Torta ripiena di pere, un dessert ottimo per il Carnevale

torta di pere
Commenti: 0 - Stampa

Torta ripiena di pere, un dolce semplice ma ricco di gusto.

La torta ripiena di pere è un dolce che assomiglia a una crostata. Differisce da quest’ultima, però, per la presenza della pasta sfoglia al posto della pasta frolla, e per l’assenza di una confettura vera e propria. Infatti, la farcitura è in realtà una crema realizzata con pere e vari ingredienti o spezie, tra cui la cannella e il limone. E’ molto semplice da preparare, benché diversa dalla maggior parte delle farciture da torta o da crostata. Non si deve fare altro che cuocere le pere fatte a fette insieme allo zucchero, alla cannella, al limone e al rum, fino a ricavare una crema molto densa, quasi del tutto priva di acqua.

Il risultato è straordinario e ricorda il ripieno di un dolce dedicato alle festività. Proprio per questo, consiglio di preparare questa torta in occasione del Carnevale, essendo anche molto colorata e adatta all’occasione. E’ l’ideale per i buffet dolci, anche perché si prepara in pochissimo tempo. Per quanto la ricetta sia tutto sommato banale, vi consiglio di seguire fedelmente le indicazioni, anche perché è davvero semplice commettere errori e ritrovarsi con una “brutta copia” della torta originale. Quindi fate molta attenzione alle dosi, in quanto potreste compromettere gli equilibri organolettici.

Quali pere utilizzare per questa torta?

La pera, utilizzata per la preparazione della nostra torta, è uno dei frutti più amati e consumati in assoluto. A decretare il suo successo vi è anche una certa versatilità dal punto di vista botanico. La pera, infatti, non è molto esigente in quanto a terreni e climi. Molto importante è anche la resa organolettica, enfatizzata da una dolcezza che si fa apprezzare da tutti i palati. Non è un caso, infatti, che buona parte delle ricette dolciarie vedano come protagonista proprio questo frutto. Anche dal punto di vista nutrizionale la pera non lascia affatto a desiderare. Il riferimento è al contenuto di vitamine e sali minerali, e in particolare di potassio, calcio, fosforo, magnesio e vitamina C. L’apporto calorico è davvero basso nonostante l’abbondante presenza di zucchero (fruttosio), infatti un etto di pere apporta a malapena 35 kcal.

torta di pere

Fare molta attenzione alle differenti varietà di pere, anche perché a ciascuna corrisponde un uso particolare. Per questa ricetta consiglio una pera dalla grana morbida e da un gusto tendenzialmente dolce. La varietà che risponde meglio a questi criteri è la Pera Coscia, sebbene anche la pera Mastantuono può essere adatta a questo tipo di preparazioni. In realtà, possono essere impiegate anche le varietà croccanti, come la Williams, ma in questo caso è bene attendere uno stadio di maturazione avanzato.

Il contributo della cannella

Come ho già accennato, la farcitura della torta di pere non è altro che il risultato della cottura in padella della pera, arricchita da numerosi ingredienti. Tra questi spicca la cannella, che apporta un contributo determinante. Dal punto di vista organolettico addolcisce senza appesantire, integrando l’insostituibile funzione dello zucchero. Ovviamente conferisce alla crema anche un aroma speciale, apprezzabile da tutti i palati.

In secondo luogo, la cannella impreziosisce la preparazione sotto il profilo nutrizionale, anche perché come buona parte delle spezie contiene molti antiossidanti. Per inciso, queste sostanze riducono l’impatto dei radicali liberi, ottimizzano i meccanismi di riproduzione cellulare e aiutano a prevenire il cancro. In linea teorica, considerando l’etto come unità di misura, la cannella è molto calorica. Tuttavia è sufficiente una manciata, o una quantità davvero ridotta, per renderla assolutamente innocua a chi ha problemi di linea.

Ecco la ricetta della torta ripiena di pere:

Ingredienti:

  • 2 rotoli di pasta sfoglia consentita (per me Exquisa),
  • 3 pere,
  • scorza di un limone,
  • 80 gr. di uva sultanina,
  • 40 gr. di pinoli,
  • 3 cucchiai di zucchero di canna,
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere,
  • 1 bicchierino di rum,
  • q. b. di cioccolato (da fondere),
  • q. b. di zuccherini.

Preparazione:

Per la preparazione della torta di pere iniziate immergendo l’uvetta nel rum e facendola ammollare per circa 10 minuti. Ora pelate le pere e tagliatele in piccoli pezzi, poi trasferitele in una padella insieme all’uvetta ben strizzata, ai pinoli, alla cannella e alla scorza grattugiata di un limone. Infine, aggiungete anche 3 cucchiai di zucchero di canna. Cuocete questi ingredienti a fuoco alto, fino a quando otterrete un composto cremoso ed abbastanza asciutto. L’acqua delle pere deve assorbirsi o evaporare completamente.

Ora srotolate la sfoglia in una teglia lasciando la carta forno presente al suo interno. Create dei buchi superficiali con una forchetta, poi adagiate il ripieno appena realizzato. Mettete sulla superficie un altro tondo di pasta sfoglia e chiudete bene i bordi, esercitando una giusta pressione con le dita. Poi pizzicate i bordi per ottenere una specie di decorazione, così come vedete in foto. Infine, cuocete al forno già caldo a 180 gradi per 30-40 minuti, poi attendete che la torta si sia raffreddata prima di sformarla. Guarnite con del cioccolato fuso e con gli zuccherini.

5/5 (401 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Budino al cioccolato per Carnevale

Budino al cioccolato per Carnevale, un dolce colorato

Budino al cioccolato per Carnevale, un dessert speciale con il minimo sforzo Il budino al cioccolato, come tra l’altro suggerisce il nome, è un dessert perfetto per rendere speciali le feste di...

Semifreddo al profumo di arancia

Semifreddo al profumo di arancia, un dessert colorato

Semifreddo al profumo di arancia, perché è così speciale? Il semifreddo al profumo di arancia ha tutte le carte in regole per essere “il dessert” ideale per Carnevale. In primis è colorato,...

Migliaccio di Carnevale

Migliaccio di Carnevale, dolce perfetto per le feste

Migliaccio di Carnevale, un dolce ottimo con il minimo sforzo Oggi vi presento il migliaccio di Carnevale, una torta che molti di voi già conosceranno, anche perché è una delle più famose in...

Stelle ripiene di castagne

Stelle ripiene di castagne per un Carnevale diverso

Stelle ripiene di castagne e uvetta, dei dolcetti colorati e deliziosi Le stelle ripiene di castagne e uvetta sono dei dolcetti squisiti e dal grande impatto visivo, da proporre in particolar modo...

Bollicine con spuma di frutta frizzante

Bollicine con spuma di frutta frizzante, fresco aperitivo

Bollicine con spuma di frutta frizzante, gustoso e fresco Le bollicine con spuma di frutta frizzante rappresentano un’ottima idea per un aperitivo diverso dal solito, una bevanda fresca, colorata...

Cocktail ananas e semi di chia

Cocktail analcolico con ananas per un momento di...

Le particolarità del cocktail analcolico con ananas e semi di chia Il cocktail analcolico con ananas e semi di chia è una bevanda che procede da una particolare selezione degli ingredienti....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti