logo_print

Insalata di faraona con cavolo rosso e melagrana

Insalata di faraona con cavolo rosso
Stampa

Un’insalata di faraona davvero nutriente e completa.

L’insalata di faraona con cavolo rosso e melagrana è uno dei più singolari contorni che possiate mai consumare. Lo si intuisce dal nome, che fa esplicito riferimento agli ingredienti. Questi procedono dalla volontà di garantire sapori diversi da quelli proposti dalla classica insalata. D’altronde, questa ricetta viene realizzata con la carne di faraona, che non è propriamente il primo ingrediente che salta in mente quando si parla di insalata (anche se le carni bianche sono utilizzate spesso). Stesso discorso per la melagrana, che è un frutto consumato in altri ambiti. Per quanto riguarda il cavolo rosso, la sua presenza è giustificata dal gusto particolare, che si sposa bene con gli altri ingredienti e dalle proprietà nutritive importanti.

La carne di faraona può rappresentare un valore aggiunto per un’insalata? A rigor di logica sì, dal momento che è affine alla carne di pollo. Inoltre, la carne di faraona presenta alcune caratteristiche nutritive che ne nobilitano il consumo. Per esempio, presenta un apporto calorico non certo alto, pari a 133 kcal per 100 grammi. Inoltre, si caratterizza per un apporto proteico straordinario (24%), che supera persino quello delle carni rosse; inoltre, al pari del pollo, è una carne davvero digeribile. In merito all’insalata di faraona che vi propongo, avete due alternative: o cucinare la faraona per l’occasione o utilizzare gli avanzi di un precedente arrosto o preparazione al forno. Dunque, questa ricetta si configura anche come una pietanza di “recupero”.

Le particolarità nutrizionali del cavolo rosso

Il cavolo rosso rappresenta uno degli ingredienti principali di questa ricetta. Si caratterizza per il gusto, dal momento che quello del cavolo rosso è davvero delizioso, per le proprietà nutritive, che abbondano e per l’impatto visivo che arricchisce la pietanza con un bella tonalità violacea. Il cavolo rosso è tale in quanto contiene molte antocianine, un po’ come le melanzane del resto. Queste sostanze esercitano una funzione di prevenzione rispetto al cancro, ma allo stesso tempo contrastano l’invecchiamento e riducono gli effetti dei radicali liberi.

Insalata di faraona con cavolo rosso

I suoi pregi non finiscono qui, infatti si caratterizza anche per un apporto vitaminico eccezionale. Contiene, in grandi quantità, le vitamine A, C, E, K e quelle del gruppo B. In quanto a sali minerali si segnala la presenza (abbondante) di potassio, sodio e fosforo. Tra le sue tante proprietà spicca il sostegno al sistema immunitario, la funzione depurativa e disintossicante. ll cavolo rosso ha un sapore simile al cavolo cappuccio, dal quale si distingue quasi solo per il colore (e quindi per la presenza delle antocianine).

Le meraviglie del miele di acacia e le sue proprietà terapeutiche

Il miele di acacia è uno degli ingredienti più importanti della ricetta dell’insalata di faraona con cavolo rossa e melagrana. Esercita, infatti, una duplice funzione: come liquido di marinatura per il cavolo rosso (insieme all’olio e all’aceto di mele) e come condimento finale, dopo aver già impattato. Il miele di acacia è un alimento davvero prezioso, propone un sapore più delicato del millefiori, ma comunque dotato di maggiore personalità. In virtù di questa caratteristica è ottimo per i trattamenti ad alte temperatura o per formare salse, come in questo caso essendo funzionale alla marinatura.

Per il resto, il miele di acacia presenta le medesime caratteristiche delle altre tipologie di miele, soprattutto dal punto di vista nutrizionale e “quasi terapeutico”. Certo, è parecchio zuccherino e si caratterizza per un apporto calorico non indifferente, ma si fa apprezzare per le sue proprietà antisettiche, antibatteriche e antinfiammatorie, le quali non sono compromesse dal processo di marinatura necessario per questa ricetta.

Ecco la ricetta dell’insalata di faraona con cavolo rosso e melagrana:

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 petti di faraona,
  • 400 gr. di cavolo rosso,
  • 2 cucchiai di aceto di mele,
  • 1 cucchiaio miele di acacia,
  • 40 gr. di burro chiarificato,
  • 60 gr. di di gherigli di noci,
  • 1 cespo di insalata trevigiana,
  • 50 gr. di chicchi di melagrana,
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata di faraona con cavolo rosso e melagrana iniziate lavando, sbucciando e riducendo a listarelle il cavolo, poi fate lo stesso anche con l’insalata trevigiana. In una padella scaldate 4 cucchiaio di olio extravergine d’oliva, il miele e l’aceto di mele, poi mescolate accuratamente e infine salate e pepate. Fate intiepidire e versate sul cavolo, poi lasciate marinare per circa un’ora.

Nel frattempo occupatevi della faraona. Rimuovete la pelle, aggiustate di sale e di pepe, poi rosolate con un po’ di burro chiarificato; sono sufficienti pochi minuti per ciascun lato. Chiudete il coperchio e conservate la faraona calda, poi affettatela. In seguito, scolate il cavolo senza buttare il liquido della marinatura. Disponete l’insalata sui piatti, adagiate su ciascuno prima la faraona, che avete tagliato a pezzi e poi il cavolo marinato. Coprite con il liquido di marinatura e distribuite anche le noci e qualche chicco di melagrana. Servite il piatto tiepido e buon appetito.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


22-11-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti