bg header
logo_print

Confettura di peperoni verdi, una conserva diversa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Confettura di peperoni verdi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4.3/5 (7 Recensioni)

Confettura di peperoni verdi, un’idea interessante

Oggi vi presento la confettura di peperoni verdi. E’ speciale in quanto realizzata con un ortaggio, che le conferisce un sapore un po’ meno dolce e più corposo rispetto a preparazioni simili realizzate con la frutta. In virtù di ciò, può essere utilizzata anche per insaporire secondi piatti di carne e di pesce, specie se si intende ottenere un marcato sentore agrodolce. Per il resto, le applicazioni sono identiche a quelle di confetture, marmellate e composte. Non chiamatela marmellata di peperoni verdi!

Ricetta confettura di peperoni verdi

Preparazione confettura di peperoni verdi

Per preparare una buona confettura di peperoni verdi dovrete igienizzare e sterilizzare sia i vasetti che i tappi. Dopodiché passate a pulire i peperoni verdi. Lavate i peperoni, puliteli e fateli a pezzi piccoli. Versateli in un contenitore abbastanza grande, poi versate anche lo zucchero, un pizzico di sale e l’aceto. Mescolate con cura il tutto, poi coprite con la pellicola alimentare e fate riposare in frigo per 12 ore. Trascorso questo lasso di tempo, frullate il contenuto per ottenere una crema densa e grossolana.

Trasferite questa crema in una pentola e procedere con la cottura, che dovrebbe durare 40 minuti circa. Poi mettete il composto ottenuto nei vasetti sterilizzati quando la confettura è ancora calda. Applicate i tappi, stringete bene e capovolgeteli fino a quando non si saranno raffreddati e si sarà formato il sottovuoto. Per verificare, controllate che il centro dei tappi sia concavo e faccia rumore se viene premuto, in questo caso il sottovuoto si è formato in modo corretto. Conservate la confettura di peperoni in un luogo asciutto e fresco. La confettura ben sigillata dura un mese, mentre aperta e riposta in frigo dura circa tre giorni.

Ingredienti confettura di peperoni verdi

  • 1 kg. di peperoni verdi
  • 500 gr. di zucchero semolato
  • 50 ml. di aceto di vino rosso
  • 1 pizzico di sale
  • q. b. di peperoncino rosso (facoltativo).

La confettura di peperoni verdi è’ ottima se spalmata sul pane abbrustolito e imburrato oppure per accompagnare un tagliere di formaggi stagionati. Perché proprio i peperoni? In realtà ci si dovrebbe chiedere perché non i peperoni. D’altronde i peperoni sono alimenti versatili, che in virtù di un sapore spiccato possono intervenire in molte preparazioni, non solo salate. Nello specifico, vanno utilizzati i peperoni verdi, che hanno un sapore meno forte e presentano delle caratteristiche peculiari.

I peperoni verdi hanno un ottimo equilibrio tra betacarotene e licopene, raro nei peperoni gialli e nei peperoni rossi. Per inciso, il betacarotene conferisce tonalità giallognole e arancioni, mentre il licopene apporta tonalità rossastre (è presente nei pomodori). Per il resto, le proprietà nutrizionali sono le stesse. I peperoni verdi sono ricchi di vitamina C, che aiuta a prevenire il cancro e stimola le difese immunitarie.

Sono ricchi anche di potassio, che interviene in molti processi dell’organismo e in alcuni casi funge anche da stimolante. Attorno ai peperoni gravita il pregiudizio secondo cui sarebbero poco digeribili. In realtà, ciò è dovuto ad un errore che commettono in molti, ossia consumarli con tutta la buccia. In effetti, una volta rimossa la buccia (ricca di cellulosa) i peperoni sono digeribilissimi, anche da crudi. Un ultimo pregio dei peperoni è il basso apporto calorico, pari a 30 kcal per 100 grammi.

Quale zucchero utilizzare?

La confettura di peperoni verdi necessita dello zucchero e per giunta in dosi abbondanti: mezzo chilo per ogni chilo di peperoni. Dosi necessarie, se si pensa che i peperoni sono dolci, ma molto meno di un qualsiasi altri frutto. Ad ogni modo, quale zucchero andrebbe utilizzato? La scelta è vasta e molti optano per lo zucchero bruno, usato non solo per realizzare una  confettura, ma anche per dolcificare una bevanda o una preparazione. In realtà in questo caso lo zucchero bruno di canna non è indicato, in quanto i residui di melassa restituiscono un sentore di caramello, che stona con i peperoni.

Confettura di peperoni verdi

Per quanto concerne la grana dello zucchero, vi consiglio di optare per il semolato, che si scioglie meglio rispetto a quello fine, creando un’amalgama più completa e regolare. Va detto, comunque, che la dolcezza dello zucchero, e quella meno accentuata dei peperoni, è bilanciata dall’aceto. Esatto, è necessario l’aceto di vino rosso per realizzare la confettura di peperoni. La sua presenza non deve stupire, in quanto sostituisce il succo di limone, utilizzato soprattutto quando l’ingrediente principale è un frutto.

Come igienizzare e sterilizzare i contenitori?

La confettura di peperoni verdi si conserva a lungo, anche un mese se posta in un luogo fresco e ben asciutto. Tuttavia, va preso un importante accorgimento, ossia sterilizzare vasetti e tappi. Solo in questo modo la preparazione può conservarsi al meglio, al riparo da batteri e germi. Come si sterilizzano i vasetti e i tappi? Ebbene, vi sono molti metodi. Il più utilizzato ricorda da vicino la pastorizzazione. Molto banalmente, si pongono vasetti e tappi dentro l’acqua bollente, e li si lascia “cuocere” per almeno mezz’ora. Per evitare che il calore rovini il vetro, è bene intervallare vasetti e tappi con dei canovacci, che ne impediscano il contatto diretto.

Altri metodi sono un po’ più complessi, e richiedono l’uso del forno elettrico o del forno a microonde. Sono teoricamente efficaci, ma possono “cuocere” troppo o troppo poco i vasetti. Con questi metodi, infatti, non si ha una piena visione di come stia andando la sterilizzazione, a dispetto di quanto accade con il metodo tradizionale. In particolare, le condizioni di umidità in forno impattano sul tempo necessario a una sterilizzazione completa e sicura.

Mia suocera oltre a questa ricetta mi ha insegnato a preparare anche i Pomodori verdi sott’olio. Coi primi freddi i pomodori non maturano più. Però in cucina si possono ugualmente utilizzare in modi diversi. Si può fare la confettura ma si possono conservare in vasi per l’inverno. Anche questa preparazione è senza glutine e senza lattosio.

Ricette conserve ne abbiamo? Certo che si!

4.3/5 (7 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Confettura di peperoni verdi, una conserva diversa

  • Mer 24 Apr 2024 | Annalisa Zanco ha detto:

    Ciao , vorrei provare a fare questa composta, ma hò in casa l’aceto balsamico.
    Posso sostituirlo all’aceto di vino rosso?
    Grazie mille
    Annalisa

    • Lun 29 Apr 2024 | Tiziana Colombo ha detto:

      Ciao Annalisa si, puoi certamente sostituire l’aceto di vino rosso con l’aceto balsamico nella tua composta di peperoni. L’aceto balsamico ha un sapore più dolce e ricco rispetto all’aceto di vino rosso, e questo può aggiungere una piacevole profondità di sapore alla tua composta.

      Tuttavia, considera che l’aceto balsamico è generalmente più intenso e meno acido rispetto all’aceto di vino rosso, quindi potresti volerlo usare in una quantità leggermente minore o secondo il tuo gusto personale per bilanciare l’acidità e la dolcezza della composta.

      Prova magari a iniziare con circa 30-40 ml di aceto balsamico e assaggia la composta mentre cucini per vedere se è necessario aggiustare l’acidità. Buona preparazione della tua composta di peperoni con questo nuovo tocco di aceto balsamico!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

Azzeruole sotto spirito

Azzeruole sotto spirito, una conserva diversa dal solito

Quale zucchero utilizzare per le azzeruole sotto spirito? Lo zucchero è un ingrediente importante per le azzeruole sotto spirito, infatti contribuisce a rendere più dolce il frutto, quindi impatta...