Bowl di riso Venere e verdure, un primo completo

Bowl di riso Venere e verdure
Commenti: 0 - Stampa

I principi nutrizionali della bowl di riso Venere con ratatouille

La bowl di riso Venere con ratatouille di verdure è un primo completo e gustoso. Potremmo considerarlo come un modo diverso di consumare il riso, che si distingue dal classico risotto. Certo, il riso va tostato e non manca la base di verdure rosolate. Tuttavia, in questa ricetta non viene impiegato il brodo vegetale. Inoltre, è servito all’interno delle classiche bowl, quasi come se fosse un’insalata. Un altro tratto distintivo, infine, è la presenza del concentrato di pomodoro, che in genere è assente nei risotti. Di questo piatto stupisce non solo il gusto, ma anche l’impatto visivo, dominato dal “nero” del riso. Infatti, per questa ricetta, va impiegata una varietà particolare: il Venere. Il riso Venere fa parte della categoria del riso nero ed è una varietà tutta italiana, che viene coltivata soprattutto nella pianura Padana.

La caratteristica più evidente della bowl di riso Venere è il colore, che tende appunto al nero. Esso è dovuto alla presenza di antiossidanti, che è maggiore rispetto a qualsiasi altro tipo di riso. Tra parentesi, gli antiossidanti sono considerate delle sostanze anti-cancro, in quanto supportano i meccanismi di rigenerazione cellulare e contrastano gli effetti dei radicali liberi. Rispetto al riso normale, poi, il Venere contiene una quantità di fibre straordinaria, dunque è in grado di supportare i processi digestivi e ridurre i casi di stipsi. Per il resto, è ricco di carboidrati, sali minerali e vitamine. Il riferimento è soprattutto alle vitamine del gruppo B, che contribuiscono ad attenuare l’affaticamento e gli episodi di stress. Il riso nero contiene anche pochi grassi, sicché il suo apporto calorico è inferiore rispetto a quello delle altre varietà.

Gli insospettabili benefici del sedano

Questa bowl di riso Venere è ricca di verdure. Tra queste spicca il sedano, che forma la base “rosolata” su cui viene completata la cottura del riso. Il sedano è un alimento certo abbondantemente consumato, soprattutto quando si prepara il soffritto, ma ad esso non si rende l’onore che merita. E’ infatti preziosissimo, non solo dal punto di vista gastronomico ma anche e soprattutto nutrizionale.

Bowl di riso Venere e verdure

In primis, contiene la luteina, un formidabile antiossidante che esercita una funzione protettiva nei confronti del cervello. In secondo luogo, è davvero ricco di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla conosciutissima vitamina C, che rafforza il sistema immunitario, e alla vitamina K. Il sedano è famoso anche per essere estremamente dietetico. Ovviamente è un falso mito quello secondo cui le calorie che fornisce sono inferiori a quelle necessarie per il suo consumo, ma siamo comunque su livelli estremamente bassi: 20 kcal per 100 grammi.

Le principali differenze tra peperone giallo e peperone rosso

La lista degli ingredienti di questa bowl di riso Venere con ratatouille di verdure comprende anche i peperoni rossi e gialli. Sono ingredienti preziosi, ingiustamente oggetto di pregiudizio. Per esempio, quello secondo cui sarebbero pesanti e difficili da digerire. In alcuni casi, è vero, possono esserlo, ma solo quando sono associati a metodi di cottura “grassi” e quando si conserva la pellicina esterna.

Per il resto, i peperoni sono leggeri, e apportano solo 22 kcal per 100 grammi. Essi, poi, contengono grandi dosi di fibre, potassio, fosforo e vitamina C. Che differenza c’è tra i peperoni gialli e quelli rossi? Ebbene, i primi contengono più betacarotene, mentre i secondi più luteina, un antiossidante contenuto anche nei pomodori. Entrambe le varietà, poi, contengono un terzo antiossidante, la capsicina. Analogamente, i peperoni in generale esercitano proprietà diuretiche, digestive e anti-colesterolo. Insomma, stiamo parlando di alimenti davvero preziosi, che non dovrebbero mancare in nessuna dieta (comprese quelle dimagranti).

Ecco la ricetta della bowl di riso Venere con ratatouille di verdure:

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr. di riso Venere,
  • 2 zucchine,
  • 2 carote,
  • 2 gambi di sedano,
  • 1 porro di medie dimensioni,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • 1 peperone rosso e 1 giallo,
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della bowl di riso Venere con ratatouille di verdure iniziate cuocendo il riso in 0,6 litri di acqua. Poi tostate il riso in pochissimo olio extravergine d’oliva e versate gradualmente l’acqua già calda. Infine cuocete al forno a 200 gradi per 20 minuti con il coperchio applicato. Ora lavate e sbucciate le verdure, tagliate le carote, i peperoni e le zucchine a filetti, mentre il sedano e il porro tagliateli a rondelle. Versate questi ingredienti in una pentola e rosolateli per pochi minuti in poco olio.

Aggiungete il concentrato di pomodoro mescolato a tre cucchiai di acqua. Cuocete così per pochi minuti, poi versate il riso Venere integrando ogni tanto con un po’ di acqua calda. Continuate così per una decina di minuti non dimenticandovi di mescolare spesso. A cottura terminata, regolate di sale, pepe e servite nella bowl.

5/5 (421 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta concia

Polenta concia, una versione cremosa e nutriente

Polenta concia, la tradizione a portata di mano La polenta concia è un modo diverso di intendere la polenta, nonché un piatto facile da preparare. La ricetta fa comunque parte della tradizione...

Purple strudel

Purple strudel o strudel salato viola, merenda gustosa

Purple strudel, una merenda davvero speciale. Il purple strudel o strudel salato viola è una merenda salata che presenta alcuni elementi peculiari. Per esempio, il colore viola. Non che uno strudel...

Quiche lorraine

Quiche lorraine, la torta salata per eccellenza

Quiche lorraine, dalla Francia la torta salata per eccellenza Oggi vi presento la quiche lorraine, uno dei piatti unici francesi più amati in patria e all’estero. E’ una torta salata tipica...

Quiche con funghi chiodini

Quiche ai funghi chiodini, una torta leggera e...

Quiche ai funghi chiodini, uno splendido esempio di torta salata La quiche ai funghi chiodini è una torta salata tutto sommato tradizionale, ma che non manca di stupire per l’abbinamento di...

Torta con finocchio e cocco

Torta salata con finocchi e cocco, dolce e...

Torta salata con finocchi e cocco, una delicata combinazione La torta salata con finocchi e cocco è una torta salata molto particolare, anche perché contiene alcuni elementi dolci. E’ comunque...

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti