Hot dog vegetariano, ben più di un surrogato

Hot dog vegetariano
Commenti: 0 - Stampa

La scelta degli ingredienti per il nostro hot dog vegetariano

Il concetto stesso di hot dog vegetariano potrebbe suonare strano. Nell’immaginario collettivo, infatti, hot dog è sinonimo di “pane e wurstel”. Eppure è possibile pensare a delle varianti che possano essere consumate anche dai vegetariani, e dunque privi sostanzialmente di carne. La variante che vi presento oggi ha essenzialmente questo scopo: sostituire il celeberrimo wurstel con alimenti di origine vegetale. Il risultato, a mio dire, è ottimo. Lo è sotto tutti i punti di vista: estetico, come potete vedere nell’immagine, e gustativo, in quanto la lista degli ingredienti è stata pensata con cura.

Anche perché, a differenza di quanto accade quando si adatta una pietanza per “onnivori”, la carne non è sostituita da un solo ingrediente, ma da almeno tre, e tutti in grado di valorizzarsi l’un l’altro: radicchio rosso, crauti e zucchine. Ma non vi preoccupate, questo hot dog vegetariano, nonostante l’assenza del wurstel, incarna comunque lo spirito americano. In un certo senso rispetta la tradizione culinaria a stelle e strisce. Ne è testimone la presenza del cheddar, un formaggio sottovalutato a cui dedicherò un paragrafo intero, e del ketchup. Ovviamente, questo hot dog vegetariano è in grado di soddisfare anche chi è abituato alla variante classica, anche perché è molto semplicemente e gustoso.

I tanti perché del formaggio cheddar

Il cheddar, utilizzato nel nostro hot dog vegetariano, è nell’immaginario collettivo degli italiani un formaggio di scarsa qualità. In realtà si tratta di una percezione sbagliata derivante da una dinamica di origine industriale. Il cheddar che in genere si trova nei supermercati italiani, infatti, è una variante poco pregiata. Il vero cheddar, gustato nei paesi anglosassoni e reperibile anche in Italia, è un formaggio di tutto rispetto, che presenta tutte le caratteristiche per essere definito “DOP”.

hot dog vegetarianoL’aspetto di un vero cheddar dovrebbe caratterizzarsi per il colore arancione brillante, anche se ciò dipende dal grado di stagionatura (che va dai 3 mesi ai 2 anni). La consistenza, inoltre, dovrebbe essere sia burrosa che friabile, sebbene anche questa caratteristica dipenda dal tempo di stagionatura. Il sapore dovrebbe essere leggermente piccante, ma anche lievemente dolce, caratteristica dovuta alla presenza dei semi di annatto, una sostanza benefica impiegata per conferire al formaggio il colore arancione.

Sfatiamo un altro falso mito sul cheddar

Un altro falso mito sul cheddar riguarda la provenienza. E’ infatti associato agli Stati Uniti, sicché sono in molti a pensare che sia un formaggio di origine americana. E’ vero, è assai diffuso negli States, dove è considerato un po’ il formaggio nazionale. Tuttavia, va specificato che il cheddar è britannico, e per giunta vanta una storia lunghissima: si pensa, infatti, che sia stato prodotto per la prima volta proprio nel Regno Unito nel XII secolo. Quindi non è esattamente un alimento industriale, come il senso comune potrebbe suggerire!

Tra l’altro il cheddar, a meno che non sia di scarsa qualità, è in grado veramente di insaporire e valorizzare alcune pietanze da street food. Anche perché, praticamente da solo, riesce a offrire sentori agrodolci, senza produrre però i contrasti forzati ed esagerati tipici della cucina orientale. Di certo il cheddar trova posto nei sandwich, nei panini e negli hamburger di origine anglosassone, a prescindere dalla quantità di salse con cui possono essere conditi.

Le peculiarità del radicchio rosso

Nella ricetta dell’hot dog vegetariano il wurstel è sostituito da ben tre ortaggi o verdure: i crauti, le zucchine e il radicchio rosso. Proprio quest’ultimo merita, a mio parere, un po’ di spazio in più. Anche perché conferisce alla pietanza un tocco italiano, che non fa mai male, anche se si sta parlando di una ricetta che, per quanto riadattata, rimane pur sempre americana. E poi il radicchio rosso si caratterizza per molti elementi positivi, che riguardano sia il gusto sia i benefici per l’organismo.

In primis, è essenzialmente privo di grassi, e infatti ha un apporto calorico infimo (23 kcal per 100 grammi). Gli unici grassi, anzi, sono i benefici omega tre e omega sei. Il radicchio rosso è anche ricco di vitamina A e calcio, che aiuta a combattere l’osteoporosi e fa bene alle ossa. Questo prezioso alimento è famoso anche per le sue proprietà depurative, determinate soprattutto dal contenuto di acqua, che è rilevantissimo. L’elevata concentrazione di fibre, poi, determina una permanenza degli zuccheri nel sangue, il ché a sua volta allevia gli effetti del diabete di tipo 2.

Ecco la ricetta dell’hot dog vegetariano

Ingredienti:

  • 1 pane per hot dog Nutrifree,
  • 3 fette di formaggio cheddar Bayerland,
  • 3 fette di zucchine grigliate,
  • 10 gr. di radicchio rosso,
  • ½ pomodoro,
  • 20 gr. di crauti,
  • q. b. di salsa ketchup.

Preparazione:

La preparazione dell’ hot dog vegetariano è davvero molto semplice, iniziate tagliando per lungo il pane. Poi lavate con estrema attenzione le verdure ed affettate in maniera molto fine i crauti. Poi riducete il pomodoro a rondelle e tagliate a piacimento il radicchio. Farcite il panino aggiungendo in questa sequenza le fette di cheddar, il pomodoro, i crauti, la zucchina, il radicchio e il ketchup. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti