Crema di lenticchie con cotechino croccante al bicchiere

Crema di lenticchie con cotechino
Commenti: 4 - Stampa

Crema di lenticchie con cotechino croccante, top

La crema di lenticchie con cotechino croccante è un primo che può fungere anche da corposo antipasto, anche perché si fregia di un impiattamento particolare. Anzi, il termine impiattamento potrebbe risultare persino fuori luogo, dal momento che la crema di lenticchie con cotechino croccante viene servita nei bicchieri! Dall’esterno potrebbe sembrare un dessert, e d’altronde è proprio questa la sensazione che restituisce la foto con cui vi presento la ricetta.

In realtà, la preparazione non consta di tecniche particolari, di preziosismi di ristorante a tre stelle. Anzi, può essere definito un piatto popolare, reinterpretato in modo da concedere qualcosa all’estetica, che è pure importante quando si vuole valorizzare l’esperienza gastronomica. Per il resto, si tratta di una ricetta genuina, che nonostante la presenza del cotechino croccante non è affatto grassa, ma anzi è in grado di offrire molto anche dal punto di vista nutrizionale. Quindi, è una ricetta da provare, per un primo leggero e minimale o per un antipasto sfizioso e corposo, a voi la scelta!

I tanti benefici delle lenticchie rosse

In realtà, questa non è una crema di lenticchie classica. Il motivo? Il cotechino c’entra fino a un certo punto. A differenziare questa crema di lenticchie con cotechino è la presenza di una particolare varietà di lenticchie, le lenticchie rosse. Esse si caratterizzano per un colore diverso dalle “normali” lenticchie, che vira nettamente verso il giallo (nonostante il nome). In alcune zone d’Italia sono particolarmente consumate, soprattutto in Sicilia, mentre in tante altre zone non sono molto conosciute.

Crema di lenticchie con cotechino

Si distinguono inoltre per una concentrazione di proteine più alta del normale, che varia dal 20 al 22%, dunque si posiziona su livelli del tutto paragonabili a quelli della carne (e infatti è un’alternativa preziosa a quest’ultima). Le lenticchie rosse vantano anche una quantità di fibre significativa (14%), come anche di minerali e vitamine del gruppo B. L’apporto calorico è abbastanza contenuto, e consiste in 300 kcal per 100 grammi. Per quanto riguarda il gusto, le lenticchie rosse presentano note più delicate, leggermente aromatiche. La cottura è più semplice delle normali lenticchie “marroni”, anche perché in genere la pellicina che li ricopre è piuttosto sottile. Questa caratteristica, d’altronde, abbatte il tempo di ammollo.

Sfatiamo una delle tante credenze, il cotechino fa male?

Il cotechino è praticamente un’istituzione in Italia, dal momento che viene associato alle festività del Capodanno. Perchè quindi non utilizzarlo nelle nostra crema di lenticchie con cotechino? Il cotechino è molto apprezzato per il sapore, ma viene ritenuto dannoso da alcuni. In effetti, è uno degli insaccati più grassi in assoluto, dal momento che 100 grammi di prodotti contengono 25 grammi di grassi. Di conseguenza, l’apporto calorico non è per niente contenuto, visto che supera le 300 kcal per 100 grammi. Inoltre, è anche ricco di sodio (bensì venga superato sotto questo aspetto da molti insaccati).

In compenso, il cotechino è una buona fonte di proteine, che ne rappresentano il 21% e di ferro. Dunque è bene rinunciare al cotechino? In realtà no, basta consumarlo con accortezza e con senso di equilibrio. Questa ricetta è un ottimo modo per realizzare questo proposito. Anche perché la quantità di cotechino necessaria è in realtà ridotta.

Ecco la ricetta della crema di lenticchie con cotechino croccante:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di lenticchie rosse,
  • 200 gr. di patate,
  • 1 cotechino,
  • 2 porri,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • granella di pistacchio,
  • timo essiccato,
  • q. b. di sale e pepe.
  • 1 arancia (facoltativa)

Preparazione:

Per la preparazione della crema di lenticchie con cotechino iniziate sbucciando le patate e riducendole a cubetti. Sbucciate il porro e affettatelo. Le lenticchie rosse, invece, potete utilizzarle subito, in quanto non necessitano di ammollo.

Ad ogni modo, la cottura (non a vapore) dovrebbe richiedere una ventina di minuti. Discorso radicalmente diverso, ovviamente, se utilizzate le lenticchie precotte. In questo caso non avrete alcuna necessità di cucinarle,ma vi basterà riscaldarle per una decina di minuti. A prescindere dal tipo (precotte e crude) o dall’ammollo, le lenticchie vanno salate sempre a fine cottura. Per ciò che concerne la padella, per questa preparazione io preferisco quella in terracotta.

Cuocere il cotechino in acqua non salata a fuoco basso per circa 2 ore, lasciarlo intiepidire, privarlo della pelle e tagliarlo a cubetti e fatee rosolare in una padella antiaderente senza condimento.

Fate rosolare in poco olio i porri e lasciate appassire per 5 minuti, poi aggiungete le patate e proseguite la cottura per 20 minuti. Alla fine della cottura aggiustate di sale e pepe.

Una volta cotte le lenticchie, frullatelle insieme a porri e patate aggiungendo un po’ d’olio fino ad ottenere una crema. Dopodiché sgranate il cotechino, riscaldatelo in padella fino a quando non acquisisce una certa croccantezza, poi fatelo asciugare su una carta da cucina. Versate la crema di lenticchie nei bicchierini, versateci sopra il cotechino croccante e decorate con la granella di pistacchi e il timo. Potete anche terminare con dei pezzettini di arancia pelata a vivo.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Crema di lenticchie con cotechino croccante al bicchiere

  • Dom 27 Dic 2020 | Donatella Perozzi ha detto:

    Nella ricetta delle lenticchie è indicata un’arancia, ma nella elaborazione della stessa non è indicata come usarla

    • Dom 27 Dic 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Puo’ scegliere di presentare la ricetta con con cotechino croccante, granella di pistacchi e timo oppure con dei pezzettini di arancia pelata a vivo.Buone feste

  • Lun 28 Dic 2020 | Rita ha detto:

    Vorrei sapere se il cotechino va prima sbollentato e poi cotto in padella e come cuocere patate e porro.. Grazie

    • Mar 29 Dic 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Cuocere il cotechino in acqua non salata a fuoco basso per circa 2 ore, lasciarlo intiepidire, privarlo della pelle e tagliarlo a cubetti e fatee rosolare in una padella antiaderente senza condimento.

      Fate rosolare in poco olio i porri e lasciate appassire per 5 minuti, poi aggiungete le patate e proseguite la cottura per 20 minuti. Alla fine della cottura aggiustate di sale e pepe.

      Una volta cotte le lenticchie, frullatelle insieme a porri e patate aggiungendo un po’ d’olio fino ad ottenere una crema. Dopodiché sgranate il cotechino, riscaldatelo in padella fino a quando non acquisisce una certa croccantezza, poi fatelo asciugare su una carta da cucina. Versate la crema di lenticchie nei bicchierini, versateci sopra il cotechino croccante e decorate con la granella di pistacchi e il timo. Potete anche terminare con dei pezzettini di arancia pelata a vivo.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta a strati della Befana

Torta a strati della Befana con caramelle

Auguriamoci buone feste con la torta a strati della befana! Questa torta a strati della befana è una meravigliosa ondata di zuccheri ed allegria. Già a vederla si scatena l’acquolina in bocca,...

Strudel della befana

Strudel della befana, quando la calza si fa...

Strudel della befana, un’idea simpatica per grandi e piccini Lo strudel della befana è un’idea creativa per festeggiare l’Epifania. E’ una pietanza riservata ai piccini, ovviamente, ma può...

Panna cotta con cardamomo e pere

Panna cotta con cardamomo e pere, un dolce...

Panna cotta con cardamomo, pere e cannella, un ottimo dessert La panna cotta con cardamomo, pere e cannella non è una panna cotta come le altre. Lo potete notare dalla foto, che rivela un impatto...

Casetta di pan di zenzero

Casetta di pan di zenzero, un dolcetto quasi...

Casetta di pan di zenzero, un dolce per la Befana La casetta di pan di zenzero è un dolce davvero particolare. Per capirlo è sufficiente dare un’occhiata alla foto: si tratta, infatti, di una...

Cheesecake alla melagrana

Cheesecake alla melagrana, gusto e colore a tavola

Cheesecake alla melagrana, una rivisitazione del classico dolce anglosassone La cheesecake alla melagrana è una variante leggermente diversa della classica cheesecake, dolce di origine anglosassone...

Hamburger di zampone

Hamburger di zampone, Capodanno in stile street food

Hamburger di zampone, un’idea simpatica L'hamburger di zampone è un idea sfiziosa per un capodanno diverso dal solito. Potrebbe essere considerato come un piatto capace di coniugare la tradizione...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti