Tisana di melissa, il meglio delle bevande rilassanti

Tisana di melissa
Commenti: 0 - Stampa

Tisana di melissa, una bevanda ottima per rilassarsi

La tisana di melissa è una delle tisane che mi piace proprio tanto. Esercita tutte le caratteristiche positive delle altre tisane, ma aggiunge un tocco in più in termini organolettici e nutrizionali. D’altronde la melissa possiede molte proprietà terapeutiche.

Dal punto di vista botanico la melissa è una pianta perenne erbacea, dunque il suo sviluppo è svincolato dall’elemento stagionale. Inoltre appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, che dà i natali ad altre suggestive piante aromatiche come la cimiciotta, la falsa ortica, la stregonia, l’erba limona e soprattutto la menta.

In effetti le foglie della melissa assomigliano a quelle menta. La melissa (Melissa officinalis) è una pianta perenne, ma ciò non esclude che abbia delle “preferenze” per quanto concerne il clima e il suolo.

Soffre particolarmente il clima caldo e secco, mentre si trova a suo agio con i climi freddi, ma non particolarmente piovosi. I suoli, invece, devono essere molto profondi e freschi, a dispetto delle dimensioni della pianta, che sono assolutamente nella media.

Il miglior periodo per procedere con la semina è la primavera, magari per trapiantarla nell’orto da aprile a maggio, permettendole di crescere rigogliosa. L’annaffiatura non deve essere particolarmente abbondante, ma frequente. Inoltre occorre porre la massima attenzione alle specie infestanti, che possono mettere in serio pericolo la melissa.

Il riferimento è in particolar modo agli afidi. La melissa può essere coltivata anche nei vasi, un po’ come si fa con il basilico e, in misura minore, con la menta. Tuttavia, ogni tre anni è necessario cambiare il vaso, visto che consuma una discreta quantità di terra.

I tanti usi della melissa

Della melissa, utilizzata nella nostra tisana, si utilizzano in particolare le foglie e i fiori. Il miglior periodo per la raccolta è tra luglio e ottobre, in quanto le foglie sono ben sviluppate, ma possono essere essiccate per realizzare preparati complessi o addirittura dei liquori.

Ovviamente l’essiccazione va effettuata in locali bui e asciutti. Gli usi della melissa sono gastronomici e cosmetici. Dal punto di vista gastronomico, le foglie di melissa vengono impiegate per realizzare delicate insalate, in sostituzione della menta e del basilico.

In questo caso si apprezza soprattutto il sentore “limonato” della melissa, che può essere utilizzata anche per le minestre, sebbene vada valutata con maggiore attenzione l’interazione con gli altri sapori.

Ovviamente le foglie sono anche ingredienti da tisana, proprio come in questo caso. Si utilizzano alla stregua delle foglie di menta, dunque il processo di infusione non pone in essere problematiche di sorta. Se si utilizzano le foglie fresche, però, l’infusione deve essere abbastanza lunga e durare almeno 8-10 minuti.

Le foglie secche, invece, richiedono qualche minuto in meno. L’uso delle infiorescenze è prettamente cosmetico ed erboristico, infatti vengono utilizzate per purificare la cute e decongestionare la pelle, oltre che per igienizzare il cavo orale. Anche in questo caso, si opta per l’infusione.

Non raro è l’impiego della melissa sotto forma di tintura, oltre che per attenuare i dolori articolari e reumatici. Nell’industria la melissa è impiegata per produrre stimolanti e tonificanti per la pelle.

Tisana di melissa

Le proprietà nutrizionali della melissa

La melissa, nella sua applicazione gastronomica (tisane, insalate, minestre) si rivela un alleato fondamentale per l’organismo. In primo luogo è ricca di antiossidanti come i flavonoidi, tra cui spiccano la quercetina e l’apigenina.

Queste sostanze contribuiscono a ridurre il rischio di cancro, in quanto contrastano i radicali liberi e favoriscono i corretti processi di riproduzione cellulare. Stesso discorso gli acidi, come l’acido caffeico, l’ acido rosmarinico e il clorogenico. Tutti,  pur differenziandosi nelle funzioni, esercitano un impatto positivo sul sistema immunitario.

La melissa è ricca anche di oli essenziali, come il citrale e il cariofillene. La melissa, specie quando è preparata sotto forma di tisana, è un ottimo anti-stress, anzi se consumata nelle dosi e nei momenti giusti, aiuta a curare gli stati d’ansia e l’insonnia.

La principale funzione della tisana alla melissa è proprio quella di favorire il rilassamento, conciliare il sonno e sciogliere la tensione. La melissa, però, ha anche discreto proprietà sedative del sistema nervoso, antispasmodico, un buon digestivo e un ottimo emmenagogo.

La melissa questa sconosciuta

Cosa si intende con questa espressione, sconosciuta ai più? Si intende la funzione di alcuni principi attivi che favoriscono l’afflusso di sangue presso specifiche zone del corpo, come la parte pelvica.

Pertanto è particolarmente indicata e giova soprattutto alle donne affette da sindrome premestruale e dolori mestruali. Il mio ginecologo mi aveva prescritto la tintura madre di salvia con 2 gocce di olio essenziale di melissa da assumere con regolarità per placare le vampate di calore dovute alla menopausa.

Occorre fare attenzione al consumo di melissa se si seguono particolari terapie. Infatti, come tutte le piante officinali, può interagire con i farmaci. In particolare reagisce ai barbiturici, e nello specifico può favorire l’azione ipnotica di questi ultimi. Chiedete al vostro ginecologo prima di assumere la tisana di melissa.

Una controindicazione particolare riguarda l’interazione con la passiflora. Infatti, se si impiegano nelle medesime ricette (ad esempio nelle tisane), le combinazioni tra passiflora e melissa possono portare a un effetto sedativo maggiorato.

Controindicazioni più serie, invece, riguardano la presenza di patologie ormonali e oculari, come il glaucoma e alcuni tipi di tiroiditi. Io la utilizzo nel caso di mal di testa di origine nervosa o quando vivo momenti di stati d ansia come lo scorso marzo.

Che una tisana naturale fatta in casa sia senza glutine e senza lattosio è lapalissiano. Quello che, forse, non sapete, è che la tisana di melissa aiuta a disintossicare l’organismo agli intolleranti al nichel. Un’ottima notizia direi!

Ecco la ricetta della tisana di melissa:

Ingredienti:

  • 1 cucchiaio di foglie di melissa,
  • una tazza di acqua bollente
  • un cucchiaino di miele.

Preparazione:

Per la preparazione della tisana di melissa iniziate lavando e asciugando le foglie di melissa. Fate bollire l’acqua. Poi spegnete il fuoco, immergete nell’acqua calda le foglie e lasciate in infusione per 10 minuti.

Infine filtrate la tisana e servitela all’interno di una tazza con un cucchiaio di miele. Io utilizzo spesso il miele di manuka.

Ora potete gustarvi la vostra tisana almeno una volta giorno e dopo i pasti, beneficiando dei suoi eccellenti principi nutritivi. E’ buona anche fredda. Mi preparo spesso anche l’ acqua di melissa e malva.

acqua aromatizzata con malva e melissa

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti