bg header
logo_print

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

sciroppo di melissa
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.6/5 (20 Recensioni)

A cosa serve lo sciroppo di melissa?

Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa fatto in casa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta, o realizzati con prodotti di origine vegetale. Dunque può essere impiegato per realizzare bevande fresche e gradevoli, allungandolo con l’acqua (in genere il rapporto dovrebbe essere di quattro a uno).

Può essere ovviamente impiegato nella pasticceria, soprattutto per realizzare delle glasse. Queste possono essere applicate sulle torte, sulle cheesecake e su qualsiasi altro dolce.

Ricetta sciroppo di melissa

Preparazione sciroppo di melissa

Come fare lo sciroppo di melissa? Per la preparazione dello sciroppo di melissa iniziate lavando la melissa sotto l’acqua corrente fredda, poi prelevate le sue foglie. Versate un litro di acqua nella pentola e portate a ebollizione.

Quando bolle versate lo zucchero e l’acido citrico. Spegnete il fuoco e fate raffreddare. A questo punto integrate il succo di limone, le foglie di melissa e le scorze.

Coprite il contenitore con la pellicola alimentare e mettetelo in un luogo fresco, lontano dalla luce del sole e lasciate macerare per 5 giorni. Mi raccomando, mescolate la soluzione una volta al giorno.

Trascorsi i 5 giorni, filtrate il liquido con un colino a maglie strette. Imbottigliate lo sciroppo così ricavato all’interno di bottiglie igienizzate e sterilizzate con l’acqua bollente.

Vi basterà posizionare le bottiglie, ben separate da dei canovacci, all’interno della pentola dove farete bollire l’acqua.

Etichettate e conservate le bottiglie in un luogo buio, fresco e asciutto. Vi raccomando, una volta aperta la bottiglia di sciroppo di melissa conservate in frigorifero.

Ingredienti sciroppo di melissa

  • 100 gr. di foglie di melissa
  • 800 gr. di zucchero
  • 1 litro acqua
  • 20 gr. di acido citrico
  • succo e scorza di 2 limoni non trattati.

Lo sciroppo di melissa si differenzia comunque dagli altri sciroppi per due motivi.

In primo luogo è realizzato con un procedimento che potrebbe apparire strano. Anziché limitarsi a cuocere gli ingredienti insieme allo zucchero e all’acqua, la soluzione viene coinvolta in un processo di macerazione che dura svariati giorni.

Alcol a parte (che in questo caso è assente), il procedimento ricorda quello per la produzione di certi liquori. Per aumentarne la durata, e garantire un’ottimale conservazione, le bottiglie vengono sottoposte a bollitura. A tal proposito, vengono separate da stracci per non danneggiare ulteriormente il vetro.

Il secondo motivo per cui questo sciroppo non può definirsi canonico risiede nel suo ingrediente principale, ovvero la melissa. La melissa è considerata principalmente un ingrediente da tisana e da decotto. Ciò non toglie che non possa essere utilizzata anche in preparazioni differenti, proprio come in questo il caso.

La melissa, d’altro canto, è una pianta officinale nota per le sue proprietà rilassanti, infatti aiuta a sciogliere lo stress e a calmare l’ansia. E’ anche un discreto antinfiammatorio e un eccellente digestivo. Come tutti gli alimenti vegetali a foglia verde, è anche ricca di vitamine e sali minerali.

melissa

Quale zucchero utilizzare per questo sciroppo?

Non ci può essere uno sciroppo di melissa senza zucchero. Già, ma quale zucchero usare? A disposizione ce ne sono diversi tipi. La scelta è in genere tra zucchero semolato e zucchero fine, zucchero bianco e zucchero bruno di canna.

Per quanto concerne quest’ultima distinzione è bene sgomberare il campo dai dubbi, infatti sul piano nutrizionale cambia poco. Su quello del gusto, invece, ci sono delle differenze, infatti lo zucchero bruno di canna contiene i residui di melassa, che gli conferiscono un sapore caramellato.

In occasione della ricetta dello sciroppo di melissa, come di qualsiasi altri sciroppo, è bene utilizzare lo zucchero bianco semolato. I motivi sono due: è neutro come sapore e si scioglie con più facilità.

Può sembrare strano, ma il tipo semolato è più solubile rispetto al fine. Se utilizzaste lo zucchero bruno, vi ritroverete con uno sciroppo che sa di caramello “quasi amaro”, in quanto stressato dall’eccessivo contatto con le alte temperature.

Il ruolo e le proprietà del limone

Il limone gioca un ruolo fondamentale in questa ricetta, anche perché di esso vengono utilizzati sia il succo che la scorza. E’ un ingrediente importante dal punto di vista del gusto e soprattutto funzionale. Infatti bilancia i sapori, oltre a fornire un aiuto valido in fase di conservazione.

Vale la pena decantare le proprietà del limone, che sono straordinarie anche rispetto agli altri agrumi. Tanto per cominciare il limone è ricco di vitamina C. Questa sostanza è un ottimo antiossidante che aiuta a prevenire il cancro, ma è soprattutto un toccasana per il sistema immunitario. E’ ricco di polifenoli, che oltre a risultare antiossidanti, accelerano il metabolismo.

Ricco è anche il carico di sali minerali, e in particolare di potassio. Il limone, e soprattutto la sua scorza, contengono il β-carotene, una sostanza in genere correlata ai colori giallo e arancione.

Il β-carotene, inoltre, stimola la sintesi della vitamina A, che come sicuramente saprete fa bene alla vista (e non solo). Ottimo è il contenuto di fibre, e in particolare della pectina, che è molto efficace nel risolvere i piccoli problemi intestinali e agevolare la digestione.

sciroppo di melissa

Le principali proprietà dell’acido citrico

La lista degli ingredienti dello sciroppo melissa e limone contiene anche l’acido citrico. Si tratta di una sostanza naturale contenuta di solito negli agrumi, e in particolare nel limone. Viene comunemente estratta per poter essere impiegata negli ambiti più diversi. D’altronde è considerata come una sostanza “multiuso”.

E’ impiegata persino nella pulizia in virtù delle proprietà disinfettanti e antibatteriche. Tra i rimedi fai da te, specie nella pulizia degli elettrodomestici, se la gioca con un altro grande classico, l’aceto.

L’acido citrico viene largamente utilizzato anche in campo alimentare. In questo ambito si fa apprezzare per la capacità di insaporire le soluzioni, conferendo loro gradevoli sentori aciduli, e per le proprietà conservanti.

Non è un caso che venga sovente chiamato in causa dall’industria alimentare, una scelta che migliora il prodotto e lo potenzia senza edulcorare. E’ proprio in questa doppia veste che partecipa alla preparazione dello sciroppo di melissa. Ovviamente è bene non esagerare con le dosi, bastano 20 grammi di acido citrico per circa un litro di bevanda.

Lo sciroppo di melissa dove si compra? Si fa in casa. Lo sciroppo di melissa per cocktail? Certo che si. Si può preparare il drink Hugo. Noi lo abbiamo fatto con lo sciroppo di sambuco per variare.

Se vi piacciono questo tipo di preparazioni vi consiglio di leggere anche lo sciroppo di sambuco e lo sciroppo di papavero.

Lo sciroppo di melissa dove si compra?

Se desiderate acquistare lo sciroppo di melissa senza prepararlo da soli, ci sono diverse opzioni disponibili online. Ecco alcuni luoghi dove potete trovarlo:

  • Amazon.it – Qui potrete trovare una varietà di sciroppi di melissa disponibili per l’acquisto​​.
  • Trentiner.it – Offrono uno Sciroppo Bio di Melissa e Timo da 500 ml, che descrivono come biologico, balsamico e rilassante, proveniente dal Trentino​​.
  • Agricola Basso – Presenta lo sciroppo di melissa come un prodotto 100% naturale, realizzato con piante aromatiche coltivate o raccolte selvatiche​​.
  • Pur Südtirol – Propone uno Sciroppo di Melissa Bio con un profumo molto intenso che ricorda gli agrumi​​.
  • Alpenpur Bio – Offre uno sciroppo di melissa bio, ideale come dissetante naturale per bevande o infusi digestivi​​.

Questi siti offrono una varietà di sciroppi di melissa, permettendovi di scegliere quello che più si adatta alle vostre esigenze e preferenze.

Ricette con melissa ne abbiamo? Certo che si!

4.6/5 (20 Recensioni)
Riproduzione riservata

12 commenti su “Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

  • Dom 21 Ago 2022 | Roberto ha detto:

    numero uno

  • Dom 21 Ago 2022 | Roberto ha detto:

    le tue ricette sono molto interessanti ,

  • Dom 11 Giu 2023 | Andrea ha detto:

    Ottimo sciroppo si puo’ fare allo stesso modo anche con la menta?

  • Lun 19 Giu 2023 | Isabella ha detto:

    Fantastico , cosa posso utilizzare al posto dello zucchero ? Oppure è possibile fare senza zucchero?

    • Mar 20 Giu 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Isabella puo’ provare con il miele tenendo conto che 100 g di zucchero equivalgono in termini di potere dolcificante a circa 65 g di miele. Mi faccia sapere

  • Ven 19 Apr 2024 | Valentina ha detto:

    Qual’è il momento migliore per raccogliere le foglie di melissa per fare lo sciroppo?

    • Lun 22 Apr 2024 | Tiziana Colombo ha detto:

      Il momento migliore per raccogliere le foglie di melissa è al mattino, dopo che l’umidità della notte si è asciugata e prima che il sole diventi troppo intenso. È preferibile raccogliere le foglie prima che la pianta fiorisca, periodo in cui gli oli essenziali sono più concentrati, garantendo un aroma più forte per il tuo sciroppo. Ricordati di scegliere foglie sane e verdi per ottenere il miglior risultato. Grazie per la tua domanda!

  • Mar 11 Giu 2024 | Claudia ha detto:

    Salve, vorrei sapere se è possibile sostituire l’acido citrico con qualche altro ingrediente, o se si può omettere il suo utilizzo

    • Lun 17 Giu 2024 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno Claudia spesso, nelle ricette si usa l’acido citrico, ma se non ce l’hai o preferisci non usarlo, non preoccuparti! Ci sono altre soluzioni.

      Succo di limone: Se hai dei limoni in casa, sei a posto. Il succo di limone può fare al caso tuo. Basta spremere un limone medio per ogni cucchiaino di acido citrico richiesto. Il succo di limone non solo darà una leggera nota agrumata al tuo sciroppo, ma è anche naturale e facilmente reperibile. Tieni presente che potrebbe alterare leggermente il sapore, ma sarà comunque delizioso.

      Acido ascorbico (Vitamina C): Se preferisci qualcosa di più neutro, puoi usare l’acido ascorbico, conosciuto anche come vitamina C. Usa la stessa quantità che useresti per l’acido citrico. È un’ottima scelta perché mantiene la freschezza e l’acidità senza cambiare troppo il sapore dello sciroppo. L’unico problema potrebbe essere la disponibilità e il costo, ma se lo trovi, è un’ottima alternativa.

      Aceto di mele: Un’altra opzione è l’aceto di mele. Usa un cucchiaio di aceto di mele per ogni cucchiaino di acido citrico. Ha proprietà conservanti e un sapore delicato che si sposa bene con la melissa. Anche qui, il sapore finale potrebbe essere leggermente diverso, ma sarà comunque buonissimo.

      Puoi anche decidere di non usare l’acido citrico. In questo caso, lo sciroppo avrà una durata di conservazione più breve e dovrai consumarlo più velocemente. Conservalo in frigorifero e assicurati di usare bottiglie e tappi sterilizzati per evitare contaminazioni. Controlla regolarmente lo stato dello sciroppo per assicurarti che non ci siano segni di deterioramento.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Quiche con ortiche

Quiche con ortiche, una torta salata dal sapore...

Un approfondimento sulla pasta brisée La base di questa quiche con ortiche è rappresentata dalla pasta brisée. E’ bene prepararla in casa o acquistarla al supermercato in forma già pronta?...