Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla
Commenti: 0 - Stampa

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare

Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne rispetta lo spirito originale. Le peculiarità vanno rintracciate nella lista degli ingredienti e nel procedimento. Per quanto concerne la prima, troviamo la camomilla, che non è esattamente un componente del gelato classico, e lo Skyr, che è un prodotto dal carattere particolare.

La merenda è un appuntamento fondamentale della giornata dei bambini e degli adolescenti. La merenda deve essere un sano momento di piacere e gusto. La soluzione di un buon gelato è sicuramente una scelta gustosa e nutriente senza dover rinunciare al gusto e alla golosità. Lo spuntino di metà pomeriggio è un piacere al quale nemmeno gli adulti vogliono rinunciare.

Per quanto concerne il procedimento, occorre utilizzare il processo di infusione. Il composto che dà vita al gelato, infatti, è frutto dell’infusione della camomilla nel latte. Inoltre va utilizzata la macchina del gelato, un dispositivo molto diffuso all’estero, ma poco usato in Gelato allo Skyr e camomillaItalia. La ragione è prettamente sociale in quanto, dalle nostre, parti il gelato è associato alla classica passeggiata e quindi non vi è l’abitudine di prepararlo in casa.

Tuttavia, se viene utilizzata con perizia, la macchina del gelato regala parecchie soddisfazioni. I gelati preparati in casa non hanno nulla da invidiare ai gelati artigianali. Questo tipo di gelato, in particolare, propone sentori diversi dal solito e in grado di stuzzicare la fantasia. Il riferimento va in particolare all’estratto di vaniglia, una spezia sottovalutata ma comunque salutare, almeno a giudicare dall’elevato apporto di antiossidanti.

Cos’è lo Skyr e quali sono le sue caratteristiche

Tra gli ingredienti principali del gelato allo Skyr e camomilla, capaci di segnare un punto di rottura rispetto al gelato classico, spicca proprio lo Skyr. Si tratta di un prodotto caseario a base di latte vaccino della tradizione islandese, da poco “approdato” anche in Italia. Lo Skyr è tecnicamente un formaggio fresco, in quanto realizzato con il caglio, ma si rivela molto simile allo yogurt bianco-greco in termini di gusto, consistenza e valori nutrizionali.

Lo Skyr è in genere poco calorico, ricco di proteine, calcio e vitamina D. Per inciso, il calcio fa bene alle ossa, mentre la vitamina D impatta positivamente sulle performance del sistema immunitario. In occasione di questa ricetta vi consiglio di utilizzare lo Skyr alla vaniglia di Exquisa. Questo brand ha interpretato alla perfezione la ricetta originale islandese, adattandola la meglio per renderla compatibile con il gusto mediterraneo.

nuovi skyrExquisa ha messo a disposizione alcune varietà di Skyr, tra cui spicca quello alla vaniglia. E’ un prodotto ottimo da utilizzare in solitaria, ma ancor di più se inserito all’interno di ricette più complesse.

Lo Skyr alla vaniglia spicca per i buoni valori nutrizionali e per un apporto calorico equilibrato. Exquisa produce anche Skyr bianco e il nuovissimo Skyr alla ciliegia che può essere mangiato con l’aggiunta di frutta secca e accompagnato da un succo di frutta. Va specificato che non è un prodotto lactose-free. In compenso è senza conservanti, senza glutine, ideale per vegetariani.

Le proprietà nutrizionali della camomilla

La camomilla è uno degli ingredienti principali di questo gelato allo Skyr, ed è in grado di caratterizzarlo rispetto ai gelati classici. La camomilla non funge da ingrediente di supporto, ma impatta profondamente dal punto di vista organolettico. Nello specifico va posta in infusione nel latte caldo, come se si dovesse preparare una sorta di tisana al latte.

A tal proposito, vale la pena spendere qualche parola per la camomilla, un alimento molto utilizzato di cui siraccolta camomillaignorano spesso le potenzialità sul fronte nutrizionale. Questa pianta esercita un’azione sedativa e rilassante, inoltre è anche un buon antinfiammatorio, un discreto antispasmodico, un lenitivo e un eccellente antimicrobico. Insomma, più che una pianta floreale, è una vera e propria spezia.

E’ inoltre ricca di antiossidanti, sostanze che agiscono in funzione antitumorale, riducendo lo stress ossidativo e regolando i meccanismi di riproduzione cellulare. La camomilla è tra le specie più diffuse nel nostro Paese, inoltre non è molto esigente in termini di suolo e di clima.

Va comunque segnalata la presenza di molte varietà, alcune delle quali si caratterizzano per proprietà e gusto a se stanti. La camomilla “classica”, quella che si consuma abitualmente, viene detta camomilla comune o tedesca. Nel centro Italia, però, è diffusa anche la camomilla romana, che spicca per un effetto sedativo più blando, ma per un sapore più forte e speziato.

Il miele come dolcificante

Il gelato è dolce per definizione. In genere una parte della dolcezza è dovuta alla presenza del latte,  mentre l’altra parte è data in genere dallo zucchero. Questa ricetta del gelato allo Skyr e camomilla compie una scelta diversa e opta per la partecipazione di un ingrediente dolcificante diverso, che fa parte all’alimentazione quotidiana, ma raramente viene associato al gelato.

Mi riferisco in particolare al miele. Esatto, il miele è uno dei dolcificanti naturali più potenti in natura, inoltre è un alimento delizioso e nutriente che caratterizza molte ricette (persino quelle salate).

Il miele è un ottimo alimento e anche soffre di  intolleranze ai lieviti e al nichel (come nel mio caso). E’ senza glutine e senza lattosio. Il mio prof me lo fa utilizzare con tranquillità nei giorni di dieta libera.

Non dimentichiamo che l’indice glicemico del miele è nettamente minore di quello dello zucchero semolato.

Una buona notizia per chi soffre di diabete e per chi sta sostenendo una dieta dimagrante. Infatti, alti indici glicemici sono associati a un maggiore senso della fame, con tutto ciò che ne consegue in termini di apporto calorico.

E’ anche un alimento salutare, anzi viene considerato il classico “rimedio della nonna”, soprattutto in caso di raffreddore, tosse e mal di gola. E’ comunque ricco di vitamine, sali minerali e antiossidanti, che come abbiamo visto fanno bene alla salute in quanto aiutano a prevenire il cancro.

Ecco la ricetta del gelato allo Skyr e camomilla:

Ingredienti per 8 persone:

  • 400 gr. di Skyr alla vaniglia Exquisa,
  • 500 ml. di latte fresco intero,
  • 2 cucchiai  di camomilla essiccata,
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
  • 1 cucchiaio di succo di limone,
  • 150 gr. di miele di acacia,
  • q. b. di sale,
  • qualche foglia di menta.

Preparazione:

Per la preparazione del gelato allo Skyr e camomilla iniziate scaldando il latte fino a farlo bollire, poi versate la camomilla e lasciatela in infusione per 5 minuti. Filtrare e fate raffreddare prima di unire la vaniglia, il miele di acacia, il limone e un po’ di sale. Infine mettete il tutto per 2 ore in frigorifero.

Trascorso questo lasso di tempo, unite lo Skyr e trasferite il composto nella gelatiera. Seguite le istruzioni e aspettate che la macchina completi il processo. Ora servite il gelato, guarnendolo con un po’ di miele e qualche foglia di menta.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...

mousse alla verbena

Mousse alla verbena, un dolce dai sapori insoliti

Mousse alla verbena con composta, un dolce al crumble La mousse alla verbena con composta di mirtilli è un’idea simpatica per un dessert diverso dal solito e in grado di stupire gli ospiti. Di...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti