bg header
logo_print

Un hot dog per il Giorno del Ringraziamento? Siiiiiii

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

hot dog ringraziamento
Ricette per intolleranti, Cucina Americana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Il perfetto hot dog per il Giorno del Ringraziamento

Un hot dog per il Giorno del Ringraziamento? L’idea potrebbe sembrare bizzarra, ma non lo è, infatti la celebre festa americana è legata al consumo del tacchino, che – nell’immaginario collettivo – ne è il simbolo. D’altronde anche i più disinteressati alla cultura americana ricordano, magari in qualche film o serie tv, le grandi tavolate imbandite con il tacchino al forno in occasione del Giorno del Ringraziamento. Certamente questa pietanza ricopre un ruolo importante, ed effettivamente rappresenta un classico per questo tipo di festività. Tuttavia, il pranzo con il tacchino ripieno non è una regola fissa, in genere sono accettate tutte le pietanze che rispettano la tradizione americana. Per quanto possa sembrare strano agli occhi di un italiano, l’hot dog è a tutti gli effetti un piatto tipico degli Stati Uniti.

Ricetta hot dog per il giorno del ringraziamento

Preparazione hot dog per il giorno del ringraziamento

Per la preparazione dell’hot dog classico per il Giorno del Ringraziamento partite dai wurstel. Adagiateli su una griglia, o in padella, e fateli cuocere per circa dieci minuti a fiamma alta, girandoli almeno un paio di volte. Solo in questo modo, infatti, si cuoceranno perfettamente. Sulla piastra posizionate poi i panini hot dog e lasciateli per il tempo necessario affinché si riscaldino per bene. Quando i panini sono caldi, toglieteli dalla piastra e tagliateli in due. Tuttavia, non tagliateli a fondo, bensì solo da un lato, in modo che le due parti rimangano comunque attaccate.

Ora spalmate sui panini la senape o la maionese e aggiungete i wurstel appena cotti, concludete mettendo altre salse sopra di essi. In questa fase potete agire a discrezione, ossia potete aggiungere la senape, il ketchup e la maionese, o solo una di queste salse. Dopodiché chiudete i panini ed esercitate una leggera pressione. Avvolgete i panini in un tovagliolo, lasciandone fuori metà. Adesso impiattate, ponete i due panini su ciascun piatto e decorate con un contorno di insalata o di patatine fritte (vanno bene anche al forno). Servite i panini quando sono ancora caldi e buon appetito!

Per la preparazione dell’hot dog con pancetta iniziate tagliando il pane in due. Poi fate rosolare la pancetta in una padella antiaderente senza aggiungere ulteriori grassi. Lavate con accuratezza le verdure, poi affettate i pomodori e riduce la cipolla ad anelli sottili. I peperoni, invece, tagliateli a fette e arrostiteli leggermente. Per finire tagliate i cetriolini a rondelle e stufate i crauti. Adesso non rimane che farcire il panino inserendo tra le fette di pane il formaggio cheddar, due fette di pancetta, le verdure che avete preparato e i crauti stufati. Guarnite il tutto con la salsa di senape. Servite e buon appetito!

Hot dog classico

  • 8 panini per hot dog consentiti,
  • 8 wurstel consentiti,
  • q. b. di senape o maionese,
  • q. b. di ketchup.

Hot dog con pancetta:

  • 1 panino per hot dog Nutrifree;
  • 2 fette di pancetta;
  • 3 fette di formaggio cheddar a fette Bayerland;
  • 30 gr. di crauti;
  • 1/2 pomodoro;
  • 20 gr. di peperoni;
  • 2 cetriolini;
  • 2 fette di cipolla;
  • q. b. di salsa senape.

 

Da noi è inteso come street food o come spuntino estemporaneo, ma in realtà appartiene a pieno titolo alla tradizione culinaria a stelle e strisce. Dunque sì, il Giorno del Ringraziamento può essere celebrato anche con gli hot dog. La preparazione dell’hot dog è meno scontata di quanto si possa immaginare. Vorrei però soffermarmi su un altro argomento, ovvero il Giorno del Ringraziamento in sé. E’ una festa tipicamente statunitense, ma molto sentita anche in Canada. E’ stata celebrata per la prima volta nel XVII secolo, quando i Padri Pellegrini avevano l’abitudine di ringraziare il Signore per i raccolti abbondanti. La festa, come la conosciamo oggi, è stata però codificata nel 1863 dal Presidente Lincoln, che ha inteso trasformarla in un simbolo unificante, condiviso da tutti gli Stati dell’Unione.

Che tipo di wurstel usare per questa ricetta?

Ovviamente, l’ingrediente principale dell’hot dog per il Giorno del Ringraziamento è il wurstel. Un ingrediente che non gode di buona fama in Italia, anche perché considerato come il risultato di un trattamento che non valorizza la carne. Questo pregiudizio è vero solo in parte, e riguarda esclusivamente i wurstel di scarsa qualità, che in effetti sono poveri di nutrienti e ricchi di conservanti.

hot dog ringraziamento

Il “vero” wurstel all’americana, però, è un’altra cosa. E proprio a quello dovete fare riferimento se volete preparare un perfetto hot dog “gourmet”. Se scegliete wurstel di qualità, vi ritroverete con quello che può essere definito un secondo a  tutti gli effetti, che ha ben poco da invidiare alla nostra salsiccia. Ad ogni modo, anche i wurstel di qualità sono ricchi di grasso e di sodio. Apportano, però, una buona quantità di proteine ad un elevato valore biologico.

Le salse per l’hot dog del Ringraziamento

Quando si parla di hot dog per il Giorno del Ringraziamento è impossibile non fare riferimento alle salse. D’altronde la cucina americana, come quella inglese, punta molto sulle salse e anzi ne fa un vanto. Per questo hot dog, comunque, vi consiglio di andare sul classico e optare per la maionese, il ketchup e la senape. Il consiglio è quello di spalmare la maionese e il ketchup prima di aggiungere il wurstel, direttamente sul pane, ripetendo l’operazione prima di chiudere il panino. In un certo senso, quindi, è necessario un po’ di raziocinio anche nell’uso delle sale.

Vorrei soffermarmi un po’ sulla senape che, almeno in Italia, è una delle salse meno consumate. Ebbene, in realtà è anche quella più salutare. Infatti, la senape si caratterizza per alcune proprietà antireumatiche, disintossicanti e digestive. Inoltre, la senape contribuisce ad ossigenare il sangue, a prevenire le aritmie cardiache, contrastando così  il colesterolo.

Hot dog con pancetta

Due versioni cosi capiamo perché l’hot dog con pancetta è così buono?

L’hot dog è uno dei panini da fast food e street food più amati e consumati in assoluto. Tuttavia, ne esistono molte varianti, e concede molto spazio alla fantasia per chi ne vuole creare nuove combinazioni di sapori. Un esempio è proprio questo hot dog con pancetta, che come suggerisce il nome sostituisce il classico wurstel alla pancetta nostrana. Oggi quindi vi presento una pietanza di origine americana, ma leggermente rivisitata per garantire un gusto diverso ed un’accessibilità maggiore per chi ha problemi di intolleranze alimentari.

Tra l’altro, per questo hot dog con pancetta ho pensato a una farcitura ricca di verdure, che aggiungono gusto e qualche principio nutritivo in più che non guasta mai. In generale, siamo di fronte a un panino gustoso, ma nemmeno troppo grasso e abbastanza salutare per la media della sua categoria. Ovviamente, in pieno stile hot dog, la ricetta è semplicissima e si realizza in pochi minuti, quindi non comporta alcuna difficoltà sia nel reperire gli ingredienti che nel realizzare la ricetta stessa.

Il segreto del nostro hot dog con pancetta

Il vero segreto di questo hot dog non consiste però nella presenza della pancetta, e nemmeno nelle verdure, bensì in un altro ingrediente: il cheddar a fette di Bayernland. Il cheddar è un formaggio di origine anglosassone, molto consumato nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Proprio per la sua origine anglosassone, spesso viene snobbato e considerato erroneamente di bassa qualità. Si tratta, invece, di un formaggio nobile, che eccelle sia in termini gustativi che nutrizionali.

ll cheddar a fette Bayernland, in particolare, è davvero buono, sufficientemente leggero e salutare. E’ realizzato con la migliore materia prima e secondo metodiche naturali nel pieno rispetto dell’ambiente e della salubrità del prodotto stesso. Questo prodotto nello specifico contiene lattosio, quindi non potrebbe essere consumato da chi soffre di intolleranze. Tuttavia, la linea Bayernland contiene molti prodotti analoghi privi di lattosio, dunque avete solo l’imbarazzo della scelta. Tra l’altro, la rimozione del lattosio avviene attraverso un procedimento naturale: il latte viene sottoposto all’enzima lattasi, in modo che il lattosio possa scindersi in glucosio e galattosio. Una reazione, questa, che avviene normalmente nell’intestino di chi non è affetto da alcun tipo di intolleranza.

Le proprietà nutritive delle verdure nella nostra ricetta

Uno dei punti di forza di questo hot dog con pancetta, e che lo differenzia rispetto ai classici hot dog, è un’abbondantissima presenza di verdure. Una presenza che conferisce colore, gusto e alcune importanti sostanze nutritive. Nello specifico, la ricetta prevede la cipolla, il pomodoro, i peperoni, i cetriolini e i crauti. I peperoni in particolare offrono tantissima vitamina C, una sostanza che come molti sanno supporta il sistema immunitario e possiede consistenti poteri antiossidanti in grado di prevenire forme tumorali.

Anche il pomodoro si caratterizza per la concentrazione di antiossidanti, sostanze che contribuiscono alla prevenzione dai tumori e rallentano l’invecchiamento cellulare. In generale, tutte le verdure impiegate per questo hot dog spiccano per l’apporto di vitamine e sali minerali. Cipolle comprese, che in genere vengono sottovalutate e considerate, a torto, solo come un ingrediente “da soffritto”.  Insomma, questo hot dog con pancetta è una variante più salutare dell’hot dog classico che ci farà gustare meglio questo piatto senza eccessivi sensi di colpa.

Ricette americane ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Hamburger di quinoa e melanzane

Hamburger di quinoa e melanzane, una delizia 100%...

Uno sguardo alla quinoa La quinoa è la vera protagonista di questa sfiziosa ricetta. Occupa un posto d’onore negli hamburger di melanzane, adatti anche ai celiaci o a chi manifesta una marcata...

Hamburger di manzo con friggitelli

Hamburger di manzo con friggitelli, un secondo delizioso

Cosa sono i friggitelli? Gli hamburger di manzo e friggitelli sono di norma una ricetta semplice, in quanto a variare non è il procedimento bensì gli ingredienti. Per l’occasione ho deciso di...

Hamburger di patate con porri e zucchine

Hamburger di patate con porri e zucchine, un...

Il porro come ingrediente cardine per la rubrica Erbe e Fiori Preciso che questa deliziosa ricetta è frutto della collaborazione con le mie amiche Miria Onesta di Due Amiche in Cucina, Daniela...