Malfatti con broccoli e salsiccia, un primo sostanzioso

Malfatti con broccoli e salsiccia
Commenti: 0 - Stampa

Malfatti con broccoli e salsiccia, un piatto semplice

I malfatti con broccoli e salsiccia sono un primo gustoso, che gioca la sua partita su una manciata di ingredienti. Anche per questo motivo può essere considerato “genuino”, e in grado di non impensierire più di tanto chi ci tiene alla linea. Persino i condimenti sono ridotti al minimo e si limitano a un po’ di olio per rosolare, all’aglio e, ovviamente, al grasso rilasciato dalla salsiccia. La ricetta è semplice e anche piuttosto veloce. Spicca, però, per una peculiarità, infatti l’acqua nella quale vengono cotti i broccoli viene riutilizzata per due volte. La prima per cuocere la pasta, la seconda per conferire maggiore morbidezza al piatto. Un gradevole effetto collaterale di questo procedimento è un sapore ancora più spiccato, e un sentore di broccoli ancora più preponderante.

Qualche parola va spesa per i malfatti, che sono un tipo di pasta non troppo conosciuto oltre i confini della Lombardia. Possono essere considerati dei ravioli “fatti male”, come suggerisce il nome, ovvero realizzati in modo da risultare irregolari. Il ripieno è in genere composto da spinaci e ricotta, ma ogni tradizione locale propone la sua versione. Sono adatti ai primi estremamente rustici, che vogliono esprimere una idea di genuinità, proprio come in questo caso.

Tutte le proprietà benefiche dei broccoli

Tra i protagonisti di questi malfatti con salsiccia spiccano i broccoli. Stiamo parlando di uno degli ortaggi più amati in assoluto, sia per il loro sapore che per la loro versatilità. Non è un caso che siano presenti in preparazioni spesso diverse, o in tantissime tradizioni culinarie locali. I broccoli sono anche ingredienti salutari, che eccellono dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è all’abbondanza di vitamina C, che non fa rimpiangere i più quotati agrumi. Per inciso, la vitamina C sostiene e potenzia il sistema immunitario. I broccoli contengono anche le vitamine del gruppo B,  una caratteristica non troppo frequente negli alimenti di origine vegetale.

Discorso simile per i sali minerali. In particolare, si segnalano buone dosi di calcio, fosforo, potassio e ferro. Ricco è anche l’apporto di fibre, tale per cui i broccoli possono essere considerati degli ottimi digestivi, in grado di risolvere i casi più leggeri di stitichezza. Secondo alcune recenti ricerche, i broccoli giocano un ruolo importante nella prevenzione e nel contrasto delle malattie infettive respiratorie. Per quanto concerne l’apporto calorico, infine, siamo su livelli molto bassi: un etto di broccoli contiene circa 35 kcal. In occasione di questa ricetta i broccoli vanno puliti e divisi in due o in quattro. Successivamente vanno sbollentati e infine uniti al soffritto di aglio. Come ho già anticipato, l’acqua di cottura dei broccoli va riutilizzata per cuocere la pasta e integrarla alla bisogna nella pasta saltata in padella.

Malfatti con broccoli e salsiccia

La salsiccia fa male?

Molti di voi storceranno il naso per la presenza della salsiccia nei malfatti con broccoli, che puntano a risultare un piatto genuino e salutare. D’altronde questo ingrediente non gode di una buona nomea in quanto risulta ricco di grassi. A tal proposito non c’è nulla da dire, infatti circa il 20-30% della salsiccia è composta da lipidi. Ciò contribuisce a far lievitare l’apporto calorico, che può sfiorare le 400 kcal per 100 grammi. Tuttavia, questa non è una buona ragione per rinunciare alla salsiccia. In primis, perché si può intervenire sulle dosi, limitandole allo stretto necessario, proprio come avviene in questa ricetta: 300 gr. di salsiccia sono sufficienti per “riempire” quattro porzioni.

In secondo luogo, perché la salsiccia può dire la sua in quanto a valori nutrizionali. E’ per esempio un’eccellente fonte di proteine, che non ha nulla da invidiare alla carne fresca. Come quest’ultima, poi, apporta molte vitamine del gruppo B e una certa quantità di sali minerali. Per quanto concerne i nitriti e i nitrati, sono delle sostanze potenzialmente dannose presenti nelle carni trattate, tuttavia nella salsiccia la loro presenza è ridotta al minimo. Ovviamente, abbiate cura di scegliere solo salsiccia di qualità. Ad ogni modo, in occasione di questa ricetta, la salsiccia va spellata e unita al soffritto di aglio. Dopo una discreta fase di rosolatura vengono aggiunti i broccoli e la pasta. Infine si mescola il tutto, si amalgama et voilà i malfatti con broccoli e salsiccia sono pronti.

Dei condimenti semplici per un primo gustoso

Come già anticipato, uno dei pregi di questi malfatti con broccoli e salsiccia è la loro semplicità. Tale valore si declina anche sul fronte dei condimenti. Oltre alla salsiccia e ai broccoli, troviamo solo l’olio, che funge da grasso di cottura e l’aglio, che funge da contorno. Questo viene utilizzato per insaporire, ma viene comunque tolto prima del servizio.

Ciononostante è in grado di rilasciare negli altri ingredienti le sue proprietà nutrizionali, che sono davvero eccellenti. Presenta, infatti, molte vitamine del gruppo B, ma anche alcune sostanze particolari, come l’allicina. Si tratta di un antiossidante in grado di ridurre lo stress ossidativo, contrastare i radicali libero e agire in un funzione anticancro. Buono è anche il contenuto di sali minerali, tra cui spiccano il potassio e il selenio.

Ecco la ricetta dei malfatti con broccoli e salsiccia:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di malfatti consentiti,
  • 300 gr. di broccoli,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 300 gr. di salsiccia,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei malfatti con broccoli e salsiccia iniziate occupandovi dei broccoli. Rimuovete le cime, lavate queste ultime sotto l’acqua corrente, tagliatele in due o in quattro (a seconda della grandezza), poi lessatele in acqua salata per circa 7 minuti. Intanto occupatevi della salsiccia, incidetela per lungo ed eliminate il budello sfilandolo la salsiccia con le mani. Ora soffriggete lo spicchio d’aglio pestato in un po’ di olio. Poi aggiungete la salsiccia e rosolatela leggermente.

Intanto prelevate i broccoli cotti con la schiumarola, conservando nella pentola l’acqua di cottura. Abbassate la fiamma della padella e cuocete i broccoli con la salsiccia per circa 4 minuti. Ora rimuovete l’aglio e aggiustate di sale e pepe nero macinato, infine applicate il coperchio e conservate al caldo. Fate di nuovo bollire l’acqua dei broccoli, cuoceteci i malfatti e prelevateli quando sono al dente. Infine saltateli con la salsiccia e i broccoli per un paio di minuti. Se lo reputate necessario, integrate un po’ di acqua di cottura. A questo punto potete servire.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...

Lasagne vegetariane con pomodori

Lasagne vegetariane con pomodori, davvero squisite

Lasagne vegetariane con pomodori e bietoline, un ottimo piatto vegetariano Le lasagne vegetariane con pomodori e bietoline sono una gradevole alternativa alle classiche lasagne alla bolognese. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-10-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti