Un hot dog speciale per il Giorno del Ringraziamento

hot dog ringraziamento
Commenti: 0 - Stampa

Il perfetto hot dog per il Giorno del Ringraziamento

Un hot dog per il Giorno del Ringraziamento? L’idea potrebbe sembrare bizzarra, ma non lo è, infatti la celebre festa americana è legata al consumo del tacchino, che – nell’immaginario collettivo – ne è il simbolo. D’altronde anche i più disinteressati alla cultura americana ricordano, magari in qualche film o serie tv, le grandi tavolate imbandite con il tacchino al forno in occasione del Giorno del Ringraziamento. Certamente questa pietanza ricopre un ruolo importante, ed effettivamente rappresenta un classico per questo tipo di festività. Tuttavia, il pranzo con il tacchino ripieno non è una regola fissa, in genere sono accettate tutte le pietanze che rispettano la tradizione americana. Per quanto possa sembrare strano agli occhi di un italiano, l’hot dog è a tutti gli effetti un piatto tipico degli Stati Uniti.

Da noi è inteso come street food o come spuntino estemporaneo, ma in realtà appartiene a pieno titolo alla tradizione culinaria a stelle e strisce. Dunque sì, il Giorno del Ringraziamento può essere celebrato anche con gli hot dog. La preparazione dell’hot dog è meno scontata di quanto si possa immaginare. Vorrei però soffermarmi su un altro argomento, ovvero il Giorno del Ringraziamento in sé. E’ una festa tipicamente statunitense, ma molto sentita anche in Canada. E’ stata celebrata per la prima volta nel XVII secolo, quando i Padri Pellegrini avevano l’abitudine di ringraziare il Signore per i raccolti abbondanti. La festa, come la conosciamo oggi, è stata però codificata nel 1863 dal Presidente Lincoln, che ha inteso trasformarla in un simbolo unificante, condiviso da tutti gli Stati dell’Unione.

Che tipo di wurstel usare per questa ricetta?

Ovviamente, l’ingrediente principale dell’hot dog per il Giorno del Ringraziamento è il wurstel. Un ingrediente che non gode di buona fama in Italia, anche perché considerato come il risultato di un trattamento che non valorizza la carne. Questo pregiudizio è vero solo in parte, e riguarda esclusivamente i wurstel di scarsa qualità, che in effetti sono poveri di nutrienti e ricchi di conservanti.

hot dog ringraziamento

Il “vero” wurstel all’americana, però, è un’altra cosa. E proprio a quello dovete fare riferimento se volete preparare un perfetto hot dog “gourmet”. Se scegliete wurstel di qualità, vi ritroverete con quello che può essere definito un secondo a  tutti gli effetti, che ha ben poco da invidiare alla nostra salsiccia. Ad ogni modo, anche i wurstel di qualità sono ricchi di grasso e di sodio. Apportano, però, una buona quantità di proteine ad un elevato valore biologico.

Le salse per l’hot dog del Ringraziamento

Quando si parla di hot dog per il Giorno del Ringraziamento è impossibile non fare riferimento alle salse. D’altronde la cucina americana, come quella inglese, punta molto sulle salse e anzi ne fa un vanto. Per questo hot dog, comunque, vi consiglio di andare sul classico e optare per la maionese, il ketchup e la senape. Il consiglio è quello di spalmare la maionese e il ketchup prima di aggiungere il wurstel, direttamente sul pane, ripetendo l’operazione prima di chiudere il panino. In un certo senso, quindi, è necessario un po’ di raziocinio anche nell’uso delle sale.

Vorrei soffermarmi un po’ sulla senape che, almeno in Italia, è una delle salse meno consumate. Ebbene, in realtà è anche quella più salutare. Infatti, la senape si caratterizza per alcune proprietà antireumatiche, disintossicanti e digestive. Inoltre, la senape contribuisce ad ossigenare il sangue, a prevenire le aritmie cardiache, contrastando così  il colesterolo.

Ecco la ricetta dell’hot dog per il Giorno del Ringraziamento:

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 panini per hot dog consentiti,
  • 8 wurstel consentiti,
  • q. b. di senape o maionese,
  • q. b. di ketchup.

Preparazione:

Per la preparazione dell’hot dog per il Giorno del Ringraziamento partite dai wurstel. Adagiateli su una griglia, o in padella, e fateli cuocere per circa dieci minuti a fiamma alta, girandoli almeno un paio di volte. Solo in questo modo, infatti, si cuoceranno perfettamente. Sulla piastra posizionate poi i panini hot dog e lasciateli per il tempo necessario affinché si riscaldino per bene. Quando i panini sono caldi, toglieteli dalla piastra e tagliateli in due. Tuttavia, non tagliateli a fondo, bensì solo da un lato, in modo che le due parti rimangano comunque attaccate.

Ora spalmate sui panini la senape o la maionese e aggiungete i wurstel appena cotti, concludete mettendo altre salse sopra di essi. In questa fase potete agire a discrezione, ossia potete aggiungere la senape, il ketchup e la maionese, o solo una di queste salse. Dopodiché chiudete i panini ed esercitate una leggera pressione. Avvolgete i panini in un tovagliolo, lasciandone fuori metà. Adesso impiattate, ponete i due panini su ciascun piatto e decorate con un contorno di insalata o di patatine fritte (vanno bene anche al forno). Servite i panini quando sono ancora caldi e buon appetito!

5/5 (333 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...

Quesadillas con pico de gallo

Quesadillas con pico de gallo, un delizioso street...

Quesadillas con pico de gallo, uno spuntino proteico e gustoso Le quesadillas con pico de gallo sono un tipo di tortilla che rispetta fedelmente la cultura gastronomica messicana, una cultura che...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti