logo_print

Risotto di Halloween con salsiccia, un primo da paura

Risotto di Halloween con salsiccia
Stampa

Risotto di Halloween, un primo creativo

Il risotto di Halloween non è un risotto come tutti gli altri, d’altronde potete vederlo voi stessi, guardando semplicemente la foto. Ciò che colpisce di più è l’impiattamento. Il risotto, infatti, viene presentato direttamente dentro una zucca, opportunamente svuotata e privata della calotta, in modo da assumere la forma e la funzione di una pentola. Un modo, questo, per omaggiare Halloween, che annovera tra i suoi simboli proprio la zucca. A prescindere da questo espediente creativo, il risotto di Halloween è un buon risotto, valorizzato dalla presenza di ingredienti semplici ma gustosi, che ben si sposano l’uno con l’altro.

Dal punto di vista gastronomico è un risotto di zucca e salsiccia. La zucca ricopre un ruolo fondamentale anche per ciò che concerne il sapore e il valore nutrizionale. E’ un alimento tradizionale per eccellenza, che spicca per il contenuto apporto di calorie, per la quasi totale assenza di grassi e per l’abbondanza di vitamine e sali minerali. La zucca, infatti, contiene tanta vitamina C, calcio e fosforo. E’ ricca anche di carotenoidi, famosi precursori della vitamina A e in grado di esercitare una decisa funzione antiossidante. Della zucca si apprezzano anche le proprietà diuretiche e la capacità di regolare il colesterolo.

L’ingrediente segreto del risotto di Halloween

Questo risotto di Halloween ha un ingrediente “segreto”, o per meglio dire un ingrediente che raramente si trova nei risotti, ma che gli consente di compiere il salto di qualità: il formaggio cremoso senza lattosio di Exquisa. Si tratta di un prodotto di straordinaria qualità, che spicca per gusto, leggerezza e per la texture delicata. Come suggerisce il nome, è assolutamente privo di lattosio, sicché può essere consumato anche dagli intolleranti a questa sostanza. Tra l’altro, la rimozione del lattosio avviene secondo dinamiche naturali, che si ottengono mediante l’applicazione dell’enzima lattasi. Esso scinde il lattosio in glucosio e galattosio, due molecole digeribili da chiunque.

Risotto di Halloween con salsiccia

Va detto che tale processo non incide minimamente sul gusto, quindi il formaggio cremoso senza lattosio di Exquisa è buono esattamente come tutti gli altri, anzi di più! Che ruolo gioca questo formaggio nella ricetta del risotto di Halloween? Semplice, quello che gioca qualsiasi altro derivato del latte, quando si parla di risotti. Nello specifico, viene impiegato nella mantecatura. Il consiglio è quello di mantecare a fuoco spento senza accelerare i tempi.

Perché abbiamo utilizzato il riso Carnaroli?

Il riso Carnaroli è la qualità perfetta per il risotto di Halloween. A dire il vero, è indicato per qualsiasi tipo di risotto. Il motivo è semplice, è in grado di resistere ottimamente alle cotture prolungate, come in effetti è quella di questo risotto. Inoltre, è capace più di ogni altro di assorbire i sapori, proprio quello che ci vuole per una ricetta che, come condimento principale, presenta due alimenti molto corposi (la zucca e la salsiccia). Dunque, se il vostro scopo è godere di un risotto perfetto, optate sempre e comunque per il Carnaroli.

Va detto, però, che il Carnaroli non è una varietà di riso così antica. Anzi, la sua storia è abbastanza recente e non va oltre gli ottant’anni. E’ stato infatti “creato” intorno agli anni quaranta dal signor Carnaroli mescolando insieme due varietà distinte di riso: il Vialone Nero e il Lencino. Il Carnaroli ha comunque impiegato qualche decennio per farsi spazio, e, infatti, è stato registrato solo trent’anni dopo il suo esordio. Ad oggi, comunque, è riconosciuto come il “riso da risotto” per eccellenza, capace di regalare soddisfazioni a tutti gli amanti della buona cucina.

Ecco la ricetta del risotto di Halloween:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 zucca media,
  • 320 gr. di riso Carnaroli,
  • 1 scalogno,
  • 200 gr. di salsiccia,
  • 180 gr. di formaggio cremoso Senza Lattosio Exquisa,
  • 1 lt. e mezzo di brodo vegetale,
  • 50 gr. di Grana Padano,
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
  • una noce di burro,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del risotto di Halloween iniziate rimuovendo la calotta della zucca ed estraendo la polpa con uno scavino. Conservate la calotta, invece la polpa fatela a pezzettini. In una pentola rosolate leggermente lo scalogno nell’olio d’oliva a fiamma moderata, poi unite la polpa fatta a pezzi e cuocete per pochi minuti. Unite anche la salsiccia già spellata e sbriciolata, ed infine anche il riso. Tostate quest’ultimo fino a quando i chicchi non saranno diventati trasparenti.

A questo punto iniziate a versare il brodo vegetale un mestolo per volta, fino a quando il brodo si sarà assorbito del tutto e il riso sarà ormai cotto (in genere bastano 15 minuti). Poi spegnete il fuoco e inserite il formaggio cremoso e una noce i burro per mantecare. Fate riposare un po’ e, quando il formaggio si è completamente sciolto, date una spolverata di Grana Padano grattugiato. A questo punto “impiattate”. Le virgolette sono d’obbligo, dal momento che dovrete versare il risotto direttamente nella zucca, che in questo caso fungerà da pentola. Servite il piatto caldo e buon divertimento!

Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


29-10-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti