bg header
logo_print

Gramigna gluten free, unione tra salute e tradizione

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Gramigna gluten free
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 7 min
cottura
Cottura: 23 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (445 Recensioni)

La gramiglia, una pasta davvero particolare

La gramigna è un tipo di pasta particolare, la cui forma prende spunto dalla nota pianta graminacea.  A proposito di tradizioni, in questo caso è possibile assaporare tutto il gusto della Gramigna tipica dell’Emilia con il vantaggio di essere al cospetto di un prodotto estremamente sicuro, a prova di intolleranti.

Stiamo parlando di una pasta corta che può accompagnarsi con i condimenti più variegati, sia saporiti che leggeri. È adatta dunque ad accogliere sughi importanti e corposi, ma è anche adatta alla preparazione di invitanti zuppe. Una valida alternativa ai formati di pasta che si trovano comunemente sulle nostre tavole.

Ricetta gramigna gluten free

Preparazione gramigna gluten free

Per la preparazione della gramigna gluten free iniziate sgranando la salsiccia, poi rosolatela senza condimento in una padella antiaderente. Sfumate con il sidro e cuocete per una diecina di minuti. Spegnete il fuoco e aggiungete la panna e metà delle noci tritate.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolate al dente. Versate nella padella e saltate per un paio di minuti. Impiattate aggiungendo l’altra meta delle noci tritate.

Ingredienti gramigna gluten free

  • 280 gr. di gramigna Gustamente
  • 350 gr di salsiccia fresca
  • 1 confezione di panna consentita
  • 1/2 bicchiere di sidro
  • una diecina di noci. 

Gramigna gluten free,una pasta tra il classico e l’innovativo

Oggi cuciniamo una gramigna gluten free con salsiccia, panna e noci. Un primo corposo, certo non dietetico, ma che allieta il palato e gli occhi. Con la sua texture cremosa, spezzata dalla croccantezza delle noci, trasforma il momento del pasto in una vera e propria esperienza. Il tutto all’insegna della semplicità, anche perché il piatto è davvero facile da preparare. Basta passare in padella la salsiccia, unire a fuoco spento la panna e le noci, ed infine saltare la pasta.

La gramigna è un formato di pasta molto particolare, paragonabile a dei bucatini molto corti e parzialmente attorcigliati. Per questa ricetta ho utilizzato la gramigna gluten free di Gustamente, un pastificio dalla storia illustre che getta le sue radici negli anni trenta. La pasta è realizzata con un mix di farine alternative, in cui figurano quella di riso e quella di mais.

Il contributo della salsiccia nella gramigna gluten free

Tra gli ingredienti fondamentali di questa gramigna gluten-free spicca la salsiccia. Alcuni potrebbero storcere il naso per via della sua presenza, infatti viene considerata grassa e dannosa per la sua salute. Beh, sul fatto che sia grassa non si può dubitare visto che i lipidi raggiungono il 30% e l’apporto calorico è pari a 340 kcal per 100 grammi. Sul fatto che sia dannosa, invece, è tutto molto opinabile. Anzi, se consumata con prudenza la salsiccia è comunque una buona fonte di proteine e di sali minerali.

Si segnalano in particolare buone dosi di ferro, una sostanza che garantisce buoni livelli di ossigeno nel sangue. Troviamo anche magnesio e manganese, che mantengono elevati i livelli energetici dell’organismo. Sul fronte delle vitamine troviamo la niacina (detta anche vitamina B3), che favorisce la circolazione, protegge la pelle e aiuta a digerire gli alimenti più complessi.

Una ricetta per chi soffre di intolleranze?

La gramigna gluten free è adatta a chi soffre di intolleranza alimentari? Dipende dalle intolleranze. I celiaci non dovrebbero temere alcunché, anche perché la pasta scelta per questa ricetta è naturalmente senza glutine. Discorso diverso per gli intolleranti al lattosio, infatti la lista degli ingredienti comprende la panna, che di norma abbonda di questa sostanza. Il problema è però facilmente risolvibile, basta utilizzare una delle tante panne delattosate che trovate nei supermercati. In questo caso il sapore è del tutto identico alla panna standard, risulta solo un po’ più dolce.

Semaforo rosso, invece, per gli intolleranti al nichel visto che le noci ne contengono un bel po’. Potreste depennarle dalla lista degli ingredienti, ma in questo caso stravolgereste la ricetta. In alternativa potreste utilizzare della verdura croccante, come il radicchio e i finocchi. Anche in questo caso il sapore sarà diverso ma almeno la texture rimane più o meno la stessa.

Un focus sulle noci

Vale la pena parlare delle noci, che sono il tocco creativo di questa gramigna gluten-free. Le noci apportano il loro classico aroma, molto tipico ma incapace di coprire il sapore degli altri ingredienti. Le noci, inoltre, arricchiscono la texture donando più spessore al piatto. Infine le noci fanno anche bene alla salute se vengono consumate con moderazione, infatti non bisogna dimenticare che sono molto caloriche (apportano 500 kcal per 100 grammi).

Tra i punti di forza delle noci spicca l’abbondanza di acidi grassi omega tre che fanno bene alla vista, al cuore, alla circolazione e prevengono gli stati infiammatori. Sono anche ricche di vitamine, come la vitamina E che funge da antiossidante. Per quanto concerne i sali minerali troviamo il magnesio, il potassio e persino il calcio.

In occasione di questa ricetta le noci vanno tritate. Una parte di queste va inserita insieme alla panna, mentre la parte restante va inserita al momento del servizio.

Come preparare il sidro?

Il sidro gioca un ruolo importante in questa ricetta a base di gramigna gluten free, infatti viene utilizzato per sfumare la salsiccia al posto del classico vino bianco. Una scelta particolare che vuole premiare i sentori dolci e aromatici della bevanda. Il sidro è infatti realizzato con il succo di mele e di pere, inoltre conferisce agli ingredienti un tocco amarognolo che risulta sempre gradevole.

Il sidro è facilmente reperibile nei supermercati o nei negozi specializzati in bevande. Tuttavia, è possibile prepararlo anche in casa. Il procedimento non è complesso ma solo un po’ lungo. Si tratta di far fermentare per circa un mese un composto di succo di mele (o pere), zucchero, lievito (necessario alla fermentazione), aromi e spezie (in particolar modo la cannella). Vi ricordo infine che il tempo di conservazione del sidro di mele è inferiore agli altri alcolici.

Ricette di piatti senza glutine ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (445 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Risotto alla malva

Risotto alla malva, un primo piatto aromatico e...

Quale riso scegliere? Per quanto concerne il risotto alla malva vi consiglio di andare sul sicuro utilizzando il riso Carnaroli. E’ la varietà più comunemente usata per il risotto, in quanto è...

Shirataki con verdure e salsa teriyaki

Shirataki con verdure e salsa teriyaki, un piatto...

Cosa sapere sugli shirataki I protagonisti di questa ricetta sono gli shirataki, un tipo di pasta molto consumato in Giappone ma considerata una rarità dalle nostre parti. Gli shirataki si...

Gamberoni in guazzetto

Gamberoni in guazzetto, una raffinata ricetta di mare

I gamberoni, dei crostacei davvero speciali Tra gli ingredienti di spicco della ricetta del guazzetto troviamo i gamberoni. Rispetto ai gamberi propriamente detti si caratterizzano per le dimensioni...