logo_print

Crema di datteri e anacardi, dessert esotico

Crema di datteri e anacardi
Stampa

Crema di datteri e anacardi, una scelta di ingredienti per un dessert speciale

La crema di datteri e anacardi è un dessert speciale, frutto di un procedimento che raramente si riscontra nei dessert di stampo italiano. Le sue peculiarità, da questo punto di vista, sono due. In primis è realizzato sia con frutta fresca che con frutta secca, laddove i dessert tradizionali prediligono o l’una o l’altra classe di ingredienti. Secondariamente è formato dall’unione di tre composizioni diverse: al frullato di anacardi tostati e datteri si unisce la coulis di lamponi, il tutto sormontato da un croccante di anacardi, nocciole e vaniglia. Il risultato è un dessert davvero saporito, sostanzioso, ma nemmeno troppo grasso.

La fase più singolare della ricetta è senz’altro la preparazione del coulis, una preparazione di origine francese che pochi di voi conosceranno; in Italia è infatti poco consumata. Si tratta di una crema a base di frutta, in genere frutti di bosco, in realtà molto semplice da preparare. Il grosso del procedimento consiste nella frullatura del frutto scelto (in questo caso il lampone) insieme al succo di limone, per poi passare all’integrazione di una quantità variabile di zucchero. Per la ricetta completa, vi rimando comunque a questo articolo di Nonnapaperina.it, dove vi spiego come fare la coulis con i frutti di bosco.

Gli insospettabili benefici nutrizionali degli anacardi

Gli anacardi figurano tra gli ingredienti principali della nostra crema di datteri. Intervengono in due fasi distinte: nella preparazione del frullato di anacardi e datteri, e nella preparazione del croccante. Sono considerati frutta secca, almeno in Italia, e in effetti condividono con questa categoria molte caratteristiche. Sono in realtà dei semi commestibili provenienti dal Brasile, nonostante alcune varietà non molto pregiate vengano coltivate anche nella fascia mediterranea.

Crema di datteri e anacardi

Gli anacardi sono grassi, infatti contengono quasi 600 kcal per 100 grammi. Tuttavia sono anche molto leggeri, nel senso che pesano poco, sicché è davvero difficile assumere quantità di anacardi in grado di compromettere la linea. In ogni caso contengono grassi buoni, che fanno bene alla salute. Contengono anche l’acido oleico, che impatta in modo positivo sull’apparato cardiocircolatorio. Sono inoltre ricchi di fibre, e di sali minerali quali il potassio, il fosforo e il magnesio.

Il valore nutrizionale del latte di cocco

Il latte di cocco, utilizzato nella nostra crema di datteri e anacardi, non va confuso con l’acqua di cocco. Quest’ultima è semplicemente il liquido di vegetazione del cocco, immediatamente disponibile non appena si apre la noce. Il latte di cocco è invece il succo che si ricava dalla polpa. Per questo motivo contiene tutte le caratteristiche del cocco stesso. Dunque è un alimento sì zuccherino, ma anche ricco di sali minerali, in primis di potassio e di vitamine, in particolare la C (che come tutti sanno contribuisce a rinforzare il sistema immunitario).

Nella ricetta della crema di datteri e anacardi, il latte di cocco interviene in una fase precoce del procedimento. E’ infatti necessario per preparare la base, ovvero la crema di anacardi tostati e datteri frullati. In questo caso, il latte di cocco contribuisce a rendere più equilibrato il sapore, a mediare tra l’estrema dolcezza dei datteri e i sentori forti dell’anacardo.

Ecco la ricetta della crema di datteri e anacardi:

Ingredienti:

  • 200 gr. di di anacardi;
  • 10 datteri Medjoul;
  • 4 dl. di latte di cocco;
  • 2 cucchiai di vaniglia in crema;
  • un pizzico di cannella in polvere;
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di lamponi;
  • Coulis di lamponi (vedi ricetta su Nonnapaperina.it).

Per il croccante agli anacardi e nocciole:

  • 100 gr. di anacardi tritati finemente;
  • 50 gr. di nocciole, tritate finemente;
  • 4 cucchiai di sciroppo d’acero;
  • 1 cucchiaino di crema di di vaniglia;
  • ¼ cucchiaino di cannella;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della crema di datteri e anacardi iniziate facendo tostare gli anacardi in forno per una decina di minuti a 160 gradi (controllate che siano dorati per toglierli dal forno). Poi toglieteli dal forno e fateli raffreddare. Ora togliete il nocciolo dai datteri. In una ciotola con dell’acqua fredda versate gli anacardi tostati e i datteri denocciolati, quindi fateli ammorbidire così per un’oretta. Poi scolateli e inseriteli nel mixer insieme alla vaniglia, 4 decilitri di latte di cocco, un po’ di sale e mezzo cucchiaino di cannella. Frullate tutto insieme per circa 7 minuti fino ad ottenere una crema priva di grumi. Per chi lo desidera, potete aggiungere anche lo sciroppo d’acero.

Fate riposare la crema in frigo per circa 1 ora. Nel frattempo preparate la coulis di lamponi secondo la ricetta di Nonnapaperina.it. Preparate anche il croccante. Mescolate gli anacardi, la vaniglia, le nocciole, un po’ di sale, la cannella e lo sciroppo d’acero. Cuocete al forno a 160 gradi per circa 20 minuti. Togliete dal forno e fate raffreddare. A questo punto potete servire. Mettete 2 cucchiai di coulis in 6 bicchieri di dessert, poi versateci sopra un po’ di crema di anacardi e datteri (date una mescolata prima). Su ciascun bicchiere sbriciolate un po’ di croccante, mettete 2 lamponi e servite.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


26-05-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti