Pizza di scarola e olive taggiasche: fredda o calda?

Pizza di scarola e olive taggiasche
Commenti: 0 - Stampa

Antipasto o piatto unico? La Pizza di scarola e olive taggiasche

La pizza di scarola e olive taggiasche è un piatto unico che può essere consumato sia d’inverno che d’estate, ma è molto indicato per un menù Pasquale assai tradizionale. L’ideale è servirla in tavola calda e tagliata già a tranci in modo da arricchire la vostra tavola con gusto e semplicità. Molto ricca di fibre, di grassi e di vitamine, questa ricetta si prepara in maniera molto semplice, seguendo pochi passi. Solitamente la preparo per il picnic di Pasquetta e sono tutti felici!

Inoltre, è un piatto che può essere anche consumato freddo, ma accompagnato da salse piccanti oppure da un secondo proteico, come carne oppure pesce. La pizza di scarola ha un gusto molto deciso e, anche se la sua origine è tipicamente ligure, ormai è un piatto che si sta diffondendo in tutta Italia, persino in Europa. Adatto anche per le gite fuori porta, per i picnic sulle pinete, è un piatto che rappresenta un ottimo spuntino energetico, soprattutto se accompagnato da companatico o salumi.

L’oliva taggiasca tra storia e tradizione

Questo piatto è ricco di ingredienti energetici soprattutto per la presenza dell’oliva taggiasca che ha origine in Liguria ed è chiamata così perché è stata portata dai monaci di San Colombano nella città di Taggia dove fecero degli innesti di oliva che poi si sono diffusi in tutta Italia. La pizza di scarola e olive taggiasche è molto gustosa perché queste olive apportano un sapore simile a quelle delle mandorle che ben si sposa con la scarola che deve essere fresca e soprattutto tenera in modo da risultare molto dolce e gustosa.

Pizza di scarola e olive taggiasche

La pizza di scarola e olive taggiasche è una ricetta molto utilizzata dalle antiche massaie, ma anche dalle donne in carriera proprio perché un piatto alquanto veloce e assai versatile nelle sue varianti. Poi, ovviamente, si possono fare delle aggiunte o modifiche.

Consigli utili: come variare e decorare la Pizza di scarola e olive taggiasche

C’è chi sostituisce la pasta brisée con la pasta sfoglia e chi aggiunge al condimento anche dei capperi oppure dei pinoli, ma c’è pure chi incorpora bottarga grattugiata o pasta di peperoncino. La pizza di scarola e olive taggiasche richiama di solito un abbinamento con le proteine della carne per questo molti adorano anche aggiungere nel condimento salsiccia sbriciolata o ancora salsiccia pasquarola che dona un sapore ancora più forte alla scarola e alle olive.

La pizza di scarola e olive taggiasche non disdegna neppure un condimento caramellato con vino rosso oppure con vino bianco (se mantenete la presenza delle acciughe all’interno). Per una decorazione d’effetto potete aggiungere dei pomodorini freschi tagliati a metà oppure potete spennellare la parte superiore della pasta brisè, dopo averla sfornata, con un olio al peperoncino e pomodorini secchi tritati. Il risultato sarà veramente eccezionale!

Ed ecco la ricetta della Pizza di scarola e olive taggiasche

Ingredienti per 4 persone

  • 2 rotoli di pasta briseè consentita
  • 1 cespo di scarola
  • 20 olive taggiasche denocciolate
  • 3 filetti di acciuga
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di sale

Preparazione:

Mondate e lavate bene la scarola, poi scottatela in acqua bollente salata per 5/6 minuti.  Scolatela molto bene e fatela saltare in una padella antiaderente con l’aglio, l’olio e le acciughe per 10 minuti circa. Spegnete la fiamma, eliminate lo spicchio d’aglio e lasciatela intiepidire.

Ricoprite il fondo di una teglia tonda con la carta forno stendete un rotolo di pasta briseè.

Farcitelo con la scarola, le acciughe e le olive taggiasche.

In una ciotolina sbattete un uovo e pennellate i bordi della pizza di scarola e olive taggiasche. Adagiate il secondo rotolo di briseè e arricciate i bordi facendoli aderire al rotolo nella teglia.

Con i rebbi di una forchetta bucherellate la superficie affinché l’umidità esca. Spennellate tutta la superficie con il restante uovo sbattuto

Cuocete la Pizza di scarola e olive taggiasche in forno già cado a 180° per circa 40/45 minuti.

Al termine della cottura toglietela dal forno e fatela intiepidire. E’ ottima sia calda che fredda.

5/5 (459 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Schiscetta della studentessa

Schiscetta della studentessa, un pasto sano e veloce

Le pietanze della schiscetta della studentessa Oggi vi presento la schiscetta della studentessa, un vero e proprio menù, più che una pietanza. Una proposta gastronomica per chi, per un motivo o...

petto di anatra ed insalata

Pranzo in ufficio con petto di anatra ed...

Pranzo al volo con petto di anatra ed insalata. Se sei alla ricerca di un’idea golosa e pratica per l’ufficio, nutriente e particolare, questa ricetta del petto d’anatra ed insalata con mix di...

schiscetta pollo al curry

Schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry

Una schiscetta ai profumi d’oriente. Oggi la schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry. Un'idea molto golosa composta principalmente da due pietanze: gli spiedini di pollo al curry...

Club sandwich

Pranzo al sacco completo per gite fuori porta

Club sandwich, chips di frutta e mela: il pranzo al sacco è servito Gita scolastica in vista? Non sapete cosa preparare per i piccoli di casa? Nessun problema con questo pranzo al sacco, ricco e...

focaccia al rosmarino con tartare di salmone

La focaccia al rosmarino con tartare di salmone

Picnic con la focaccia al rosmarino, tartare di salmone. La focaccia al rosmarino con tartare di salmone per la tua gita!. Avete in programma un’uscita fuori porta o un picnic con tanto di...

cake salato alla zucca e olive

Cake salato alla zucca e olive verdi per...

Cosa mi porto a lavoro per pranzo? Ecco il cake salato che fa per te! Il cake salato alla zucca e olive verdi è uno dei piatti che vi consiglio di portare a lavoro. Sana e nutritiva, questa...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti