Torta salata con scarola, uno snack gustoso

Torta salata con scarola
Commenti: 0 - Stampa

Torta salata con scarola capperi e acciughe, una ricetta nichel free

La torta salata con scarola, capperi e acciughe è un’idea particolare per una merenda salata gustosa e anti intolleranze. La torta non è realizzata con i pomodori normali, che contengono nichel (e anche molto), ma con i pomodori zebrati de La Pietra. Questa azienda agricola si è impegnata negli ultimi anni nella coltivazione a zero nichel, una “mission” ambiziosa che ha portato avanti con competenza e passione. I pomodori di La Pietra sono senza nichel in virtù della particolare cura del suolo, che è stato sostanzialmente privo di questa sostanza. Non un dettaglio da poco se si considerano quante persone soffrono di intolleranza al nichel. Una intolleranza insidiosa, che spesso viene scoperta con grande ritardo e che può impattare seriamente sul proprio tenore di vita.

Per il resto, i pomodori de La Pietra sono semplicemente ottimi. Saporiti e validi dal punto di vista nutrizionale, si pongono nella fascia medio-alta in termini di qualità. Come tutti i pomodori sono ricchi di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario, e di potassio, che supporta la circolazione del sangue. Troviamo anche il ferro, che mantiene il sangue ben ossigenato e attenua i sintomi dell’anemia. Per quanto concerne la ricetta, essa è molto semplice e si inserisce nella tradizione delle torte salate all’italiana. Anche perché basta utilizzare un rotolo di pasta frolla salata “industriale” di qualità, che rende bene quanto la pasta frolla fatta in casa. Se possibile, acquistate una pasta frolla senza glutine. La farcitura si compone delle acciughe, dei capperi, della scarola e dei pomodori.

La scarola, una verdura ricca di nutrienti

La torta salata con scarola, capperi e acciughe spicca per un sapore pungente e un po’ amarognolo. Il merito va proprio alla scarola, che esercita il suo impatto in modo discreto e senza coprire gli altri ingredienti. Benché di origine popolare, la scarola può valorizzare le ricette più complesse, come quelle più semplici. La scarola non è solo buona, ma è anche ricca di importanti sostanze nutritive. Il riferimento è in primo luogo alle fibre, che abbondano nelle verdure a foglia verde. Le fibre supportano l’attività dell’apparato digerente e aiutano a risolvere lievi problemi di stitichezza. La scarola è anche ricca di acqua, sicché può essere considerata una sorta di diuretico naturale. L’apporto calorico è ovviamente misero e quasi trascurabile.

Si segnalano anche quantità importanti di sali minerali e vitamine. Contiene, infatti, il ferro e il potassio, che come abbiamo visto fanno bene alla salute. Contiene anche la vitamina A, che fa bene alla vista, ai capelli e alle unghie. La scarola apporta, inoltre, la rara vitamina K, che aiuta l’organismo a regolare la densità del sangue. Insomma, siamo di fronte a una verdura preziosa, che andrebbe rivalutata. In occasione di questa ricetta, la scarola va passata in padella su un leggero soffritto di scalogno, e arricchita in seguito con gli altri ingredienti della farcitura.

Torta salata con scarola

Le proprietà nutrizionali delle acciughe

Anche le acciughe fanno parte di questa torta salata con scarola, impattando molto sul gusto. Nello specifico, aggiungono quel tocco di sapidità in più che le torte con verdura non riescono a dare. Le acciughe sono l’unica fonte di carboidrati della ricetta. Dalla lista degli ingredienti manca, infatti, qualsiasi tipo di latticino, il ché rende la torta priva di lattosio, ma allo stesso tempo povera sotto il profilo proteico. Le acciughe sono oggetto di pregiudizi in virtù dell’eccessivo apporto calorico. In realtà siamo sulle 200 kcal per 100 grammi, un valore più alto rispetto agli altri pesci, ma basso in senso assoluto.

Inoltre, le acciughe contengono grassi benefici, che giovano alla salute del nostro cuore. I grassi più presenti nelle acciughe sono i famosi acidi grassi omega tre. Le acciughe sono ricche anche di sali minerali, e in particolare di fosforo. Questa sostanza contribuisce al miglioramento delle facoltà mentali, soprattutto della memoria. Per preparare questa torta salata, le acciughe vanno aggiunte alla padella quasi a cottura ultimata, d’altronde si cuociono in pochissimo tempo.

Attenti al sale nei capperi

I capperi rappresentano una parte importante di questa torta salata con scarola. La loro presenza non deve stupire, anche perché sono un abbinamento azzeccato con le acciughe. L’accoppiata acciughe capperi è un must di molte ricette nostrane, a tal punto che si trovano anche nella pizza. I capperi danno gusto ai piatti, dal momento che spiccano per il sapore pungente e gradevole. Hanno però un difetto, contengono molto sale. Ciò è dovuto alla loro composizione biologica, che è formata da una quantità di sodio superiore alla media.

I capperi, inoltre, sono spesso conservati sotto sale. E’ dunque fondamentale la fase di pulitura, ossia il loro completo dissalamento. Come dissalare i capperi? Niente di più semplice, ponete i capperi in un colino a maglie strette e lavali più volte sotto l’acqua fredda. Il processo è abbastanza lungo, ma efficace. In questo modo potete consumare i capperi senza alcun timore.

Un’altra idea per accontentare tutte (o quasi) le intolleranza è la torta salata con finocchi e cocco. E’ una torta salata molto particolare, anche perché contiene alcuni elementi dolci. E’ comunque una pietanza equilibrata, in grado di piacere un po’ a tutti. La base è realizzata con farine alternative, ma che alla lunga risultano persino più buone rispetto a quelle di frumento. Può essere considerato piatto unico o secondo piatto.

Il ripieno è particolare, ed è formato da un misto di ingredienti dolci e salati. La guarnizione, che comunque impatta parecchio sul piano organolettico, è realizzata con il finocchio. Il finocchio è un ortaggio che non si fa apprezzare solo per il sapore decisamente aromatico, ma anche per le numerose proprietà nutrizionali.

Ecco la ricetta della torta salata con scarola, capperi e acciughe:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di pasta frolla salata o pasta sfoglia consentita,
  • 400 gr. di scarola,
  • 100 gr. di pomodori zebrati La Pietra,
  • 30 gr. di acciughe,
  • 30 gr. di capperi,
  • 60 gr. di olive denocciolate,
  • 80 gr. di scalogno,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • un pizzico di sale.

Preparazione:

Per preparare la torta salata con scarola, capperi e acciughe iniziate dallo scalogno. Pelate lo scalogno e affettatelo, poi imbionditelo in una padella con dell’olio caldo. Mondate e lavate la scarola. Ora aggiungete le acciughe e la scarola fatta a julienne, poi continuate a cuocere per 20 minuti. Terminata la cottura, mettete in padella le olive e i capperi. Regolate di sale e lasciate raffreddare il composto per qualche minuto.

Ora coprite una tortiera con la carta da forno e stendete il rotolo di pasta frolla. Bucherellate leggermente con i rebbi di una forchetta. Poi aggiungete il ripieno di scarole e mettete i pomodorini tagliati a spicchi, ricreando il motivo che vedete in foto. Infine, cuocete in forno preriscaldato per 30 minuti a 190 gradi. Servite la torta calda e buon appetito.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta concia

Polenta concia, una versione cremosa e nutriente

Polenta concia, la tradizione a portata di mano La polenta concia è un modo diverso di intendere la polenta, nonché un piatto facile da preparare. La ricetta fa comunque parte della tradizione...

Purple strudel

Purple strudel o strudel salato viola, merenda gustosa

Purple strudel, una merenda davvero speciale. Il purple strudel o strudel salato viola è una merenda salata che presenta alcuni elementi peculiari. Per esempio, il colore viola. Non che uno strudel...

Quiche lorraine

Quiche lorraine, la torta salata per eccellenza

Quiche lorraine, dalla Francia la torta salata per eccellenza Oggi vi presento la quiche lorraine, uno dei piatti unici francesi più amati in patria e all’estero. E’ una torta salata tipica...

Quiche con funghi chiodini

Quiche ai funghi chiodini, una torta leggera e...

Quiche ai funghi chiodini, uno splendido esempio di torta salata La quiche ai funghi chiodini è una torta salata tutto sommato tradizionale, ma che non manca di stupire per l’abbinamento di...

Torta con finocchio e cocco

Torta salata con finocchi e cocco, dolce e...

Torta salata con finocchi e cocco, una delicata combinazione La torta salata con finocchi e cocco è una torta salata molto particolare, anche perché contiene alcuni elementi dolci. E’ comunque...

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti