Il gateau o gattò di patate : un piatto nazionale

gateau di patate
Commenti: 0 - Stampa

Un piatto semplice, ma anche speciale: il gateau o gattò di patate

Il gateau o gattò di patate è un piatto semplice da preparare, che si adatta bene a tutte le stagioni. In casa mia è più apprezzato in inverno. Si tratta di una pietanza di origine antica a base di patate , che oggi può essere preparata in tantissime varianti.

Per questo motivo, piace a tutti, sia ai bambini che agli adulti. È perfetto per le feste, le cene, i pranzi in famiglia e i picnic in compagnia di amici e parenti.

Abbiamo a che fare con una torta di patate molto versatile. Infatti, il gateau di patate può essere servito come piatto unico oppure come secondo, antipasto o contorno. E un piatto che potete rendere unico e diverso in base ai propri gusti in fatto di ingredienti. Io, per esempio,  ho messo la salsiccia ma nulla vieta di sostituirla con il prosciutto cotto.

La mozzarella si puo’ sostituire con una provola affumicata. Può essere preparato in anticipo e servito sia caldo che freddo, motivo per cui è molto consigliato anche per buffet e aperitivi. L’ingrediente principale di questa ricetta è chiaramente la patata: un alimento ricco di amidi e fibre, che contiente pochi grassi… Parliamone un po’!

Patate: bontà, sazietà e molto altro!

Le patate presentano un alto contenuto di acqua e fibra alimentare, così come di carboidrati. La loro consistenza le rende molto adatte alla preparazione del gateau o gattò di patate che, per l’appunto, si rivela compatto e sostanzioso in ogni suo boccone.

Ma quali sono le altre proprietà di questo alimento? E’ utile sapere che le patate sono molto ricche di vitamine e minerali: contengono infatti elevati livelli di vitamina A, B2, B3, C, potassio, fosforo, magnesio e ferro.

gateau di patate

Grazie a queste sostanze, apportano all’organismo ottimi benefici: riducono l’assorbimento di grassi, zucchero e colesterolo; stimolano l’attività intestinale e donano quasi subito un notevole senso di sazietà.

Questi diventano,  inoltre,  una parte degli effetti positivi per l’organismo, derivati dal consumo del gateau o gattò di patate. Perciò, potrete contare in particolare sulla presenza del potassio, perfetto per favorire il benessere e il corretto funzionamento dell’apparato circolatorio.

Le ottime proprietà delle patate

Le patate sono uno degli alimenti principe della cucina, punto di riferimento di tantissime culture gastronomiche. Ciò non stupisce se si considera l’elevato valore nutrizionale di questo ortaggio, come anche la sua versatilità e la facilità di coltivazione. Le patate, in genere, vengono interrate negli ultimi mesi invernali, mentre la raccolta avviene intorno a luglio e ad agosto.

L’alimento se conservato in ambienti bui può mantenersi intatto anche per molti mesi. La patata è un alimento completo. Il suo apporto calorico è superiore alla media degli altri ortaggi, ma non è eccessivo.

A renderla calorica sono alcune tipologie di cottura, su tutte la frittura.  Per il resto la patata è un’ottima fonte di energia, offerta soprattutto da carboidrati in essa contenuti.

All’appello però non mancano vitamine e sali minerali, il riferimento è alla vitamina C, al potassio, al fosforo, al magnesio, al ferro e allo zinco. L’indice glicemico è generalmente basso e comunque estremamente suscettibile in base alle differenti varietà.

I vari tipi di patate

Le varietà di patata sono davvero numerose, anche perché è un ortaggio coltivato praticamente in tutto il mondo.

  • A pasta gialla. La polpa è compatta e di colore acceso. Questa varietà è consigliata e adatta alla frittura o alle cotture prolungate. E’ ricca, inoltre, di carotene.
  • A pasta bianca. La polpa è chiara, molto morbida e farinosa. Non è adatta alle cotture prolungate, ma è solitamente indicata per preparare purè e gnocchi.
  • Viola. La consistenza è simile a quella delle patate a pasta bianca. Hanno un colore tendente al viola, determinato da una presenza spiccata di antocianine, che sono dei preziosi antiossidanti.
  • Rossa. La polpa in genere ha un colore acceso e per una spiccata compattezza. Per questo motivo sono adatte a cotture intense e lunghe, come quella al cartoccio.
  • Novelle. Hanno una buccia sottile e per un grado di maturazione minimo. Il loro ciclo di vita è breve, dunque andrebbero consumate quasi subito. Sono indicate per la bollitura, anche con la buccia.
  • Andine “sopravvissute” al tempo, si differenziano tra loro sia per il sapore, che per il loro colore e per gli usi che ne possiamo fare. Hanno un elevato contenuto di proteine di buona qualità.

Passiamo alla pratica: le diverse varianti del gateau di patate…

Questi ingredienti diuretici, idratanti, drenanti e depurativi, supportano il lavoro dell’intestino e si rivelano utilissimi per chi sta riscontrando una carenza di ferro o soffre di anemia. Infatti, le patate sono ricche di ferro e acido folico.

Questi tuberi potranno diventare i golosi e salutari protagonisti di molte tipologie di gateau o gattò di patate, e venire accompagnate da diversi ingredientiPer la prepar. azione di questa ricetta, si possono usare alimenti come la mozzarella, i capperi, le olive, la carne e tutto ciò che vi piace.

Il gateau o gattò di patate può diventare essenzialmente un piatto unico: grazie a tutti gli ingredienti, può proporre tutti i micro e macronutrienti di cui abbiamo bisogno.

In ogni versione, si tratta di una pietanza completa e ricca di gusto, nonché molto amata in Italia. Perciò, non ci resta che andare a preparare un bel gateau adatto agli intolleranti al glutine e al lattosio!

Ed ecco la ricetta del gateau o gattò di patate

Ingredienti per 4 persone

  • 6 patate grandi
  • 1 mozzarella di bufala consentita
  • 150 gr. salsiccia fresca a cubetti
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di pangrattato (2 gallette di quinoa polverizzate)
  • 50 gr.  di parmigiano reggiano stagionato 48 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • una grattatina di noce moscata
  • q.b. di sale e pepe

Preparazione

Lavate le patate sotto acqua corrente e mettetele a cuocere con la buccia in una pentola con abbondante acqua fredda salata per circa 40 minuti.

Tagliate la mozzarella e mettetele a scolare in un colino. Strizzate molto bene per eliminare il siero. Una volta scolata unitevi la salsiccia tagliata a dadini.

Quando le patate sono cotte scolate. Lasciate raffreddare. Spellate bene le patate ancora calde e passatele nello schiacciapatate raccogliendo la purea in una ciotola.

Aggiungete le uova , il parmigiano grattugiato, la salsiccia, la mozzarella, una grattugiata di noce moscata, del pan grattato ed una spolverata di pepe. Amalgate il composto fino a quando è vellutato e privo di grumi

In una teglia di ceramica, versate quindi il composto appena ottenuto, livellatelo con una spatola e sulla superficie cospargete con un parmigiano e pangrattato mescolati insieme. Volendo potete aggiungere dei fiocchetti di burro chiarificato.

Mettete la teglia a cuocere in forno ventilato già caldo a 190° C e fate cuocere fino a che sarà ben dorato in superficie.

Sfornate e fate intiepidire prima di servire.

5/5 (810 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-03-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti