Gnocco fritto espresso, una variante davvero veloce

Gnocco fritto espresso
Commenti: 0 - Stampa

Gnocco fritto espresso, una variante pronta in pochi minuti

Questa ricetta è una rivisitazione del classico gnocco fritto. Si tratta di una pietanza corposa, quasi sempre accompagnata da insaccati e formaggi, proprio per questo lo gnocco fritto è diventato, nel corso degli ultimi tempi, uno degli antipasti preferiti da chi frequenta i pub e risto-pub. Si abbina perfettamente alla birra, ma rappresenta un perfetto “apripista” per i più golosi, in attesa della pizza o dell’hamburger. Di certo, non parliamo di un qualcosa di dietetico. Anche perché è uno gnocco, dunque ricco di carboidrati e per giunta è anche fritto, dunque sottoposto a un metodo di cottura che fa ampio uso di grassi.

La ricetta che vi propongo, che è una variante del classico gnocco fritto, smentisce in parte questa verità. Ovviamente non siamo di fronte ad un antipasto dietetico, ciononostante la lista degli ingredienti è pensata per ridurre in parte l’apporto calorico. Il riferimento è al rotolo di base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa. Esatto, questa ricetta non impone la preparazione degli gnocchi, ma fa uso di un prodotto già pronto. I motivi che mi hanno spinto a fare questa scelta sono due.

In primo luogo la possibilità di risparmiare tempo, infatti la pietanza è pronta davvero in pochi minuti. Secondariamente, il fatto che il prodotto in questione sia realizzato da Exquisa. Questa azienda, infatti, predilige le migliori materie prime e pone in essere processi di produzione il più possibile naturali, senza fare uso di coloranti, conservanti e oli poco salutari. Il risultato è, spesso e volentieri, un prodotto genuino e meno grasso. Non vi rimane altro che stendere il rotolo, farlo riposare qualche minuto, tagliarlo a rettangolo e friggere!

Come accompagnare lo gnocco fritto?

Tradizionalmente lo gnocco fritto si accompagna con salumi e formaggi. I salumi dovrebbero essere sufficientemente sapidi (ma non per questo grassi), mentre i formaggi dovrebbero essere a bassa o media stagionatura. Potreste optare per il classico salame, o per la mortadella, io però vi consiglio di scegliere qualcosa di più insolito, di più rustico e allo stesso tempo più raffinato, come ad esempio la coppa.

Gnocco fritto espresso

La coppa, altrimenti nota come capocollo o ossocollo, è un insaccato che si realizza con la porzione superiore del collo del salame. E’ tipica del sud Italia, ma la si produce anche in alcune zone del centro. E’ di norma molto speziata, per esempio con semi di finocchio e pepe. Non è dietetica, ma non è molto più grassa di altri insaccati, infatti il suo apporto calorico si aggira sulle 300-400 kcal per 100 grammi. E’ un’ottima fonte di proteine, che rappresentano circa il 30%. La coppa è squisita, così come gli altri insaccati, ma il consiglio è comunque di consumarli con moderazione.

Consigli per la frittura

Vorrei dedicare un po’ di spazio alla frittura. Si tratta di un metodo di cottura tra i più amati, utilizzato anche per il nostro gnocco fritto, in grado di conferire maggiore sapore ai cibi. Tuttavia, non è certamente tra i più sani, ma esistono alcuni accorgimenti che permettono di limitare i rischi. Per esempio l’olio deve essere abbondante, in modo da ridurre – sembra paradossale ma è così – la quantità di olio assorbita dal cibo. Sempre allo stesso scopo, è bene immergere il cibo nell’olio solo quando è molto caldo. Per verificare la temperatura potete utilizzare un termometro, che dovrebbe segnare i 180 gradi, o potete utilizzare due piccoli accorgimenti: gettare qualche granella di pangrattato o immergere la punta di uno stuzzicadenti. Se l’olio sfrigola, allora è caldo al punto giusto!

Infine, un consiglio che sicuramente già conoscerete, ossia adagiare sempre l’alimento appena fritto sulla carta assorbente. Anche in questo caso, lo scopo è di rimuovere più olio possibile. A prescindere da questi accorgimenti, ci tengo a precisare che la frittura dovrebbe essere l’eccezione e non la regola. E’ una questione di linea e di salute.

Ecco la ricetta dello gnocco fritto espresso:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa,
  • una terrina di olive snocciolate,
  • salumi misti (culatello, coppa, salame, etc),
  • q. b. di olio per friggere e sale.

Preparazione:

Per la preparazione dello gnocco fritto espresso iniziate stendendo la base di pasta Exquisa, poi fatela riposare per circa 20 minuti.  Ora ricavate dalla pasta dei rettangoli di 3 o 4 cm. Riscaldate un bel po’ di olio in una padella, poi friggete un rettangolo alla volta, avendo cura di girarlo spesso. Scolate e ponete sulla carta assorbente i rettangoli che avete fritto. Infine, salate come meglio credete, servite con salumi misti e qualche oliva snocciolata.

5/5 (459 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti