Crema di zucca con cotechino per un Capodanno perfetto

Crema di zucca con cotechino
Commenti: 0 - Stampa

Crema di zucca con cotechino, un’ottima alternativa per il pranzo di Capodanno

La crema di zucca con cotechino è un primo piatto colorato e gustoso, buono per tutte le occasioni e perfetto per il pranzo di Capodanno. Certo si tratta di una ricetta alternativa, che in qualche modo va oltre la tradizione. L’elemento di congiunzione rispetto al tradizionale pranzo di Capodanno rimane il cotechino, un alimento indissolubilmente legato al primo giorno dell’anno. La ricetta è in grado di valorizzarlo, in quanto genera un contrasto tra la sua croccantezza (ottenuta con una doppia cottura) e la morbidezza della crema di zucca. Nello specifico, il cotechino va prima bollito e poi passato in padella senza aggiungere grassi, in modo che diventi croccante.

Per quanto riguarda l’alimento in sé, le sue proprietà nutrizionali sono migliori di quanto non suggerisca l’immaginario collettivo. E’ certamente grasso, e non a caso è tra i derivati della carne più calorici in assoluto, infatti si aggira sulle 300 kcal per 100 grammi (quasi il triplo del pollo). Tuttavia, è anche un’ottima fonte di proteine, che lo compongono per il 22%. Ha un buon quantitativo anche di sali minerali, e in particolare di potassio, ferro, calcio, fosforo e magnesio. E’ ricco di vitamina B3, a tal punto che 100 grammi di cotechino garantiscono metà del fabbisogno giornaliero di questa sostanza. Per quanto concerne i nitriti e i nitrati, sostanze non esattamente salutari associate alle carne, la loro presenza è davvero contenuta.

Tutta la bontà e la carica nutrizionale della zucca

L’altro protagonista di questa crema con cotechino è la zucca. Questo ortaggio, in genere non associato alle festività natalizie, può offrire molto in termini di gusto e di creatività in cucina. Il riferimento è alla sua versatilità. Nella fattispecie di questa ricetta, la zucca viene cotta in padella insieme al burro, alla salvia e ai porri, per poi essere frullata. La crema che riceverete fungerà da “base” per i cubetti di cotechino croccante, ricreando un bel contrasto dal punto di vista organolettico.

Crema di zucca con cotechino

La zucca apporta colore, gusto e sostanze nutritive a questa ricetta. Nello specifico, è ricca di betacarotene, un elemento che agevola la produzione di vitamina A. E’ ricca anche di vitamina C, che come sicuramente già saprete rafforza il sistema immunitario. La zucca contiene elevate concentrazioni di sali minerali, e in particolare di potassio calcio e fosforo. Gli antiossidanti non mancano, sicché, nel suo piccolo, contribuisce a prevenire il cancro. Infine, l’apporto calorico è molto contenuto, pari a 18 kcal per 100 grammi.

Le proprietà nutritive dei porri

I porri danno l’impressione di essere degli ingredienti secondari, almeno in questa crema di zucca con cotechino. E invece giocano un ruolo fondamentale, in quanto equilibrano il sapore della zucca. Senza di essi, infatti, la zucca conserverebbe intatto quel suo sapore dolciastro, dando vita a un piatto poco bilanciato. I porri, con il loro sapore tenue ma caratteristico, smorzano questo tratto della zucca e fanno sì che possa valorizzare il gusto del cotechino, piuttosto che coprirlo. Anche perché, pur essendo imparentato con l’aglio e la cipolla, il porro propone sentori radicalmente diversi. Ovviamente, i porri vanno cotti insieme alla zucca, su un fondo di olio e salvia.

Per quanto concerne i valori nutrizionali, il porro si difende molto bene. Come molte specie vegetali, è ricco di vitamine e sali minerali. Di contro, è povero di grassi, per cui è anche ipocalorico, infatti 100 grammi di porri apportano solo 61 kcal. Per il resto contiene in abbondanza potassio, calcio, magnesio, fosforo e vitamina C. Importanti sono anche le proprietà pseudoterapeutiche che il porro vanta. Spiccano, a tal proposito, le proprietà diuretiche (grazie alla presenza di acqua), digestive (grazie all’abbondanza di fibre) e antiossidanti. I porri contengono infatti i flavonoidi, che sono un vero toccasana per l’organismo, capaci di contrastare i radicali liberi e supportare i corretti meccanismi di riproduzione cellulare.

Ecco la ricetta della crema di zucca con cotechino:

Ingredienti per 4 persone:

  • 100 gr. di porri,
  • 800 gr. di zucca,
  • 1 rametto di salvia,
  • q. b. di brodo vegetale,
  • 1 cotechino,
  • q. b. di aceto balsamico di Modena IGP,
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della crema di zucca con cotechino iniziate sbucciando la zucca e tagliando la polpa a dadini. Poi lavate i porri, sbucciateli e tagliateli a fette sottili. Passate i porri in padella con l’olio d’oliva e la salvia, poi versate la zucca e il brodo fino a coprire il tutto. Infine, fate cuocere per 40 minuti. Trascorso questo lasso di tempo, frullate il tutto.

Con la forchetta bucate leggermente il cotechino e cuocetelo in acqua un po’ salata per un paio d’ore. Ora spellatelo, tagliatelo a dadini e passatelo in una padella antiaderente senza aggiungere condimenti o grassi. Versate la crema di zucca in coppette a forma di stella, aggiungete i cubetti di cotechino croccante e guarnite con un po’ di aceto balsamico.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta a strati della Befana

Torta a strati della Befana con caramelle

Auguriamoci buone feste con la torta a strati della befana! Questa torta a strati della befana è una meravigliosa ondata di zuccheri ed allegria. Già a vederla si scatena l’acquolina in bocca,...

Strudel della befana

Strudel della befana, quando la calza si fa...

Strudel della befana, un’idea simpatica per grandi e piccini Lo strudel della befana è un’idea creativa per festeggiare l’Epifania. E’ una pietanza riservata ai piccini, ovviamente, ma può...

Panna cotta con cardamomo e pere

Panna cotta con cardamomo e pere, un dolce...

Panna cotta con cardamomo, pere e cannella, un ottimo dessert La panna cotta con cardamomo, pere e cannella non è una panna cotta come le altre. Lo potete notare dalla foto, che rivela un impatto...

Casetta di pan di zenzero

Casetta di pan di zenzero, un dolcetto quasi...

Casetta di pan di zenzero, un dolce per la Befana La casetta di pan di zenzero è un dolce davvero particolare. Per capirlo è sufficiente dare un’occhiata alla foto: si tratta, infatti, di una...

Cheesecake alla melagrana

Cheesecake alla melagrana, gusto e colore a tavola

Cheesecake alla melagrana, una rivisitazione del classico dolce anglosassone La cheesecake alla melagrana è una variante leggermente diversa della classica cheesecake, dolce di origine anglosassone...

Hamburger di zampone

Hamburger di zampone, Capodanno in stile street food

Hamburger di zampone, un’idea simpatica L'hamburger di zampone è un idea sfiziosa per un capodanno diverso dal solito. Potrebbe essere considerato come un piatto capace di coniugare la tradizione...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti