Tortillas con ceviche di gamberi, un piatto squisito

Tortillas con ceviche di gamberi
Commenti: 0 - Stampa

Tortillas con ceviche di gamberi, un pasto fine e completo

l punto di vista organolettico, per quanto possano sembrare dei classici spuntini da fast food. D’altronde, è sufficiente spulciare la lista degli ingredienti per comprendere quanto la ricetta sia sofisticata. Il riferimento è soprattutto alla presenza dei gamberi, che tra le altre cose vengono gestiti in modo da valorizzarne il sapore. Infatti, dopo un’attenta pulizia (operazione meno semplice di quanto si possa immaginare), i gamberi vengono tritati e conditi con la cipolla rossa, il limone, il lime e il peperoncino, per poi lasciarli marinare per circa un’ora.

E’ raro trovare i gamberi in una pietanza simil-fast food. Eppure la loro presenza è giustificata non solo dal gusto, apprezzato più o meno da tutti, ma anche per le loro proprietà nutrizionali. I gamberi contengono grassi buoni, benefici per l’organismo. Il riferimento è soprattutto agli acidi grassi omega tre, che agiscono a protezione dell’apparato cardiovascolare, della funzione visiva e delle funzioni cognitive. Inoltre, sono ricchi di sali minerali, e in particolare di fosforo. Infine, i gamberi sono anche una discreta fonte di proteine, quindi hanno poco da invidiare alle altre specie ittiche.

Quali tortillas utilizzare?

Per le tortillas con ceviche di gamberi vi consiglio di utilizzare le tortillas Nagual. Questo tipo di tortillas sono molto buone e genuine, realizzate con materia prima di assoluta qualità e secondo la ricetta tradizionale messicana. Nagual è un’azienda molto interessante, anche perché specializzata esclusivamente nella produzione di tortillas.

Tortillas con ceviche di gamberi

Il loro scopo è portare la vera tortillas messicana in Europa, e a giudicare dal loro successo ci sono riusciti in pieno. Un successo che vale doppio, se si considera che l’azienda è partita dalla conduzione familiare, e nel giro di pochi anni (dal 2002) ha saputo ritagliarsi uno spazio in tutta Europa.

Quando si parla di tortillas, abbiamo a che fare con una sorta di piadina preparata con la farina di mais. Come vi ho anticipato, è adatta ai celiaci e agli intolleranti al glutine. Tuttavia, se le acquistate già pronte, non dimenticate di leggere attentamente l’etichetta. Infatti, solitamente, oltre alla farina di mais, si preparano con acqua e sale.Potete anche pensare di preparare le tortillas in casa. Sono facili e veloci.

Il sublime tocco dell’avocado

Uno dei punti di forza delle tortillas con ceviche di gamberi è la corposità, che è frutto anche di abbinamenti particolari. Tra i protagonisti di questi abbinamenti figura l’avocado, che con la sua consistenza pastosa e il sapore a metà tra il dolce e il salato, valorizza una pietanza già di suo gustosa. L’avocado, nello specifico, va tagliato a dadini e mescolato con il pomodoro, l’erba cipollina e l’olio.

L’avocado è adatto per questo tipo di ricette, ma si difende piuttosto bene anche dal punto di vista nutrizionale. Contiene discrete dosi di vitamina C e di potassio. E’ abbastanza grasso, è vero, ma è sufficiente non abusarne per gustarlo senza alcun timore per la propria linea. L’apporto calorico, comunque, è sostenuto, ed è pari a 160 kcal per 100 grammi. Può sembrare poco, ma è più della maggior parte della frutta fresca in circolazione.

Ecco la ricetta della tortillas con ceviche di gamberi:

Ingredienti:

  • 12 tortillas Nagual,
  • 450 gr. di gamberetti medi,
  • 125 ml. di succo di lime,
  • 125 ml. di succo di limone,
  • 1 cipolla rossa,
  • 1 peperoncino,
  • qualche filo di erba cipollina,
  • 1 avocado,
  • 130 gr. di pomodori a dadini,
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione delle tortillas con ceviche di gamberi iniziate pelando la cipolla e facendo un bel trito. Poi sbucciate il peperoncino, lavatelo e tritatelo. Ora passate i gamberi sotto l’acqua corrente e rimuovete con le dita la testa, le zampe e il carapace (esattamente in quest’ordine). In alternativa, potete rimuovere il carapace con un coltellino affilato seguendo queste indicazioni: infilate il coltellino sotto il guscio, ruotatelo attorno alla polpa, applicate una pressione sulla coda e sfilate. In questo modo, il corpo dovrà sfilarsi quasi da solo. Dopo questa fase eliminate l’intestino dei gamberi, semplicemente realizzate un’incisione per lungo sul dorso e con la punta del coltellino estraete il filamento nero.

A questo punto staccate la coda (se lo desiderate) e lavate nuovamente i gamberi per eliminare eventuali residui. Infine, tritate la polpa e mescolatela con il succo di lime, il peperoncino, la cipolla rossa e il succo di limone. Applicate un coperchio o una pellicola alimentare e conservate in frigo per un’ora circa. Ora passate all’avocado, tagliatelo in due e aprite le due parti in modo che su una di esse rimarrà il seme. Poi estraete il seme incidendolo tutto intorno con il coltellino.

Dopodiché sbucciate l’avocado passando un cucchiaio tra la polpa e la buccia, o usando uno spelucchino. Infine, tagliate la polpa a dadini. Ora lavate e tagliate a dadini anche i pomodori. Poi lavate l’erba cipollina e asciugatela per bene. In una ciotola unite l’erba cipollina, l’avocado, l’olio e il pomodoro a dadini, mescolate il tutto e salate leggermente. Concludete versando i due composti (gamberi e avocado) sulle tortillas e servite

5/5 (415 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...

Crocchette di salmone e patate

Crocchette di salmone e patate, un piatto insolito

Crocchette di salmone e patate dolci, particolari Le crocchette di salmone e patate dolci sono preparazioni di rosticceria sui generis. Si caratterizzano, infatti, per una lista di ingredienti...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti