bg header
logo_print

Gelato al cioccolato, una dolce versione fatta in casa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Gelato al cioccolato
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 08 ore 40 min
cottura
Cottura: 00 ore 10 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
Array
5/5 (8 Recensioni)

Gelato al cioccolato, buono come in gelateria

Grazie a questa ricetta, riuscirete a preparare un gelato al cioccolato buono come quello delle gelaterie artigianale. La preparazione non è affatto complicata, ma richiede molti passaggi e una particolare attenzione alla temperatura degli ingredienti e delle miscele. Inoltre, è necessaria la macchina del gelato, un dispositivo indispensabile per conferire ai composti la giusta texture e la necessaria freschezza. Per quanto riguarda la lista degli ingredienti, non è poi così lunga. Troviamo le uova, il latte e lo zucchero, degli alimenti “base” per la realizzazione del gelato. Troviamo, poi, sia il cioccolato fondente che il cacao. Il primo è responsabile di gran parte del gusto “finale”, mentre il secondo funge sostanzialmente da supporto. La lista comprende anche la panna, che aggiunge ulteriori sentori di latte e incide sulla texture del composto.

Ricetta gelato al cioccolato

Preparazione gelato al cioccolato

Per preparare il gelato al cioccolato prendete il cacao setacciato, lo zucchero e mescolateli per bene in una ciotola. Mi raccomando, in questa fase vanno utilizzati solo 150 grammi di zucchero, il resto va tenuto da parte. Ponete il composto di cacao e zucchero sul fuoco, aggiungete il latte e fate in modo che raggiunga gli 80 gradi, continuando a mescolare in continuazione con una frusta per non farlo attaccare e per favorire l’amalgama. Intanto realizzate un trito con il cioccolato e versatelo nel composto, infine fatelo sciogliere a fuoco spento. Ora mescolate i 50 grammi di zucchero tenuti da parte e i tuorli, infine montate il tutto fino ad ottenere una spuma molto morbida. Ora aggiungete un po’ di composto di cioccolato e latte, mescolate con cura e versate il nuovo composto in quello che avete preparato.

Accendete di nuovo il fuoco e mescolate in continuazione fino a raggiungete gli 85 gradi. Proseguite fino a quando il composto sarà diventato molto denso, ve ne accorgerete quando la miscela velerà il retro del cucchiaio di legno, che utilizzerete per mescolare. Se avete ospiti celiaci non utilizzare il cucchiaio di legno. Mi raccomando, la soluzione non deve raggiungere mai l’ebollizione. Poi spegnete il fuoco, unite la panna liquida molto fredda e mescolate fino a completa amalgama. Versate il composto in un contenitore di porcellana (o vetro) e attendete che si intiepidisca, poi ponetelo in frigorifero. Coprite con della pellicola trasparente e fate riposare per 8 ore. Terminata questa fase, non rimane che porre il composto nella gelatiera e seguire le indicazioni. Una volta conclusa anche questa fase, potete servire il vostro gelato al cioccolato.

Ingredienti gelato al cioccolato

  • mezzo lt. di latte intero consentito
  • 15 gr. di cacao amaro in polvere
  • 200 gr. di cioccolato fondente
  • 200 gr. di zucchero semolato
  • 250 gr. di panna fresca consentita
  • 4 tuorli d’uovo. 

Per quanto concerne il procedimento del gelato al cioccolato, la prima fase prevede la creazione della miscela base fatta con cacao, zucchero e latte. Questa viene arricchita con il cioccolato fondente, che va tritato e sciolto. In seconda battuta si unisce con estrema gradualità una delicata montata di tuorli e zucchero. Per ultimo, si aggiunge la panna. Il composto va fatto riposare per parecchie ore in frigorifero, e solo dopo va posto nella gelatiera. Il risultato finale è un gelato al cioccolato “classico” fatto in casa, una bella soddisfazione da gustare con parenti e amici durante i pomeriggi estivi.

Il cioccolato fondente, l’alimento più amato del pianeta

Il cioccolato fondente riveste un ruolo essenziale nel gelato al cioccolato. Infatti, è responsabile di gran parte del sapore, per altro esaltato anche dall’aggiunta di cacao puro. Vale la pena spendere qualche parola sul cioccolato, tenendo a mente che buona parte delle sue qualità derivano direttamente dal cacao. Il cioccolato fondente, in primo luogo, fa bene alla salute, se consumato con moderazione. La moderazione è d’obbligo in quanto l’apporto calorico è sostenuto, pari a 530 kcal ogni 100 grammi, ma la cifra aumenta in base alla gradazione. Il motivo di ciò è dovuto al fatto che il cacao è più calorico dello zucchero. Per il resto, il cioccolato fondente contiene molti antiossidanti, delle sostanze che giovano all’organismo a più livelli, e che aiutano a prevenire le malattie oncologiche.

Gelato al cioccolato

Si apprezza anche una certa quantità di sali minerali, come il magnesio, e di vitamina K, che regola la densità del sangue, evitando la formazione di trombi. Il cioccolato fondente fa bene all’umore, una verità che tutti gli amanti del cioccolato conoscono, ma che è stata dimostrata anche dalla scienza. E’ necessario un bel po’ di cioccolato fondente per realizzare il gelato al cioccolato, la ricetta suggerisce 200 grammi (ovvero due tavolette), una quantità pari a quella dello zucchero e di poco inferiore a quella del latte.

Il ruolo della panna

La ricetta del gelato al cioccolato che vi presento suggerisce l’impiego di abbondante panna. E’ una innovazione rispetto al procedimento artigianale, ma necessaria per rendere il procedimento alla portata di tutti. Ad ogni modo, la funzione della panna è duplice: da un lato aggiunge sapore, dall’altro rende la miscela morbida ed omogenea. A tal proposito, la panna non va assolutamente montata, ma va inserita fredda. D’altronde, entra in gioco sul finire della ricetta, quando la miscela è in gran parte composta e sta per iniziare il trattamento del freddo. Per inciso, quest’ultimo consiste in un lungo passaggio in frigo e nell’impiego della macchina del gelato.

Tanto il latte quanto la panna contengono il lattosio, dunque non possono essere consumati dagli intolleranti a questa sostanza. Ciò significa che si debba rinunciare a questa ricetta? Ovviamente no. D’altronde la soluzione è a portata di mano, basta sostituire latte e panna con le relative varianti delattosate. Il processo di rimozione del lattosio è naturale e non ha nulla di chimico. Si tratta di inserire l’enzima lattasi nel latte, che scompone il lattosio in due zuccheri molto semplici e assimilabili anche dagli intolleranti. In questo caso non si segnalano alterazioni del gusto o delle proprietà nutrizionali. Inoltre, vi consiglio di utilizzare solo prodotti lactose-free di qualità, realizzati da brand che fanno dell’offerta agli intolleranti un aspetto importante della propria produzione.

Ricette gelato ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...