Prova il plumcake alle banane e nocciole e fammi sapere

plumcake alle banane e nocciole
Commenti: 0 - Stampa

Una gioia sia per adulti che per bambini.

Prova il plumcake alle banane e nocciole. Oggi vorrei proporvi un dessert adatto agli intolleranti, senza lattosio e senza glutine, molto semplice ma allo stesso tempo particolare: il plumcake alle banane e nocciole.  La sua forma è quella classica dei plumcake… Il suo sapore, però, è tutta una sorpresa! Chiaramente, si tratta di una sorpresa piacevole e positiva, che non è dovuta solamente agli ingredienti protagonisti di questa ricetta: anche quelli nascosti fanno la differenza…

Sono proprio gli alimenti privi di glutine e lattosio che danno al plumcake alle banane quel tocco di sapore in più. Non ci credete? Adesso andremo a conoscerli nel dettaglio. Forse vi stupiranno, o forse no… ma quello che conta è che potranno permettervi di portare in tavola un dolce perfetto sotto ogni punto di vista. Vi faranno fare anche una bella figura con gli ospiti. Non era questo quello che volevate? Bontà e complimenti: una coppia davvero perfetta in cucina!

Le banane piacciono a tutti!

I banani sono coltivati estesamente in tutti i Paesi tropicali, soprattutto in America, in Africa, in Asia, in Oceania, nelle Isole Canarie, Figi e Samoa. I frutti (banane) sono disposti in grappoli, detti caschi: un grappolo può contenere fino a 250 frutti e pesare anche 30 kg. Si presentano come bacche oblunghe, a sezione triangolare, di colore giallo-verdastro o bruno all’esterno, contenenti una polpa che a maturità è gialla, di sapore dolce e dall’aroma caratteristico.

Le loro dimensioni variano, a seconda delle varietà e vanno da 10- 12 a 15-30 cm. Le banane mature sono costituite da buccia e polpa in proporzioni assai variabili a seconda della grossezza e della varietà (in genere circa il 60% di polpa e il 40% di buccia).

Le banane vengono messe in commercio allo stato fresco oppure sbucciate ed essiccate (al sole o in essiccatoi). Con i frutti della Musa paradisiaca, o con banane delle altre specie non completamente mature, si prepara una farina per uso alimentare: di sapore dolciastro caratteristico, è usata principalmente per l’alimentazione infantile; se ottenuta invece da materiali di scarto viene destinata a uso zootecnico.

Le banane si trovano tutto l’anno. Preferite banane piene, sode, non danneggiate. Quando la banana è coperta di piccole macchie brune è completamente matura. Compratene a grappoli, con i gambi intatti: si mantengono più a lungo. Le banane verdi, o parzialmente verdi, maturano a temperatura ambiente. Quelle del tutto mature possono essere conservate per qualche giorno in frigorifero; in tal caso, la buccia diventerà bruno-scura ma il sapore non risulterà alterato.

Due farine incredibili e da non sottovalutare

Per preparare il plumcake alle banane e nocciole, oltre a queste ultime due, ci serviranno lievito per dolci, bicarbonato, sciroppo d’acero, estratto naturale di vaniglia e spremuta di arancia. Useremo inoltre la bevanda di mandorla e l’olio di girasole, che sostituiscono sapientemente i latticini che in genere usiamo per la preparazione dei dolci. Entrambi renderanno il dessert più leggero e digeribile, ma al tempo stesso molto buono. Sono convinta, però, che saranno le farine utilizzate a stupirvi di più…

Ad ogni modo, dopo il primo assaggio, non avrete più dubbi e finirete per amare questo plumcake alle banane. Di quali farine sto parlando? Della farina di fagioli neri e di quella di riso. Quest’ultima è fantastica per i dolci, è delicata e nutriente, digeribile ed energetica. La prima, invece, è un po’ più particolare. Tuttavia, non dovrete pensare che il vostro dessert avrà uno strano sapore: al contrario, sarà buonissimo e avvolgente! Di certo sarà diverso dal solito ma, se non proviamo nuovi alimenti in cucina, la nostra dieta diventa monotona!

plumcake alle banane e nocciole

Plumcake alle banane e nocciole: le altre caratteristiche della farina di fagioli neri

Ovviamente, proprio come quella di riso, anche la farina di fagioli neri è gluten-free. Tuttavia, si rivela molto più energetica e propone un notevole apporto di proteine. Pertanto, si presenta come un alimento molto indicato persino per coloro che hanno scelto di seguire un’alimentazione vegana o vegetariana. Propone inoltre una buona quantità di vitamine e minerali di qualità. È più sostanziosa rispetto a quella di riso e sarà in grado di regalare al plumcake alla banana una consistenza perfetta.

Per quanto riguarda queste farine, posso consigliarvi il brand La Veronese, che propone prodotti gluten-free, di qualità e realizzati con materie prime selezionate e provenienti ogni volta da coltivazioni sicure e controllate. Volete sapere cosa ne penso a livello di gusto? Sì, mi piacciono moltissimo e credo che per la preparazione del plumcake alle banane e nocciole siano ottime! Nei prossimi giorni le proverò anche per altre ricette e vi racconterò subito i dettagli. Adesso tocca a voi… Fatemi sapere come vi siete trovati!

Ed ecco la ricetta del plumcake alle banane e nocciole

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 80 gr. di Farina di fagioli neri La Veronese
  • 80 gr. di Farina di riso La Veronese
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci + 1 cucchiaino di bicarbonato
  • un pizzico di sale
  • 120 gr. di banane mature
  • 50 ml. di bevanda di mandorla
  • 100 ml. di sciroppo d’acero
  • 50 ml. di olio di girasole
  • 1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
  • 1 cucchiaio di spremuta di arancio
  • 40 gr. di granella di nocciole

Per la decorazione

  • qualche nocciola intera

Preparazione

Preriscaldate il forno a 200°C. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake. Setacciate le farine con il lievito e il bicarbonato, aggiungete un pizzico di sale e la granella di nocciole. Mescolate e tenete da parte.

Frullate le banane con la bevanda di mandorle e lo sciroppo d’acero con il frullatore a immersione. Aggiungete l’olio, la vaniglia e il succo d’arancio.

Versate il mix di farine e i liquidi nella vasca della planetaria con la frusta, e azionate fino a ottenere un composto omogeneo.

Versate l’impasto nello stampo. Decorate con le nocciole intere e infornate per 25 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di servire. Infine, al centro del plumcake, create una striscia con lo zucchero a velo.

 

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, uno golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti