Uva spina sotto spirito, una preparazione versatile

Uva spina sotto spirito
Commenti: 0 - Stampa

Uva spina sotto spirito, una preparazione dai tanti usi

L’uva spina sotto spirito è la classica ricetta della nonna, ossia una conserva fatta in casa che fa riferimento alla migliore tradizione italiana. Il sapere popolare, infatti, tramanda di generazione in generazione le tecniche per conservare frutta e verdura. Ciò che però è nato come una necessità (impedire il deperimento dei cibi) si è trasformato in una risorsa gastronomica. L’uva spina è un chiaro esempio di questo fenomeno, dato che può essere utilizzata in molti modi. Merita certamente di essere consumata così come si trova, quasi alla stregua di uno snack dolce. Analogamente, può essere utilizzata per preparare dolci (ottima nei dolci al cucchiaio), e in particolare per realizzare decorazioni gustose e di forte impatto.

Infine, può essere impiegata per preparare antipasti e stuzzichini agrodolci, che sappiano esprimere una raffinata idea di eleganza. La ricetta non è nemmeno troppo complicata. L’uva spina va lavata con cura e asciugata con altrettanta attenzione. Va poi inserita nei barattoli e ricoperta con grappa e sciroppo. Per garantire ulteriore sapore, vanno aggiunti anche la cannella e l’anice stellato.

Le proprietà dell’uva spina

Nonostante una marcata ricchezza di ingredienti, quasi insolita per una conserva di frutta, il protagonista di questa preparazione rimane l’uva spina. Il nome fa pensare a una qualche parentela con l’uva, ma in realtà è un “cugino” del ribes, che si distingue per il sapore dolce e solo leggermente acidulo, oltre che per il colore chiaro, tendente al verde. L’uva spina sotto spirito contiene molte vitamine e sali minerali. In particolare, si apprezzano buone dosi di vitamina C, che aiuta il sistema immunitario a contrastare batteri, virus e parassiti. Si segnalano anche tracce di vitamina A, che fa bene alla vista e non solo. Non mancano nemmeno il potassio, il calcio, il magnesio e le fibre.

Il potassio è coinvolto in molti processi dell’organismo, soprattutto quelli responsabili della salute del cuore e della circolazione. Il calcio fa bene alle ossa, mentre il magnesio funge da ricostituente. Le fibre, infine, aiutano a digerire e a risolvere i casi non patologici di stitichezza. L’uva spina è un frutto salutare, che in passato veniva utilizzato per curare alcuni malati. Di certo è un ottimo astringente, nonché un eccellente diuretico. Il merito va all’abbondanza di acqua, rara per i frutti della sue categoria.

Un focus sulla grappa

La ricetta prende il nome di uva spina sotto spirito ma si dovrebbe chiamare “uva sotto grappa”. E’ infatti il celebre alcolico a fungere da liquido di conservazione. Un ruolo che non esercita in via esclusiva, ma insieme allo sciroppo. Entrambi gli ingredienti, per inciso, insaporiscono l’uva spina, conferendole una sorta di seconda vita. Non che il risultato finale sia radicalmente diverso dal frutto fresco, ma poco ci manca.

Vale la pena spendere qualche parola per la grappa, che è un po’ il simbolo della tradizione liquoristica italiana. Anzi, in alcune regioni, come il Veneto, è una sorta di istituzione. Tecnicamente è un acquavite realizzata con le vinacce, ovvero con le bucce dell’uva. Si distingue, oltre che per il suo sapore tipico, anche per l’elevata gradazione alcolica. Per legge non può essere inferiore a 37,5 gradi, ma supera abbondantemente i 45. Le grappe più alcoliche, tra quelle considerate ufficiali, superano i 60 gradi.

Uva spina sotto spirito

Le meravigliose proprietà della cannella

Tra le spezie utilizzate per l’uva spina sotto spirito spicca la cannella. E’ una delle spezie più utilizzate in cucina e apprezzata per la sua versatilità. Infatti, da un lato aromatizza, proprio come dovrebbe fare qualsiasi spezia, mentre dall’altro dolcifica. Non è un caso che venga utilizzata per le ricette di dolci, in cui viene spesso inserita nell’impasto. In maniera altrettanto naturale, viene utilizzata anche nelle ricette salate per conferire un tocco agrodolce.

La cannella si distingue anche per le proprietà curative. Contiene molte sostanze antiossidanti, capaci di ridurre le probabilità di contrarre il cancro. Analogamente, contiene sostanze che alleviano i dolori e contribuiscono a risolvere le infiammazioni, se non causate da infezioni virali o batteriche. Infine, la cannella è ricca di vitamine e sali minerali, anche di più della frutta e della verdura. Tuttavia, la cannella va usata con accortezza, in quanto si tratta pur sempre di una spezia che potrebbe coprire gli altri sapori.

Proprietà e usi dell’anice stellato

Anche l’anice stellato figura tra gli aromi dell’uva spina sotto spirito. Si tratta di una pianta che fa parte delle “magnoliaceae”, di cui si utilizzano i frutti (non commestibili) nella veste di aromi. Dall’anice si ricava un olio essenziale capace di esercitare delle buone proprietà curative. In generale, l’anice stellato può essere considerato un valido esponente della medicina popolare. Viene impiegato come depurativo, antispasmodico, antivirale e antinfiammatorio. Secondo il senso comune è utile per accelerare la guarigione da bronchite, tosse e affezioni polmonari non gravi.

L’anice stellato viene preparato anche sotto forma di infuso, e più raramente sotto forma di decotto. Gli infusi all’anice stellato si rivelano utili in caso di problemi allo stomaco, disturbi digestivi e flatulenza. In alcuni casi è in grado di risolvere o lenire i dolori cronici, come quelli scatenati dall’artrite. Tuttavia, bisogna tener presente che l’anice stellato presenta controindicazioni da interazione con altri farmaci (cortisonici e antidolorifici FANS).

Ecco la ricetta dell’uva spina sotto spirito:

Ingredienti:

  • 1 lt. di grappa,
  • 500 gr. di uva spina,
  • 1 stecca di cannella,
  • 2 fiori di anice stellato,
  • 2 chiodi di garofano,
  • 150 gr. di zucchero semolato,
  • 1 bicchiere d’acqua.

Preparazione:

Per preparazione del l’uva spina sotto spirito iniziate a preparare lo sciroppo. Come prima cosa prendete un pentolino e versate il bicchiere d’acqua e lo zucchero, poi mescolate con cura e accendete il fuoco. Fate cuocere per almeno due minuti dopo il raggiungimento del bollore. Quando lo sciroppo è pronto, mettetelo da parte e lasciatelo raffreddare. Ora staccate gli acini dell’uva spina e lavateli con cura sotto l’acqua corrente , poi fateli scolare in modo che siano completamente asciutti; se necessario utilizzate un canovaccio pulito.

Trasferite l’uva spina nei barattoli di vetro a chiusura ermetica puliti e sterilizzati, poi aggiungete una stecca di cannella. i chiodi di garofano e due fiori di anice stellato. Versate anche la grappa (mescolata allo sciroppo) e ricoprite completamente l’uva spina. Sigillate, etichettate e riponete i barattoli in un luogo fresco e al riparo dalla luce. Attendete almeno due mesi prima di consumare l’uva spina sotto spirito.

0/5 (0 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gelatina di ribes

Gelatina di ribes, un alleato in cucina

Gelatina di ribes, usi e applicazioni La gelatina di ribes rosso può essere preparata tranquillamente in casa, dal momento che richiede giusto un paio di ingredienti e non pone in essere...

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Limoni confit

Limoni confit, come valorizzare un celebre agrume

Limoni confit, un’idea della cucina marocchina I limoni confit, o limoni sotto sale, rappresentano un unicum in questa categoria. Con il termine confit si intende in realtà un metodo di cottura...

Marmellata di arance e fiori di sambuco

Marmellata di arance e fiori di sambuco, una...

Marmellata di arance e fiori di sambuco, un abbinamento straordinario La marmellata di arance e fiori di sambuco è una marmellata diversa dal solito. Ciò dipende dalla presenza di un ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti