Susamielli con farina di fonio, una variante sfiziosa

Susamielli
Stampa

Susamielli con farina di fonio, una versione gluten-free

Ecco a voi i susamielli con farina di fonio e nocciole, una variante dei famosi biscotti napoletani. Se siete appassionati di cucina napoletana, o avete avuto la fortuna di soggiornare in Campania durante il periodo natalizio, avrete certamente fatto la conoscenza dei susamielli, un dolce tradizionale che da qualche secolo racchiude tutta la magia del Natale. La ricetta dei susamielli, infatti, ha alle spalle qualche centinaio di anni, per quanto alcune varianti fossero preparate persino nell’epoca classica. Il nome susamielli, d’altronde, è il calco dell’espressione greca equivalente a “sesamo e miele”.

La ricetta attuale non prevede i semi di sesamo, è vero, ma il miele è tutt’ora presente. Anzi, i susamielli sono famosi anche oltre i confini campani per essere dei deliziosi biscotti al miele. Alcune varianti sono presenti, a dire il vero, anche nel resto d’Italia. In Calabria, per esempio, sia a Natale che durante le feste patronali, si prepara un dolce simile, la ‘nsudda. Un tratto tipico dei susamielli, che però non si trova nelle altre varianti italiche, è la forma ad esse. Tipica di tutte le varianti, invece, è la consistenza morbida, che si conserva tale solo per qualche giorno.

Ciononostante, i susamielli possono essere consumati anche a distanza di tempo, anche dopo aver acquistato una consistenza da biscotto. La variante che vi presento oggi è “esotica” in quanto realizzata con una farina alternativa, ossia quella di fonio. Ho scelto la farina di fonio per dare maggior risalto all’accessibilità. Essendo senza glutine, infatti, permette il consumo anche a chi non può assorbire tale sostanza, dunque a chi soffre di celiachia. A parte ciò, è una farina preziosa in quanto ricca di nutrienti, fibre, vitamine e sali minerali.

Quale miele utilizzare per i susamielli?

Ne ho già fatto cenno, una della caratteristiche principali dei susamielli è la presenza abbondante del miele. Il miele viene impiegato in una quantità identica a quella della farina, dunque il rapporto è di uno a uno. In effetti, è impossibile non avvertire il sapore del miele quando si assaggia un susamiello. A questo punto, è lecito chiedersi quale miele è opportuno utilizzare.

Susamielli

La scelta classica ricade sul millefiori, che è quello più equilibrato dal punto di vista organolettico. Tuttavia, vista la particolarità del procedimento, potreste optare per un miele più adatto ai dolci, come quello di zagara, ovvero ricavato dai fiori di arancio. Tra l’altro, è anche molto profumato e ricco di vitamine e sali minerali, quasi al livello dei millefiori. La scelta, sia chiaro, è solo una questione personale, infatti la ricetta riesce in ogni caso, purché sia miele.

Il pisto, un mix di erbe ricco di gusto

I susamielli hanno dalla loro parte un altro ingrediente particolare, in grado di incidere in maniera significativa sul sapore, ossia il pisto. Tra l’altro, si tratta di un mix di spezie tipico della Campania, infatti altrove è praticamente sconosciuto. Come accennavo, è un mix di erbe aromatiche impiegato per insaporire i dolci, specie quelli “biscottati” come i susamielli. Si realizza con cannella, chiodi di garofano, anice stellato, noce moscata e semi di coriandolo. Il nome deriva dalla preparazione, che prevede un passaggio molto accurato al mortaio. A questo segue un passaggio in padella, che ha lo scopo di far sprigionare tutto l’aroma degli ingredienti.

Il pisto è frutto di una sapiente commistioni di sapori, aromi e sentori, e si caratterizza per un equilibrio praticamente perfetto. Non è un caso che, benché popolarissimo, non faccia segnare varianti locali. Il pisto, infatti, è la migliore versione di se stesso. Tra l’altro, questo mix di spezie gioca un ruolo fondamentale nella ricetta dei susamielli con farina di fonio e nocciole, anche perché vengono coinvolte già nella fase dell’impasto. Al pari del miele, il pisto incide parecchio sul gusto e sul prezzo di questo dolce natalizio.

Ecco la ricetta dei susamielli con farina di fonio e nocciole:

Ingredienti:

  • 200 gr. di farina di fonio,
  • 250 gr. di miele millefiori o zagara,
  • 5 gr. di pisto,
  • 5 gr. di lievito consentito,
  • 50 gr. di granella di nocciole intere,
  • 5 gr. di guar.

Preparazione:

Per la preparazione dei susamielli iniziate mescolando tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto uniforme. Poi fare riposare in freezer per almeno un’ora. Terminato questo lasso di tempo, ricavate dall’impasto delle porzioni da circa 20 grammi. Senza perdere tempo, stendete le varie porzioni e allungatele fino a creare dei salsicciotti di 8 cm di lunghezza.

Adagiate questi salsicciotti su una teglia ricoperta di carta da forno, manipolandoli fino a formare una esse. Ora mettete le nocciole premendo sull’impasto affinché aderiscano per bene, tuttavia abbiate cura di non sformarli. Cuocete per circa 5 minuti a 200 gradi. Infine fateli raffreddare e sistemateli all’interno di un barattolo ermetico.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


11-12-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti