bg header
logo_print

Corona di pane dolce alla cannella, un dolce per Natale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

corona di pane dolce alla cannella
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 30 min
cottura
Cottura: 35 min
dosi
Ingredienti per: 8 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Corona di pane dolce alla cannella, un’idea suggestiva per il Natale

Oggi vi presento la corona di pane dolce alla cannella, un’idea creativa e suggestiva per trasformare una forma di pane tradizionale in un dolce dal sapore semplice e dal grande impatto visivo. Consiglio di preparare questa corona di pane soprattutto a Natale, quando è consentito indugiare nelle preparazioni dolci e l’estetica prende il sopravvento. Oltre che deliziosa, questa corona è anche bella da vedere in quanto sembra una ghirlanda natalizia!

Ciononostante è molto semplice da realizzare. L’impasto coinvolge ingredienti diversi dal solito ma è piuttosto classico. La cottura può avvenire al forno elettrico in modalità statica. L’unico elemento di difficoltà, se così si può chiamare, è dato proprio dalla forma che richiede un minimo di manualità. Tuttavia, vi basterà seguire la ricetta passo passo per ottenere un buon risultato già al primo tentativo.

Ricetta corona di pane dolce

Preparazione corona di pane dolce

In una capiente ciotola per impastare, versate il latte di riso leggermente intiepidito, poi aggiungete il lievito di birra secco, lo zucchero di canna ed amalgamate per sciogliere ben bene il tutto. Sbattete leggermente l’uovo e versatelo nel composto, sempre amalgamando.

Unite poi le farine setacciate col sale ed iniziate ad impastare, prima delicatamente poi vigorosamente per alcuni minuti, ottenendo una bella palla di impasto morbido e sodo, liscio ed omogeneo.

Mettete questa palla a lievitare in una ciotola leggermente unta d’olio, coprendola con pellicola alimentare e con un canovaccio, ponendola al riparo da correnti d’aria, in un luogo tiepido (solitamente io la pongo nel forno spento ma con la luce accesa).

Lasciatela lievitare sino al raddoppio, comunque un’ora e mezza circa. Riprendete quindi l’impasto e sgonfiatelo un poco re-impastandolo su un piano da lavoro; suddividetelo poi in 12 parti uguali.

Stendete su un piano da lavoro leggermente infarinato ciascuna parte con un mattarello, formando dei piccoli rettangoli: spennellateli con poco olio, spolverizzateli con abbondante zucchero di canna e con cannella macinata in quantità a piacere.

Arrotolate poi ogni rettangolo su se stesso, ottenendo 12 rotoli; ungete leggermente d’olio uno stampo a ciambella del diametro di cm 26 ed adagiateli uno accanto all’altro, senza forzarli troppo e tenendo un pochino di distanza l’uno dall’altro (dovranno lievitare ancora un poco ed aumentare di volume!) formando così una corona.

Coprite con un canovaccio e riponete a lievitare in un luogo tiepido per altri 20 minuti. Nel frattempo accendete il forno e portatelo a 200° con funzione statica; spennellate con un poco di latte di riso ed infornate la vostra corona di pane alla cannella cuocendola per 30-35 minuti; deve dorarsi ben bene e gonfiarsi ancora un poco in cottura.

Sfornate la corona di pane dolce e lasciatela raffreddare completamente prima di toglierla con delicatezza dallo stampo; prima di portarla in tavola a piacere decoratela con nastri colorati, bacche e quanto vi dice la fantasia!

Per l'impasto:

  • 250 g farina Manitoba,
  • 300 g farina di tipo 1, macinata a pietra
  • 230 ml latte di riso,
  • 80 ml olio di riso,
  • 80 g zucchero di canna Demerara,
  • 1 uovo,
  • una bustina di lievito di birra secco,
  • q.b. sale fino.

Per la farcitura:

  • olio di riso,
  • zucchero di canna Demerara,
  • cannella in polvere.

Un impasto delicato per la corona di pane dolce alla cannella

Come ho già detto, l’impatto della corona di pane dolce alla cannella è semplice ma richiede alcuni ingredienti particolari. Su tutti spicca la farina di manitoba. Molti quando sentono questo nome immaginano una farina esotica, originata magari da un antico cereale. Invece si tratta di “normale” farina di frumento sottoposta a un trattamento particolare. Lo scopo è di rendere forte la farina, ovvero in grado di contrastare le bolle d’aria che si formano durante la lievitazione. In ragione di ciò è apprezzata per la sua stabilità e per la capacità di creare impasti molto morbidi.

L’impasto richiede anche l’aggiunta di un uovo, che ammorbidisce il sapore e lo rende più vicino a quello di un pan di Spagna. Non mancano, infine, lo zucchero e il latte. Questo ultimo ingrediente aggiunge un sapore ancora più delicato e impatta anche sulla stabilità dell’impasto. Il lievito è necessario, ma basta solo una bustina se si utilizza la versione secca.

Una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari?

Giunti a questo punto vale la pena chiedersi: la corona di pane dolce alla cannella è compatibile con chi soffre di intolleranze alimentari? Dipende quali. Per i celiaci semaforo rosso. L’ingrediente principale è la manitoba, che come abbiamo visto è una farina che abbonda di glutine. Potreste sostituirla con altri tipi di farine, magari gluten-free, ma il risultato non sarebbe lo stesso.

Via libera invece per gli intolleranti al lattosio. Al posto del latte vaccino, infatti, troviamo quello di riso, che è privo di questa sostanza. Il latte di riso vanta anche un discreto spessore nutrizionale, benché diverso dal “latte standard”. Potete sostituire il latte di riso con qualsiasi altro tipo di latte vegetale, ma ponete grande attenzione agli abbinamenti. Quello più vicino, come sapore e resa, è il latte di soia. Si tratta di una buona scelta anche dal punto di vista nutrizionale, infatti è ricco di grassi benefici e antiossidanti.

Una farcitura particolare per la corona di pane dolce

Questa corona di pane dolce non ha una farcitura classica, che prevede l’inserimento di un composto tra due fette di impasto. In questo caso la farcitura viene invece applicata sopra le parti che compongono l’impasto. In questo modo gli aromi si avvertono al meglio ad ogni morso, rendendo questo pane ancora più interessante. Ad ogni modo, la farcitura è formata da zucchero e cannella, un connubio classico della cucina italiana che agisce all’insegna della dolcezza. La cannella non si limita ad aromatizzare ma dolcifica allo stesso tempo.

La cannella è una delle spezie più potenti dal punto di vista del sapore, inoltre vanta delle ottime proprietà nutrizionali. E’ ricca di antiossidanti, sostanze che regolarizzano i processi di rigenerazione delle cellule e aiutano a prevenire il cancro. E’ ricca anche di sali minerali e vitamine, proprio come le altre spezie.

Uno zucchero diverso dal solito

La farcitura della corona di pane dolce alla cannella coinvolge lo zucchero, ma non si tratta di uno zucchero qualsiasi, bensì dello zucchero demerara. Questo tipo di zucchero prende il nome dalla regione della Guyana in cui veniva prodotto, sebbene oggi lo si possa reperire un po’ ovunque. E’ uno zucchero bruno non raffinato, ma viene comunque trattato mediante centrifugazione. Questo gli consente di conservare il sapore caramellato in una versione più elegante e delicata, che interagisce bene con una vasta gamma di preparazioni.

Lo zucchero demerara si presenta anche con grani molto grandi, tali da ricreare una bella sensazione al palato se viene consumato integro, ossia funziona più o meno come granella. Proprio per questo viene inserito a solo sul pane, senza formare un composto unico con la cannella o con altri ingredienti. Dal punto di vista nutrizionale, invece, lo zucchero demerara non presenta differenze rispetto agli altri tipi di zucchero: lo zucchero bruno e lo zucchero bianco.

Ricette dolci senza glutine ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...