bg header
logo_print

Crumble di albicocche, un dessert anglosassone

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Crumble di albicocche
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Il crumble di albicocche è realizzato anche con il burro. Vi consiglio, per l’occasione, di utilizzare il burro chiarificato. Rispetto al burro standard, il burro chiarificato si caratterizza per la totale assenza di caseina. Ciò determina un sapore più delicato e meno “burroso”, che permette al prodotto di integrarsi meglio con gli altri ingredienti.

Tra l’altro, l’assenza della caseina aumenta la resistenza alle elevate temperature, sicché il burro chiarificato funge anche da grasso per la cottura. Un altro pregio è la totale assenza di lattosio, tuttavia il burro chiarificato è più grasso di quello standard.

D’altronde l’assenza delle caseine è compensato da una quota maggiore di lipidi. Ma non temete per la vostra linea, le dosi da impiegare sono davvero minime: 100 grammi per l’intera ricetta.

Ricetta crumble di albicocche

Preparazione crumble di albicocche

Per la preparazione del crumble di albicocche iniziate sbucciando le albicocche e tagliate a cubetti, poi trasferitele in una padella e unite lo zucchero. Date una bella mescolate e cuocete con la fiamma media per 10 minuti, in modo da ammorbidire le albicocche.

Poi versate il rum, alzate un po’ la fiamma e cuocete per altri 5 minuti. Intanto preriscaldate il forno a 180 gradi. In una ciotola versate il burro, le farine, lo zucchero, la vaniglia e le scaglie di mandorle. Premete con le mani per compattare il tutto e fino ad ottenere un composto eterogeneo formato da grosse briciole (questo è il crumble).

Stendete le albicocche in una teglia e copritele con il crumble. Se desiderate una maggiore dolcezza, e una doratura più vivace, cospargete il crumble di zucchero di canna. Cuocete al forno in funzione statica per 30 minuti o più: la crosta deve essere dorata e la frutta deve sobbollire per un po’.

Versate lo skyr nei bicchieri, o nelle coppette di portata, e arricchitelo con il crumble di albicocche.

Ingredienti crumble di albicocche

  • 10 albicocche
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • 200 gr. di farina di mandorle
  • 100 gr. di farina di riso impalpabile
  • 3 cucchiai di zucchero
  • q. b. di rum
  • 1 pizzico di sale
  • 100 gr. di burro chiarificato
  • q. b. di aroma di vaniglia
  • 2 cucchiai di mandorle in scaglie
  • 1 vasetto di Skyr alla vaniglia di Exquisa o yogurt consentito

Crumble di albicocche, un dessert ricco ed equilibrato

Oggi vi presento una versione molto “morbida” del classico crumble: il crumble di albicocche arricchito da Skyr alla vaniglia. Il crumble è un dolce di origine anglosassone, molto semplice da preparare, gustoso e capace di esprimere una texture interessante. Di base si tratta di frutta cotta sormontata da un “impasto” (termine un po’ improprio a dire il vero) realizzato mescolando tra di loro il burro, la farina e altri ingredienti.

Quest’ultimo composto è “sbricioloso”, dunque viene spesso impiegato per arricchire basi morbide o addirittura liquide, come la panna o il latte. In questo caso ho optato per lo Skyr alla vaniglia.

Il crumble è sempre fruttato, in questo caso la parte fruttata è ottenuta dalle albicocche. Le albicocche sono molto indicate per il crumble in quanto, a seguito di una breve cottura, acquisiscono un’ottima morbidezza. Tra l’altro sono buone e salutari, infatti contengono molto betacarotene, una sostanza responsabile del colore arancione presente anche nelle carote, nel melone etc.

Il betacarotene è una sostanza antiossidante, dunque capace di agire in funzione antitumorale, contrastando i radicali liberi. Nondimeno, favorisce l’assorbimento della vitamina A, fondamentale per la salute degli occhi e non solo.

Le albicocche contengono anche tanta vitamina C, che impatta positivamente sul sistema immunitario. Stesso discorso per alcuni sali minerali, come il calcio (utile alle ossa), il magnesio e il potassio (che regola la circolazione e non solo). L’apporto calorico delle albicocche è trascurabile e moderato se si considerano gli altri frutti zuccherini: siamo sulle 48 kcal per 100 g.

In occasione di questa ricetta, la polpa della albicocche va tagliata a pezzettini e cotta con lo zucchero e con il rum. Poi viene stesa su una teglia da forno e ricoperta dal crumble vero e proprio. Quest’ultimo è realizzato con farina, burro, margarina e mandorle. Avrete capito che stiamo parlando di una versione particolarmente ricca rispetto al crumble classico.

Le farine del crumble di albicocche

Un’altra differenza tra questo crumble di albicocche e la versione classica è la compatibilità con le esigenze dei celiaci. Questo crumble, infatti, è realizzato con farine senza glutine: farina di mandorle e farina di riso. La farina di mandorle si distingue da quella di frumento per l’abbondanza di sali minerali, e in particolare di fosforo e magnesio.

D’altronde è la mandorla stessa a caratterizzarsi per la presenza di queste sostanze. Buono è anche l’apporto di grassi benefici, che giovano alla salute del cuore e dell’apparato cardiaco.

La farina di riso si caratterizza, invece, per una marcata leggerezza e per una minore presenza dei grassi, sostituiti da una quantità superiore di amido. Ciò non rappresenta un limite, infatti l’amido lega e rende il composto un po’ meno sbricioloso di quanto potrebbe essere.

Crumble di albicocche

Il delicato contributo dello Skyr

Il crumble di albicocche è un dessert morbido, che prevede uno strato di Skyr sormontato dal crumble. Lo Skyr è un latticino proveniente dall’Islanda, che da qualche anno è conosciuto anche in Italia. Tecnicamente è un formaggio, poiché il processo di lavorazione si fregia della presenza del caglio.

Tuttavia assomiglia in tutto e per tutto allo yogurt greco. Il sapore è neutro (né dolce né salato), mentre le quantità di proteine, calcio e vitamina D sono eccellenti. L’apporto calorico è basso, inferiore alle 100 kcal per 100 grammi, proprio in linea con la categoria degli yogurt.

Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare lo Skyr alla vaniglia di Exquisa. In primis perché Exquisa è uno dei maggiori produttori di Skyr in Italia. Secondariamente perché è aromatizzato in maniera equilibrata, senza l’aggiunta di particolari additivi.

Lo Skyr alla vaniglia di Exquisa non è senza lattosio, come tutti gli Skyr del resto. Tuttavia, se soffrite di intolleranze alimentari, potete optare per i prodotti spalmabili lactose-free di Exquisa.

Ricette con albiococche ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Granita al tamarindo

Granita al tamarindo, la ricetta ottima per la...

Un focus sul tamarindo Il tamarindo, usato per preparare questa deliziosa granita, è un frutto esotico originario delle zone tropicali dell’Africa Orientale e dell’Asia. Dalle nostre parti non...

Torta di anguria

Torta di anguria, un dessert alla frutta fresco...

Un dessert ricco di frutta Più che una torta di anguria questa è una torta di frutta, infatti oltre all’anguria troviamo frutti esotici come l'ananas e il kiwi, che spiccano per le tonalità...

Tiramisù all’anguria

Tiramisù all’anguria, un dolce gustoso perfetto per l’estate

Come si fa il tiramisù all’anguria Nonostante le peculiarità del tiramisù all’anguria la ricetta è molto semplice. Si tratta di comporre gli strati alla maniera tradizione: savoiardi...