logo_print

Pollo con curcuma e uvetta, un secondo esotico

Pollo con curcuma e uvetta
Stampa

Le principali peculiarità del pollo con curcuma

Il pollo con curcuma, uvetta e anacardi, come tra l’altro suggerisce il nome, non è un secondo come gli altri. È frutto, infatti, di una scelta di ingredienti pensata per stupire e per proporre un equilibrio di sapori molto ardito, in grado di stupire anche il palato più scettico. Di base, si tratta di un secondo agrodolce, per quanto la pietanza tenda a sfuggire anche a questa classificazione. La delicatezza e la sapidità del pollo si sposano alla perfezione con i sentori aciduli dell’uvetta e con quelli molto più corposi degli anacardi. Il risultato è un caleidoscopio di sapori, molto diversi tra di loro, ma comunque ben amalgamati.

La protagonista rimane comunque la carne di pollo, che viene tagliata in bocconcini di un paio di centimetri per lato. Questi, nello specifico, vanno infarinati e dorati su un fondo di cipolla e aglio imbionditi. Nel frattempo,  l’uvetta va messa a mollo, mentre gli anacardi vanno tostati. L’ultima fase, molto semplice a dire il vero, consiste nell’impiattamento, in occasione del quale vengono uniti tutti e tre gli ingredienti principali. A insaporire il tutto interviene la curcuma, che è la spezia per eccellenza, soprattutto quando si tratta di insaporire le carni.

I pregi nutrizionali della curcuma

La curcuma gioca un ruolo fondamentale in quanto offre maggiore corpo al pollo con uvetta e anacardi, e gli conferisce un sentore tipicamente orientale. Per quanto la curcuma non sia un’esclusiva delle cucine asiatiche, è particolarmente diffusa da quelle parti, soprattutto quando c’è da condire le carni bianche. In questo caso la curcuma va mescolata con l’acqua calda, che viene integrata nelle primissime fasi di cottura del pollo. La curcuma ha un sapore inconfondibile e un gradevole colore aranciato che incidente sotto il profilo visivo. E’ soprattutto una spezia preziosa dal punto di vista nutrizionale.

Pollo con curcuma e uvetta

In primo luogo è davvero ricca di antiossidanti, sostanze che supportano i meccanismi di riproduzione cellulare, contrastano gli effetti dei radicali liberi e contribuiscono alla prevenzione dei tumori. Tale azione protettiva coinvolge organi quali la prostata, la pelle, i reni e il seno. Ma la curcuma ha tante altre proprietà terapeutiche e pseudo-terapeutiche. E’ persino considerata un cicatrizzante naturale, in grado di facilitare l’intervento delle piastrine, soprattutto in caso di scottature, punture di insetto, ferite da taglio lievi e dermatiti. Infine, sono note le proprietà digestive della curcuma, come anche quelle immunostimolanti, a tal punto che la spezia viene considerata una sorta di antibiotico naturale.

Gli anacardi, una frutta secca dal sapore speciale

Il vero tocco di classe di questo pollo con curcuma, uvetta e anacardi è dato proprio dagli anacardi. Molto probabilmente, se non siete appassionati di cucina esotica, non avete mai assaggiato gli anacardi. Si tratta, infatti, di una specie di frutta secca coltivata soprattutto nelle zone tropicali del Sud America. Come tutta la frutta secca è piuttosto grassa, ma i grassi che contiene sono “buoni”. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che giovano particolarmente alla salute dell’apparato cardiovascolare e del sistema nervoso centrale. Allo stesso modo gli anacardi sono un’incredibile fonte di sali minerali, infatti contengono alte dosi di fosforo e magnesio.

Rispetto alla frutta secca nostrana, gli anacardi presentano alcuni elementi differenti. Su tutti, l’azione protettiva nei confronti degli occhi, che risulterebbe decisiva in caso di degenerazioni maculari nell’età avanzata. Gli anacardi, inoltre, sono ricchissimi di acido oleico, una sostanza che è considerata un po’ un toccasana per i vasi sanguigni e in generale per l’apparato vascolare. Per quanto concerne l’apporto calorico, è abbastanza sostenuto, ma non superiore a quello della frutta secca nostrana. Stiamo parlando, infatti, di 590 kcal per 100 grammi.

Ecco la ricetta del pollo con curcuma, uvetta e anacardi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 650 gr. di petto di pollo,
  • 30 gr. di zenzero fresco a fettine sottili,
  • 70 gr. di anacardi,
  • 1 cipolla,
  • 2 cucchiai di uvetta sultanina,
  • 1 cucchiaio di curcuma,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • q. b. di farina di riso,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del pollo con curcuma, uvetta e anacardi iniziate ammollando l’uvetta nell’acqua tiepida per circa 15 minuti, poi scolatela e lavatela. Ora sbucciate e fate a fette sottili la cipolla. Infine, tagliate a pezzi (di circa 2 centimetri) il petto di pollo. Posizionate un colino sopra una ciotola, mettete i pezzi di pollo e infarinateli per bene. Terminata l’operazione, scuotete il colino in modo da eliminare la farina in eccesso.

Ora imbiondite leggermente la cipolla e l’aglio (tritati finemente) mettendoli in una padella con dell’olio caldo, poi versate i bocconcini di pollo infarinati e fateli dorare aggiungendo un po’ di zenzero grattugiato. Quando noterete una sottile crosta sui bocconcini, versate 20 grammi di acqua calda, un po’ di sale e un cucchiaio di curcuma. Completate la cottura per circa 10 minuti. Nel frattempo tostate gli anacardi per circa 3 minuti infornandoli a 180 gradi (il forno deve essere preriscaldato). Nella padella dove state cucinando il pollo inserite l’uvetta, poi mescolate, spegnete il fuoco e impiattate guarnendo con un po’ di anacardi.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


13-11-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti