Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico e genuino

pasta con pesto di portulaca
Commenti: 0 - Stampa

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento

Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l’ho voluta realizzare in occasione della rubrica erbe e fiori nel piattoErbe e fiori nel piatto” con le mie amiche: Daniela Boscariolo di Timo e Lenticchie, Miria Onesta di Due Amiche in Cucina ed Elisa di Rienzo de Il Fior di Cappero.

Sono delle blogger molto apprezzate e seguite nel settore food, che vi invito a seguire. La pietanza è naturalmente senza lattosio, dal momento che l’unico derivato del latte è il Parmigiano, reso lactose-free dalla stagionatura. Potete anche optare per una pasta gluten free, prodotta con farine alternative.

La pasta con il pesto di portulaca si inserisce nel solco dei primi piatti all’italiana, sebbene rispetto a questi ultimi presenti alcune differenze. Ovviamente esse vanno rintracciate nel pesto, che è simile a quello di basilico ma realizzato con ingredienti diversi.

L’ingrediente principale del pesto è infatti la portulaca, una verdura di carattere popolare, molto impiegata in passato e negli ultimi decenni un po’ caduta nell’oblio. La portulaca merita di essere recuperata, in quanto può offrire molto dal punto di vista organolettico e nutrizionale.

E’ ricca di vitamine e sali minerali, come ci si aspetta da una verdura. E’ ricca di omega tre, che fanno bene al cuore e alla vista. La presenza degli omega tre nella verdura non è affatto scontata, dal momento che questa sostanza si trova nella frutta secca e in alcuni pesci.

La portulaca è nota anche in erboristeria in quanto svolge funzioni quasi terapeutiche. E’ infatti diuretica, depurativa, dissetante e antibatterica.

La portulaca è conosciuta anche con altri nomi. Nel Lazio è nota come porcacchia, in Lombardia con il nome di porcellana, in Campania con chiaccunella. La pianta non è affatto esigente, infatti cresce rusticamente allo stato brado, sia in campagna che in pianura. D’altronde non soffre il caldo e non richiede molta acqua.

pesto di portulaca

La bontà dei pinoli di cedro

Una differenza tra il pesto di portulaca e il pesto classico risiede nei pinoli. Per questo tipo di pasta con pesto di portulaca si utilizzano i pinoli di cedro, o siberiani che dir si voglia. Rispetto agli analoghi mediterranei si caratterizzano per un aroma forte e inconfondibile, capace di valorizzare molte preparazioni.

Si distinguono anche per una texture particolare, che favorisce l’amalgama con gli altri ingredienti una volta che vengono tritati. I pinoli di cedro sono straordinari anche dal punto di vista nutritivo. Ovviamente contengono una certa dose di grassi, come tutti gli alimenti della medesima categoria, ma si tratta di grassi buoni, capaci di giovare al sistema vascolare e allontanare lo spettro di patologie acute come infarti e ictus.

Non mancano nemmeno le vitamine e i sali minerali. In particolare si segnalano quantità considerevoli di vitamina E, che funge da antiossidante, e di vitamine del gruppo B, che giovano all’organismo.

Stesso discorso per il magnesio, lo zinco, il ferro e il fosforo. Per quanto concerne l’apporto calorico, siamo sulle 700 kcal per 100 grammi. Può sembrare molto, ma le dosi da impiegare sono davvero minime: 40 grammi per un pesto da quattro persone.

Come preparare il pesto?

Il pesto, utilizzato nella pasta con pesto di portulaca, è una delle preparazioni più semplici in assoluto. Tuttavia va prestata attenzione al modo con cui gli ingredienti interagiscono. Molti utilizzano il mixer, invece il metodo più efficace, o almeno quello che rende di più in termini organolettici, vede come protagonista il classico mortaio. Nello specifico, vanno prima pestati la portulaca e l’aglio.

Successivamente si integrano i pinoli (tostati e tritati) e il Parmigiano. Fondamentale è il contributo dell’acqua di cottura della pasta, che contribuisce a rendere morbido il pesto e ad amalgamare al meglio gli ingredienti. Inoltre fate attenzione con il sale in quanto l’acqua di cottura è già salata, dunque aggiungetene solo un pizzico.

Il pesto così ricavato dovrebbe avere una texture sufficientemente liscia, una consistenza morbida e non dovrebbe essere troppo acquoso. Il pesto fungerà poi da condimento per la pasta, a cui deve legarsi come se fosse una salsa al pomodoro particolarmente ristretta. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, queste sono eccellenti e non hanno nulla da invidiare a quelle del pesto di basilico. Anche perché gli ingredienti sono pensati per spiccare anche da questo punto di vista.

Quale Parmigiano utilizzare?

Il Parmigiano, come abbiamo visto, gioca un ruolo di primo piano nella ricetta della pasta con pesto di portulaca. In realtà il suo ruolo è duplice, in quanto compare in due fasi distinte. La prima consiste nella preparazione del pesto, che necessita del Parmigiano grattugiato per acquisire sapore, sapidità e una certa consistenza.

La seconda consiste nella guarnizione finale, al momento del servizio, arricchita anche dal pepe e dall’olio extravergine di oliva. Si fa presto a dire Parmigiano Reggiano, ma le stagionature sono alquanto diverse.

Per questa pasta suggerisco una variante particolarmente stagionata, anche perché l’amalgama è di per sé favorita dal contributo dell’acqua di cottura della pasta. Può andare bene anche un Parmigiano 24 mesi.

A prescindere dalla stagionatura, il Parmigiano stupisce non solo per il gusto inconfondibile, ma anche per le proprietà nutrizionali. Per esempio è uno degli alimenti più proteici in natura, secondo forse solo al baccalà. Stesso discorso per il calcio, che fa bene alle ossa, e per la vitamina D, che giova al sistema immunitario come poche altre sostanze.

Può essere preparata con qualsiasi tipo di pasta corta e rigata.

Ecco la ricetta della pasta con pesto di portulaca:

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr. di pasta consentita a scelta.

Per il pesto:

  • 100 gr. di portulaca,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 40 gr. di pinoli di cedro,
  • 90 gr. di Parmigiano Reggiano 24 mesi,
  • 1 cucchiaio di succo di limone,
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della pasta con pesto di portulaca iniziate facendo bollire l’acqua leggermente salata, poi immergeteci la pasta. Intanto occupatevi del pesto. Mondate e lavate bene la portulaca e asciugatela.

Poi trasferite i pinoli in un pentolino e tostateli. Ora trasferite la portulaca e l’aglio in un mortaio e pestateli per bene. Mettete anche i pinoli ben sminuzzati e integrate il tutto con il Parmigiano Reggiano grattugiato.

Infine salate, aggiungete due cucchiai di acqua di cottura della pasta e mescolate fino ad ottenere un pesto dalla consistenza morbida e uniforme.

Scolate la pasta quando è ancora al dente, poi saltatela in una padella insieme al pesto e impiattate. Servite con una bella spolverata di Parmigiano grattugiato, un cucchiaio di olio extravergine di oliva e un po’ di pepe. Per un pesto di portulaca vegan basta sostituire il parmigiano con Grattazero o formaggio vegano grattugiabilee.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...

coniglio all’ischitana

Pasta con coniglio all’ischitana, un primo eccezionale

Pasta con coniglio all’ischitana, un primo completo La pasta con coniglio all’ischitana è un primo piatto speciale. I motivi sono numerosi. In primo luogo è semplicemente squisita grazie al...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti