Tortino di patate e finferli in vasocottura, gustoso!

Tortino di patate e finferli
Commenti: 0 - Stampa

Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura

Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura non sta nella scelta degli ingredienti, che appare comunque molto azzeccata, ma piuttosto nel procedimento di cottura che si basa sull’impiego di vasi termoresistenti. Questo metodo consente di ridurre al minimo l’apporto dei grassi e quindi diminuire in maniera significativa l’apporto calorico. Inoltre il metodo della vasocottura permette una regolare trasmissione del calore, e dunque una maggiore omogeneità in termini di sapore e valore organolettico.

Questo tortino di patate e finferli è buonissimo! Gli ingredienti sono stati scelti con cura in modo che si valorizzino a vicenda, senza coprirsi. Eccellenti e completi sono i valori nutrizionali: per esempio le patate offrono i carboidrati, il parmigiano offre le proteine, i pomodorini gli antiossidanti etc.

I finferli, funghi preziosi e facilmente reperibili

I finferli, detti anche gallinacci, sono tra i funghi preferiti dagli italiani. In primo luogo, perché sono molto abbondanti e facilmente reperibili. Secondariamente perché vantano un sapore delizioso, piuttosto marcato e ricco di sentori aromatici. I finferli si caratterizzano anche per il colore, che va dal dorato al giallo tiepido. La carne è invece bianca, soda e tendente allo spugnoso.

Tortino di patate e finferli

I finferli impongono parecchia attenzione in fase di pulitura. Da questo punto di vista possono essere considerati dei funghi abbastanza insidiosi. Infatti si caratterizzano per la presenza di numerose e piccole lamelle, all’interno delle quali si nasconde spesso della terra. Il consiglio, dunque, è di trattare le singole lamelle con la punta di un coltello (dopo aver passato il fungo sotto un abbondante getto di acqua corrente).

Ci sono vari metodi per pulire i finferli, di seguito vi presento quelli suggeriti dal sito Finferli.it. Il primo metodo, che è quello più tradizionale, consiste nel tagliare l’ultima parte del gambo ed immergere i funghi nell’acqua fredda prima di rimuovere i residui di terra con un coltellino (avendo cura di passarlo su tutte le pieghe del cappuccio). In alternativa, anziché immergere i finferli nell’acqua fredda, potete semplicemente passarli sotto un getto di acqua corrente.

Un metodo più elaborato, ma forse addirittura più efficace, consiste nell’immergere i finferli in una soluzione di acqua e farina (ne basta un pugno). Trascorso qualche minuto, basterà prelevare i funghi con un mestolo forato per ritrovarseli magicamente puliti. Se notate dei residui di farina tra le pieghe del cappuccio dei finferli, non preoccupatevi, si tratta di un gradevole effetto collaterale, che non mancherà di insaporire i funghi a prescindere dal  procedimento cui verranno sottoposti. Un altro metodo consiste nel riscaldare finferli in acqua all’interno di una padella con i bordi alti. Al primo bollore, noterete che la terra è rimasta sul fondo e che i finferli appariranno pulitissimi.

La differenza tra burro chiarificato e burro normale

Tra gli ingredienti di questo tortino di patate e finferli spicca il burro chiarificato. A molti l’aggettivo chiarificato potrebbe non dire nulla, e in effetti in Italia non è molto diffuso. Si tratta di un burro formato quasi esclusivamente da grassi, privato della caseina e da altre sostanze. Particolarità, questa, che lo distingue dal burro normale, ossia quello tradizionalmente venduto nei supermercati.

La nostra scelta è ricaduta sul burro chiarificato per motivi piuttosto concreti, su tutti una più elevata resistenza al calore. Inoltre, nel burro normale, le caseine bruciano velocemente, da qui il rischio che si verifichino odore e sapore di bruciato. Il burro chiarificato, invece, performa quasi come l’olio e non compromette il sapore degli altri ingredienti. Inoltre, essendo privo di lattosio può essere consumato anche da chi manifesta intolleranze a questa sostanza.

Cuocere in vasocottura pietanze di ogni genere che spaziano dal primo al dolce sta diventando una vera e propria moda. Imparare questa tecnica significa apprendere l’abc del linguaggio di una cucina sana, leggera, che mantiene le proprietà nutrizionali degli alimenti garantendo risultati sorprendenti anche a livello di presentazione.

Questa tecnica permette di godere di diversi vantaggi, sia dal punto di vista pratico che da quello della salute a tavola. Tuttavia, tra gli aspetti decisamente più entusiasmanti che giustificano il sempre più alto interesse per questa tecnica, è da menzionare anche la possibilità di portare a tavola qualcosa di realmente originale, che può essere realizzato qualche giorno prima, conservato in frigo per molti giorni grazie all’effetto sottovuoto e riscaldato successivamente all’occorrenza. Una praticità senza pari. Potevo non adeguarmi? Devo dire che mi sta dando molte soddisfazioni e i sapori si rafforzano.

Ecco la ricetta del tortino di patate e finferli in vasocottura

Ingredienti per 6 persone:

  • 400 gr. di patate
  • 200 gr. di finferli
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 1 dl di latte delattosato
  • 40 gr. di parmigiano reggiano
  • un pizzico di noce moscata
  • 200 gr. di pomodori datterini
  • 1 mazzetto di timo
  • q. b. di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai di olio all’aglio
  • q. b. di sale e pepe

Preparazione:

Per preparare il tortino di patate e finferli iniziate infornando le patate per 40 minuti a 160 gradi, pelatele e schiacciatele formando una specie di purea. Condite poi la purea di patate con il burro, il latte caldo, il parmigiano, la noce moscata, il sale e il pepe. Ora passate ai finferli, dopo averli puliti tagliateli a spicchi e passateli per 2 minuti in una padella cosparsa di olio all’aglio, salando quanto basta.

Scolate i finferli fino all’ultima goccia. Tagliate poi a metà i pomodorini e date loro sapore con il timo tritato, il sale e il pepe. Inserite nei vasi da cottura la purea di patate e i pomodorini, infine riempiteli con i finferli. Sigillate i vasi e mettete il tutto nel forno a vapore per 15 minuti a 80 gradi.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Salsiccia e caponata

Salsiccia e caponata in vasocottura, poco calorico

Salsiccia e caponata in vasocottura: un piatto che non fa ingrassare Salsiccia e caponata: due termini che, accostati, fanno certamente pensare a un piatto molto grasso, dall’apporto calorico...

Crema alla rosa

Crema alla rosa in vasocottura con crumble al...

Un dessert al cucchiaio semplicemente sublime La crema cotta in vasocottura alla rosa con crumble al pistacchio è un dessert meravigliosamente aromatico ma delicato. Questa delizia chic è adatta...

Anatra in vasocottura con misticanza

Anatra in vasocottura con misticanza, alta cucina

Per una cena di alta classe ci vuole tempo Oggi non ci accontentiamo e per questa insalata di misticanza e agrumi con petto d’anatra in vasocottura desideriamo prenderci tutto il tempo necessario....

Pollo in olio cottura con cavolini

Pollo in oliocottura con cavolini, delicato

Il pollo in oliocottura, una modalità da riscoprire Per la ricetta del pollo in oliocottura con cavolini di Bruxelles e salsa di lamponi abbiamo rispolverato una tecnica di cottura antica. La...

Carciofi alla vaniglia in vasocottura

Carciofi alla vaniglia in vasocottura, una prelibatezza

Carciofi in vasocottura, una bontà senza tempo La preparazione dei carciofi alla vaniglia in vasocottura è molto più semplice di quanto si possa pensare. Questa tecnica di cottura dalle origini...

coda di rospo agli spinaci

Patate, cipolle in agrodolce e coda di rospo...

Cercate una ricetta facile e originale? Quella di oggi è di certo una ricetta che può tentare il vostro raffinato palato gourmet! La ghiottissima pietanza a base di patate, cipolle in agrodolce e...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti