista di questo spezzatino è la carne di alce. Si tratta di una carne particolare per...