Parmigiana di zucchine in vasocottura, un piatto inedito

Parmigiana di zucchine in vasocottura
Commenti: 0 - Stampa

La parmigiana bianca di zucchine in vasocottura, un’idea geniale.Oggi voglio segnalarvi una vera e propria chicca da realizzare per occasioni particolari, o semplicemente da condividere con i vostri commensali. Sto parlando della parmigiana di zucchine in vaso cottura, una ricetta presa dal libro il Cucchiaio d’Argento, una vera risorsa in cucina e una miniera di idee eleganti e sfiziose per rendere unica la vostra tavola

La parmigiana bianca di zucchine in vasocottura è una variante particolare della versione classica, e non solo perché è assente la salsa di pomodoro. L’idea si regge su un metodo di cottura certamente poco diffuso, ma che può regalare molte soddisfazione, sia per gli aromi che sprigiona, sia per il suo carattere salutista, che rende superfluo qualsiasi grasso aggiunto. Sto parlando della vasocottura, che consiste nella cottura al microonde degli ingredienti racchiusi in un vaso a chiusura ermetica. In questo modo, i sapori si conservano, e con essi tutte le loro proprietà nutrizionali. In questo caso specifico, vista la natura degli ingredienti, il metodo di cottura migliore è quello al microonde.

Molti di voi potrebbero storcere il naso, sentendo associare il termine “cottura” con il termine “microonde”. Di base, infatti, questo dispositivo, non cuoce. Fa eccezione, però, l’approccio in vasocottura, in cui le elevate temperatura che si formano nel vaso producono lo stesso effetto di una cottura a vapore. Ad ogni modo la parmigiana bianca di zucchine è davvero buona, genuina e salutare. E il merito è anche e soprattutto della vasocottura.

Tutti i pregi nutritivi delle zucchine

La ricetta della parmigiana in vasocottura ha come protagoniste le zucchine. Cosa si può dire delle proprietà delle zucchine? In primis, che sono ortaggi diffusi e molto sottovalutati. Vengono date un po’ troppo per scontate, tanto che non si esaltano i riconoscimenti che meritano. Il riferimento è in particolare alle proprietà nutrizionali. La verità è che le zucchine sono tra gli alimenti più salutari in assoluto, grazie ad un apporto calorico basso (pari al 11 kcal per 100 grammi), e ad una presenza di grassi vicina allo zero assoluto.

Parmigiana di zucchine in vasocottura

Le zucchine sono ricche di sali minerali, e in particolare di potassio, magnesio e zinco. Sono ricchissime di fibre, con tutto ciò che ne consegue per l’equilibrio della flora intestinale. Sono anche ricche di vitamine, e in particolare della vitamina C. Le zucchine contengono, inoltre, l’acido folico, che stimola svariati meccanismi biologici e agisce in funzione anticancro. Infine, spiccano per la loro digeribilità, non a caso sono indicate per lo svezzamento dei neonati. La zucchina è l’ortaggio perfetto, versatile e gustoso, adatto in particolar modo a chi sta sostenendo diete ipocaloriche.

La scamorza, un’ottima fonte di proteine

La scamorza offre il suo contributo in questa parmigiana di zucchine in vasocottura, conferendo sapore alla ricetta e compensando la naturale sapidità del parmigiano; inoltre offre un sentore certamente spiccato, ma allo stesso più morbido. Tra l’altro, dà il meglio di sé quando viene sciolta, proprio ciò che avviene alla fine della vasocottura. Dunque, possiamo affermare che rappresenti un po’ la “salsa” di questa parmigiana bianca. Attorno alla scamorza gravitano alcuni pregiudizi, come quelli secondo cui sarebbe troppo grassa, e dunque da evitare. Stiamo parlando pur sempre di un formaggio a bassa stagionatura, pertanto la sua percentuale di grassi non è affatto superiore ai latticini della medesima categoria.

L’apporto calorico, ad ogni modo, è pari a 335 kcal per 100 grammi (meno del Parmigiano Reggiano). La scamorza è altresì un’ottima fonte di proteine, che rappresentano il 25%. Allo stesso modo, contiene buone dosi di calcio e fosforo. La scamorza è un formaggio versatile, ottimo da mangiare da solo o in accompagnamento ai salumi. Tuttavia, vista la sua natura, è l’ideale per arricchire le ricette, soprattutto quelle che sfruttano la sua morbidezza. Insomma, la scamorza è una presenza preziosa, anche in una ricetta tendenzialmente salutare come la parmigiana bianca in vasocottura.

Ecco la ricetta della parmigiana bianca di zucchine in vasocottura:

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 gr. di zucchine sode,
  • 120 gr. di scamorza bianca Fattorie del Sole,
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano,
  • 10 foglie di basilico,
  • 40 gr. di pangrattato consentito,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Lavate le zucchine, spuntatele e tagliatele per lungo ricavando delle fette di circa 3 millimetri (per facilitarvi il compito, utilizzate una mandolina). Ora conditele con poco sale e fatele riposare per 10 minuti, poi date loro una sciacquata e asciugatele con carta da cucina. Intanto, rimuovete la buccia dallo spicchio d’aglio, poi imbionditelo in una padella piccola con quattro cucchiai di olio extravergine d’oliva. Togliete lo spicchio d’aglio, versate il pangrattato e fatelo tostare a fiamma bassa.

Ora tagliate la scamorza a fette sottili, grattugiate il Parmigiano Reggiano e sminuzzate leggermente il basilico (dopo averlo lavato e asciugato). Infine, componete 4 vasetti da 0,5 lt adagiando gli ingredienti in strati, mettete prima le zucchine, poi il pangrattato, la scamorza, il Parmigiano Reggiano e per concludere il basilico. Chiudete i vasetti e riponeteli nel microonde per 7 minuti a 750 W. Terminata la cottura, fate riposare i vasetti per circa 20 minuti e servite.

3.5/5 (2 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta concia

Polenta concia, una versione cremosa e nutriente

Polenta concia, la tradizione a portata di mano La polenta concia è un modo diverso di intendere la polenta, nonché un piatto facile da preparare. La ricetta fa comunque parte della tradizione...

Purple strudel

Purple strudel o strudel salato viola, merenda gustosa

Purple strudel, una merenda davvero speciale. Il purple strudel o strudel salato viola è una merenda salata che presenta alcuni elementi peculiari. Per esempio, il colore viola. Non che uno strudel...

Quiche lorraine

Quiche lorraine, la torta salata per eccellenza

Quiche lorraine, dalla Francia la torta salata per eccellenza Oggi vi presento la quiche lorraine, uno dei piatti unici francesi più amati in patria e all’estero. E’ una torta salata tipica...

Quiche con funghi chiodini

Quiche ai funghi chiodini, una torta leggera e...

Quiche ai funghi chiodini, uno splendido esempio di torta salata La quiche ai funghi chiodini è una torta salata tutto sommato tradizionale, ma che non manca di stupire per l’abbinamento di...

Torta con finocchio e cocco

Torta salata con finocchi e cocco, dolce e...

Torta salata con finocchi e cocco, una delicata combinazione La torta salata con finocchi e cocco è una torta salata molto particolare, anche perché contiene alcuni elementi dolci. E’ comunque...

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti