bg header
logo_print

Infuso di papavero rosso, una bevanda per il relax

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Infuso di papaveri
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.4/5 (8 Recensioni)

Intriganti infusi floreali: Scopri l’infuso di papavero

Nel mondo della gastronomia e delle bevande, ci sono esperienze che vanno oltre il semplice sapore. Gli infusi con fiori sono un perfetto esempio di come la natura possa offrire non solo sapori deliziosi, ma anche un’armonia visiva e aromatica. Oggi vi introdurremo a un’affascinante varietà di infuso: l’Infuso di Papavero.

I fiori sono da sempre associati a significati simbolici e a estetica, e il loro utilizzo negli infusi aggiunge una dimensione di lusso e raffinatezza. L’Infuso di Papavero è una creazione unica che fonde il delicato profumo floreale dei petali di papavero con l’essenza terrosa del tè. I petali di papavero, dai toni vivaci e vibranti, rivelano la loro bellezza in ogni sorso, mentre il tè offre una piacevole base di amarezza e calore.

Nel nostro spazio virtuale, vi accompagneremo in un viaggio sensoriale attraverso la preparazione e la degustazione di questa particolare bevanda. Scoprirete come la sinergia tra i fiori e il tè possa creare un’esperienza unica, in grado di solleticare non solo il palato ma anche gli occhi e il naso. Se siete appassionati di tè o avventurieri curiosi, l’Infuso di Papavero vi invita a scoprire il mondo dei sapori in modo inaspettato.

Continuate a leggere mentre vi sveliamo i segreti dietro la preparazione di questo infuso e come possa trasformare i vostri momenti di relax in momenti di piacere autentico e contemplazione.

Ricetta infuso di papavero rosso

Preparazione infuso di papavero rosso

Per la preparazione dell’infuso di papavero rosso iniziate facendo seccare i petali di papavero in un luogo riparato dal sole.

I petali devono essere distribuiti in modo da formare un unico strato, quindi evitate di sovrapporli l’uno con l’altro.

Quando i petali sono secchi, trasferiteli in un contenitore al riparo dalla luce e in un posto asciutto.

A questo punto realizzare l’infuso è molto semplice. Fate bollire un litro di acqua bollente e immergeteci qualche petalo.

Lasciate in infusione per 10 minuti e filtrate. Volendo si può fare a meno di filtrarlo. E’ possibile bere l’infuso caldo oppure freddo come acqua aromatizzata.

Ingredienti infuso di papavero rosso

  • q. b. di petali di papavero rosso
  • 1 lt di acqua naturale

Infuso di papavero rosso, una bevanda naturale.

L’infuso di papavero rosso è una delle più gustose tisane che possiate mai preparare. Il papavero ha infatti un sapore più aromatico rispetto alle classiche camomilla e lavanda. Si caratterizza anche per una tonalità molto accesa, che colora la bevanda di un bel rosso.

E’ la classica tisana per il rilassamento, che prepara al sonno o semplicemente contribuisce a sciogliere le tensioni di una giornata di lavoro o comunque stressante. Come tutti gli infusi, quello al papavero è facile da realizzare. E’ necessario immergere i petali in acqua bollente , attendere che l’infusione faccia il suo corso e filtrare il tutto. Un rimedio naturale che mi piace molto!

L’unico elemento di difficoltà risiede nella fase precedente, infatti i petali vanno essiccati. L’essicazione avviene allo stesso modo dei petali di qualsiasi altro fiore. I petali vanno posti su una superficie piana in modo che formino un unico strato, evitando che si sovrappongano uno sull’altro.

I petali essiccati perdono un po’ del colore originario, ma mantengono quasi intatti i principi nutritivi, che sono davvero eccellenti. In erboristeria trovate la tintura madre di papavero già pronta per l’uso. Prima di utilizzarla leggete attentamente gli effetti collaterali e le controindicazioni etc. Parlatene anche con il vostro medico prima di usare la tintura madre di papavero.

raccolta papaveri

Un focus sul papavero

Vale la pena parlare più approfonditamente dei fiori di papavero ( papaver rhoeas ) , l’ingrediente principale del nostro infuso, nonché una specie da sempre conosciuta e impiegata in numerosi ambiti. Dal punto di vista botanico può essere definita una pianta erbacea annuale.

E’ facile da coltivare, anzi spesso cresce selvatica ai bordi delle strade di campagna e vicino ai campi di cereali. Per questa ragione era considerata in tempi remoti come una sorta di specie infestante, ma quasi subito ha iniziato a rappresentare una risorsa per l’uomo, in campo gastronomico e non solo.

In virtù della sua natura parzialmente selvatica, il papavero ha dato vita a numerose varietà. Le più famose sono il papavero da oppio, da cui si ricava il famoso principio attivo, e il papavero setoloso, molto bello da vedere ma potenzialmente pericoloso per le colture.

Tra l’altro, il papavero setoloso si caratterizza per l’irregolarità e le increspatura dei suoi petali, nonché per il colore rosso chiaro, tendente all’arancione. Molto bello da vedere è il papavero alpino, che si distingue per i petali di colore fucsia disposti secondo un motivo concentrico.

Il papavero comune, invece, ha natura prettamente selvatica e vanta un colore rosso accesso. Nella stragrande maggioranza dei casi, nella gastronomia si utilizza il papavero comune.

Vorrei precisare che i fiori di papavero non presentano controindicazioni e si possono assumere con tranquillità nella tisana.

Le proprietà nutrizionali del papavero

Le proprietà del papavero, utilizzato nel nostro infuso, sono molto preziose. Per rendere loro onore è però necessario parlare delle varie componenti del papavero, o almeno di quelle utilizzate più comunemente: i petali e i semi. I petali si caratterizzano per la presenza di antocianine, sostanze in parte responsabili del colore rosso. Le antocianine sono sostanze antiossidanti, che riducono il rischio di contrarre il cancro, contrastando in modo efficace i radicali liberi.

I petali si caratterizzano anche per le proprietà sedative, che esercitano in una misura superiore alla camomilla, decongestionanti ed espettoranti. Anche in ragione di ciò sono utili per curare i sintomi delle affezioni al tratto respiratorio superiore. La presenza di vitamine e sali minerali è bene attestata, sebbene non rappresenti l’aspetto più interessante.

Per quanto concerne i semi, essi sono riconoscibili per il colore tra il nero e il bluastro, e per le dimensioni molto minute. Le loro proprietà benefiche e nutrizionali sono eccellenti. Per esempio, contengono gli acidi grassi omega tre, che esercitano una funzione di supporto al sistema cardiovascolare e alla funzione visiva. I semi di papavero hanno un odore intenso e aromatico grazie  all’elevato contenuto di oli essenziali .

Come buona parte dei semi, e in virtù della presenza di questi grassi benefici, apportano una quantità sostenuta di calorie. Occorre, inoltre, porre la massima attenzione al papavero da oppio, infatti è ricco di sostanze narcotiche in grado di alterare l’equilibrio psico-fisico: morfina, codeina e papaverina. Questi preparati a base di papavero da oppio devono essere assunti nelle dosi indicate, assunti solo se necessario e con la prescrizione medica. Parlatene con il proprio medico curante prima di utilizzarli.

papaveri

Gli usi del papavero

Per quanto riguarda gli usi, i petali di papavero vengono impiegati per realizzare bevande, come in questo caso. Per l’infuso andrebbero utilizzati i petali secchi, ma non si tratta di una regola da seguire sempre e comunque. Il papavero dà vita a infusi rilassanti, come sciroppi utili a calmare la tosse e acque di bellezza. Quest’ultima è una soluzione dedicata esclusivamente all’uso topico.

Il procedimento, comunque, è in tutto e per tutto simile a quello del decotto, sebbene la quantità di acqua sia minore. In media, occorre bollire assieme 300 ml. di acqua e un bel po’ di petali freschi per una quindicina di minuti. Ovviamente il tutto va filtrato e fatto intiepidire.

Per quanto riguarda i semi di papavero, la loro applicazione più frequente riguarda la decorazione del pane. Grazie ai semi di papavero il pane acquisisce un aspetto singolare, in quanto costellato da puntini neri. Acquisisce anche un sapore diverso e decisamente aromatico.

I semi di papavero possono essere parte integrante di ricette sia dolci che salate. Di base, infatti, benché pesantemente aromatici, vantano un sapore neutro. Sicché troviamo i semi di papavero nelle mousse dolci, ma anche nelle pietanze a base di carne rossa e bianca.

Possono anche arricchire i ripieni della pasta fresca. Il consiglio, ovviamente, è di non esagerare in quanto si tratta pur sempre di ingredienti con caratteristiche da spezia, dunque potenzialmente in grado di coprire i sapori.

Ricette bevande con i fiori ne abbiamo? Certo che si!

4.4/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo alla birra

Pollo alla birra, un secondo piatto semplice e...

La carne di pollo, un’autentica alleata in cucina Il protagonista della ricetta del pollo alla birra è ovviamente la carne bianca. Il pollo è una delle carni più consumate in assoluto, se non...

Pere caramellate allo zafferano

Pere caramellate allo zafferano, un aromatico dessert

Pere caramellato allo zafferano, un dolce diverso dal solito Oggi vi presento un dessert fuori dal comune, ovvero le pere caramellate allo zafferano. Si inseriscono nel solco delle “pere cotte”...

pollo Yassa

Il pollo Yassa, un piatto senelagese speziato e...

Alla scoperta del pollo Yassa Lo Yassa è un piatto senegalese a base di pollo e di riso. Un piatto completo, che si fa apprezzare per la varietà dei sapori e per un utilizzo massiccio delle...