Biscotti e infuso ai fiori di sambuco e bacche di Goji

biscotti e infuso ai fiori di sambuco
Commenti: 3 - Stampa

Uno snack leggero, benefico  e ricco di gusto

La ricetta dei biscotti e infuso ai fiori di sambuco e bacche di Goji è una combinazione sfiziosa e semplice da preparare, che unisce al suo interno tutti i benefici e le proprietà dei due ingredienti principali. Ultimamente, si sente spesso parlare delle bacche di Goji, per via dell’incredibile quantità di vitamina C ed antiossidanti presente all’interno di questi piccoli frutti di origine orientale. Le proprietà del sambuco sono invece un po’ meno famose in Italia, sebbene il loro impiego officinale sia noto sin dall’antichità.

Questo delizioso pasto composto da fantastici biscotti da accompagnare con un infuso dissetante e altrettanto sfizioso, è molto leggero, perfetto da consumare come snack spezza-fame tra il pranzo e la cena. Ideale per mantenersi in forma ed in salute senza rinunciare al gusto, questo spuntino può essere preparato in poco tempo ed assaporato in compagnia di amici e famiglia…

Uno spuntino perfetto e salutare, da gustare ad ogni ora del giorno

Essendo a base di farina di riso, questa ricetta è molto leggera ma al contempo è in grado di apportare al corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno ed un forte senso di sazietà. Queste caratteristiche la rendono ideale da gustare in ogni momento della giornata, anche durante la prima colazione. Apprezzata da tutti grazie alla sua dolcezza, è perfetta da assaporare anche d’estate, grazie alla facile digeribilità di tutti gli ingredienti, che nutrono senza appesantire lo stomaco e l’intestino.

Bacche di Goji

Uno dei motivi per i quali la ricetta dei biscotti e infuso ai fiori di sambuco e bacche di Goji costituisce una scelta azzeccata non solo dal punto di vista del gusto ma anche del benessere, è la presenza delle ormai famose bacche di Goji. Le bacche di Goji sono ricche di minerali, tra cui lo zinco, e di vitamina C. Quest’ultima contrasta la formazione dei radicali liberi e rinforza il sistema immunitario. Le bacche forniscono all’organismo anche un elevato apporto fibre, particolarità che rende questa ricetta ancor più digeribile e adatta a tutti.

Dalle forti proprietà terapeutiche, i fiori di sambuco sono invece perfetti per combattere influenza, raffreddore e malattie respiratorie, e per eliminare le tossine presenti nel corpo, grazie al loro forte potere sudorifero ed antivirale. Grazie alla presenza di savoni, il sambuco ha anche un effetto benefico sull’apparato cardiovascolare ed è quindi perfetto per chi ha problemi di circolazione.

Biscotti e infuso ai fiori di sambuco, un pasto perfetto anche in compagnia

È difficile dire di no a questa combinazione di alimenti, in quanto è squisita e in grado di conquistare sia grandi che piccini, grazie al suo gusto dolce, ma al contempo leggero. La sua digeribilità rende questo pasto perfetto persino per chi ama tenere d’occhio la linea, ma non vuole rinunciare ad uno snack sfizioso.

Dal momento che andremo ad utilizzare la farina di riso e non di grano, i biscotti e l’infuso ai fiori di sambuco e bacche di Goji si riveleranno l’ideale anche per chi necessita di seguire una dieta povera di glutine. Perciò, vediamo come preparare questo spuntino ricco di gusto in pochi semplici gesti…

Ed ecco la ricetta dei Biscotti e infuso ai fiori di sambuco e bacche di Goji

Ingredienti per circa 24 biscotti

  • 100 g di farina di riso
  • 100 g di amido di tapioca
  • 100 g di zucchero di canna
  • 30 g di burro chiarificato
  • 2 uova
  • 30 g di bacche di Goji
  • Una punta di cucchiaino di bicarbonato

Per la copertura:

  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • ½ cucchiaio di fiori di sambuco essiccati

Per l’infuso:

  • 250 ml di acqua
  • 2 cucchiai di fiori di sambuco
  • 1 cucchiaino di bacche di Goji
  • Sciroppo di agave

Preparazione

Per i biscotti:

Preriscaldate il forno a 180 gradi. Rivestite una teglia con carta forno.Versate in un piatto lo zucchero di canna e i fiori di sambuco che vi serviranno per copertura dei biscotti.

Versate la farina di riso e l’amido di tapioca in una ciotola, unite lo zucchero di canna, i fiori di sambuco, il burro chiarificato, le uova e iniziate ad amalgamare gli ingredienti con una forchetta.  Aggiungete anche le bacche di Goji e impastate bene con le mani. Formate delle palline grandi come noci, passate le palline nel piatto con la copertura, pressando leggermente per far aderire bene e lasciate senza copertura la parte a contatto con la teglia.

Infornate per circa 15 minuti, sfornate e fate raffreddare.

Per l’infuso:

Portate ad ebollizione l’acqua, aggiungete i fiori di sambuco e le bacche di Goji, lasciate riposare per 10-15 minuti. Filtrate, scaldate l’infuso e addolcite con sciroppo di agave a piacere.

5/5 (468 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

3 commenti su “Biscotti e infuso ai fiori di sambuco e bacche di Goji

  • Dom 27 Set 2020 | Giuseppe Paletta ha detto:

    Buono delicato sfiziono un Amore di delicatezze

  • Ven 18 Giu 2021 | marco ha detto:

    Buongiorno ho sentito dire che i fiori di sambuco che si trovano nei campi non sono tutti commestibili, è vero?

    • Ven 18 Giu 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Marco è vero che esiste una variante velenosa del sambuco. Essa è ben conosciuta dagli esperti di botanica e di giardinaggio. Gli amatori, o chi si diletta nella raccolta delle piante, potrebbero però esserne all’oscuro con tutti i rischi che ne conseguono. Per inciso, la variante velenosa è nota ufficialmente come “Sambucu Ebulus”, in gergo è invece nota come Ebbio. Come riconoscere il sambuco velenoso, o Ebbio che dir si voglia? In effetti l’aspetto è simile e per certi versi identico, ma è sufficiente prestare attenzione ad alcuni particolari per non sbagliare.

      A partire dalle dimensioni: il sambuco “normale” è alto, invece l’Ebbio in genere non raggiungere i due metri. Stesso discorso per il fusto, quello del sambuco commestibile è fluido e costellato di puntini, mentre il fusto dell’Ebbio è più legnoso, rigido e omogeneo esteticamente. Più difficile è il confronto tra i fiori e le bacche. I fiori di entrambe le piante, infatti, sono raccolti a ombrello. In genere, però, quelli dell’Ebbio hanno una forma leggermente ovaleggiante. Le bacche sono quasi indistinguibili. Di solito, però, le bacche del sambuco ricadono verso il basso, mentre quelle dell’Ebbio sono rivolte verso l’alto. Purtroppo ciò non rappresenta la regola, bensì una semplice tendenza a cui bisogna prestare la massima attenzione. Se non siete sicuri, rivolgetevi ad un esperto prima di usarlo nelle vostre ricette.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-10-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti