Paccheri ripieni con borragine e salsiccia, un piatto unico

Paccheri ripieni con borragine e salsiccia
Commenti: 0 - Stampa

Paccheri ripieni con borragine e salsiccia, un primo ricco e dal gusto intenso

I paccheri ripieni con borragine e salsiccia sono un primo piatto tipico di varie zone d’Italia davvero unico. Presentano dei tratti peculiari, che rendono il piatto gustoso e dal sapore particolare. I paccheri vanno prima cotti al dente e successivamente riempiti prima di essere cotti al forno.

Il piatto va servito con una particolare salsa ai pomodorini e pesto di aglio orsino, e da un contorno di borragine fritta. Proprio la borragine rappresenta uno degli ingredienti più sui generis di questa ricetta, nonché il suo tratto distintivo. Le erbe spontanee stanno sempre più prendendo piede nella nostra cucina. Possono essere usate in molti modi e lo scoprirete seguendomi.

Stiamo parlando di un’erba utilizzata principalmente nel settore erboristico, ma che può dire molto in cucina. Le sue foglie sono molto tenere e con un un sapore gradevole tra l’amarognolo e l’aromatico. Sono anche ricche di nutrienti, tra cui gli acidi grassi omega tre, delle sostanze molto rare negli alimenti vegetali.

La borragine abbonda anche di antiossidanti, che contrastano i radicali liberi e contribuiscono alla prevenzione del cancro. Questo ingrediente interviene in due fasi distinte nella ricetta.

Ossia nella preparazione del ripieno insieme al macinato e come contorno formato dalla sue foglie fritte. La panatura è data da una deliziosa pastella con olio e farina di riso. Quest’ultima è molto indicata per il suo sapore delicato e per l’assenza di glutine.

La salsiccia fa male?

La salsiccia è un ingrediente fondamentale per i paccheri ripieni con borragine. E’ parte di un ripieno corposo e allo stesso tempo equilibrato. Molti potrebbero storcere il naso di fronte alla presenza di ben due elementi di carne in un ripieno, ma la combinazione è semplicemente perfetta.

Certo contribuisce ad aumentare l’apporto calorico, nonostante questo piatto non sia eccessivamente grasso.

Paccheri ripieni con borragine e salsiccia

Tuttavia, non è vero che la salsiccia faccia comunque male. Anzi, se consumata con moderazione, è una discreta fonte di proteine, che non ha nulla da invidiare agli altri tipi di carne. Per quanto concerne i nitriti e i nitrati, sostanze presenti in alcuni derivati della carne, la loro quantità non desta grandi preoccupazioni.

Le peculiarità dell’aglio orsino

La lista degli ingredienti dei paccheri ripieni con borragine e salsiccia contiene un alimento poco ricorrente nelle ricette di tutti i giorni, ossia l’aglio orsino. Si tratta di una specie vegetale della famiglia delle liliacee, una versione selvatica dell’aglio comune. Nello specifico, si frulla insieme all’olio in modo da realizzare un pesto, da integrare successivamente nei pomodori saltati in padella.

L’aglio orsino si caratterizza per un aroma selvatico e gradevole. Tra l’altro è molto versatile e non è pungente come il normale aglio, quindi non compromette affatto l’alito.

L’aglio orsino si caratterizza anche per le eccellenti proprietà nutrizionali. E’ un formidabile antibiotico e antimicotico, in grado di agire persino sul colesterolo cattivo. Proprio in virtù di queste caratteristiche, è considerato una pianta officinale, oltre che un ingrediente da cucina.

Infine una curiosità, l’aglio orsino è chiamato in questo modo in quanto è il cibo preferito dagli orsi nel periodo immediatamente successivo al letargo.

Ecco la ricetta dei paccheri ripieni di borragine e salsiccia:

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr. di paccheri consentiti,
  • 200 gr. di borragine,
  • 200 gr. di salsiccia,
  • 100 gr. di carne macinata di vitello,
  • 1 bicchiere di vino bianco,
  • 1 porro,
  • 400 gr. di pomodorini,
  • 1 mazzetto di aglio orsino,
  • un pizzico di noce moscata,
  • 100 gr. di Parmigiano Reggiano,
  • alcune foglie di basilico e menta,
  • q. b. di sale e di pepe.

Per la borragine fritta:

  • 12 foglie di borragine,
  • 2 uova,
  • 2 cucchiai di farina di riso,
  • q. b. di olio di semi di girasole,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei paccheri ripieni con borragine e salsiccia iniziate sbucciando l’aglio orsino e frullandolo insieme all’olio extravergine di oliva.

Poi lavate il basilico, la menta e asciugateli per bene. Ora lavate sotto l’acqua corrente e pulite con attenzione la borragine, poi lessatela brevemente in un po’ d’acqua. Scolatela, fatela raffreddare, strizzatela e tagliatela in modo grossolano. Lavate e asciugate le erbe aromatiche.

Mondate e affettate finemente il porro. Fate imbiondire in poco olio e unite la borragine, la menta fatta a julienne e il basilico.

In una pentola a parte cuocete il trito di carne e la salsiccia sfumata con vino il bianco. Una volta cotte, unite le carni alla borragine e integrate con il Parmigiano grattugiato, la noce moscata, un po’ di sale e un po’ di pepe. Potete anche fare l’abbinamento ricotta e borragine anzichè utilizzare il Parmigiano.

Intanto cuocete i paccheri in abbondante acqua salata (poco sale!) al dente. Fermate immediatamente la cottura passando i paccheri sotto l’acqua fredda.

Scolate e riempite i paccheri con il ripieno usando una semplice sac à poche. Trasferiteli su una teglia, copriteli con la carta d’alluminio e completate la loro cottura a 180 gradi per 10 minuti.

Nel mentre, prendete le foglie più larghe e morbide dalla borragine e staccatele conservando il picciolo. Poi lavatele per bene e asciugatele con la carta assorbente.

Ora sbattete le uova in una ciotola e aggiungete la farina di riso, un po’ di pepe e un po’ di sale. Riscaldate l’olio di girasole e, non appena risulterà ben caldo, friggete la borragine imbevuta di pastella, prendendola dal picciolo.

Dopo averle dorate da un lato e dall’altro, disponete le foglie di borragine sulla carta assorbente in modo che cedano un po’ di olio in eccesso.

In una pentola a parte saltate i pomodorini con un po’ di pesto di aglio orsino che avete preparato. Servite i paccheri ripieni con borragine e salsiccia accompagnandoli con la salsa appena realizzata e con le foglie di borragine fritta.

5/5 (487 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-09-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti