Piatto unico di verdure e carne in vasocottura

piatto unico di verdure e carne
Commenti: 0 - Stampa

Piatto unico di verdure e carne: quando la vasocottura fa la differenza

Per la preparazione di un buon piatto unico di verdure e carne è bene considerare la vasocottura. Non molte persone conoscono la vasocottura e alcune la conoscono, ma non l’hanno mai considerata più di tanto. La verità è che abbiamo a che fare con una tecnica che ci permette di portare in tavola un goloso e sostanzioso piatto unico di verdure e carne, ma anche tante altre ricette, senza alterare troppo le qualità organolettiche e nutrizionali degli alimenti. Perciò, penso che sia arrivato il momento di dare qualche chances in più alla vaso-cottura e usarla più spesso in cucina… Non siete d’accordo?

Non è difficile metterla in atto e non serve essere degli chef per trasformarla in una sana abitudine casalinga: basta avere a disposizione un contenitore/barattolo di vetro adatto e passare alla cottura a bagnomaria o in forno a vapore. In questo modo, si potranno preparare tante ricette, come quella del piatto unico di verdure e carne, per poi gioire di sapori intensi e di una buona dose di sostanze nutritive!

I vantaggi della vasocottura: entriamo nel dettaglio

Come dicevo prima, questa modalità di cottura aiuta a conservare le proprietà organolettiche (compresi i profumi) e nutrizionali degli alimenti. Pertanto, si parla di vantaggi in termini di sapori, odori, colori e apporti di sostanze nutritive. Come potrete rendervi conto dopo aver provato il piatto unico di verdure e carne, la vaso-cottura avviene con l’applicazione diretta del sottovuoto e permette inoltre di cucinare con pochi grassi e spesso in minor tempo.

Si tratta di una modalità di cottura interessante persino per quanto riguarda la conservabilità degli alimenti: ne allunga la durata e, quando la pietanza viene lasciata chiusa anche dopo la cottura, consente di mettere in dispensa dei pasti pronti e gustosi. Questo vuol dire che potrete consumare il vostro piatto unico di verdure e carne in un secondo momento (ma non dopo troppo tempo!), contando su un sapore impeccabile e sull’esperienza culinaria offerta dai numerosi aromi “trattenuti” nel barattolo. (In base agli alimenti, la conservabilità può aumentare in modo più o meno notevole.)

Unico di verdure e carne moderne Vaso Cottura

Un altro po’ di teoria… le proprietà di un buon piatto unico di verdure e carne

Dopo aver parlato della “cottura in barattolo”, è utile focalizzarci un attimo sugli ingredienti del piatto unico di verdure e carne, passando poi alle modalità di preparazione. A questo proposito, dovreste ricordare che con questa pietanza porterete in tavola tutto ciò di cui il vostro organismo ha bisogno… non a caso si tratta di un piatto unico! Avrete a disposizione un elevato quantitativo di vitamine (in particolare A e C), minerali (come ferro e potassio) e antiossidanti, grazie alla carota, alla zucchina, al sedano e ai fagiolini.

Chiaramente, non potranno mancare le proteine, i lipidi e i notevoli livelli di vitamine del gruppo B, proposti dalla carne di vitello e pollo. Infine, il vostro palato avrà la possibilità di incontrare quello speciale tocco di gusto e profumo… che solo l’alloro e il pepe nero possono regalare ai nostri pasti, soprattutto quando vengono combinati tra loro in un piatto unico di verdure e carne in vaso-cottura! Niente lattosio e niente glutine per una pietanza speciale… che andiamo subito a preparare!

Questa è una ricetta di Danilo Angè. Mi sta insegnando una moltitudine di cose e lo ringrazio.

Ingredienti per 4 persone

  • una carota media
  • una zucchina media
  • un gambo di sedano
  • 60 gr. di vitello scamone
  • 80 gr di fagiolini
  • 60 gr. di bacon
  • 60 gr. di filetto di pollo
  • 6 foglie di alloro
  • 8 grani di pepe nero
  • q.b. brodo vegetale

Preparazione

Lavate le verdure sotto abbondante acqua fresca quindi, dopo averle mondate, sbianchitele in abbondante acqua salata, conservando i brodo ricavato.

Disponete in quattro vasi le verdure e la carne cruda, poneteci parte del brodo, sale, aromi e olio a vostro piacere e quindi sigillate i vasi.

Cuocete quindi in forno a vapore a 80° oppure a bagnomaria per circa un’ora quindi una volta cotte aprite i vasi e serviteli in tavola senza ulteriori impiattamenti.

4.5/5 (2 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Salsiccia e caponata

Salsiccia e caponata in vasocottura, poco calorico

Salsiccia e caponata in vasocottura: un piatto che non fa ingrassare Salsiccia e caponata: due termini che, accostati, fanno certamente pensare a un piatto molto grasso, dall’apporto calorico...

Tortino di patate e finferli

Tortino di patate e finferli in vasocottura, gustoso!

Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura Il segreto del tortino di patate e finferli in vasocottura non sta nella scelta degli ingredienti, che appare comunque molto azzeccata, ma...

Crema alla rosa

Crema alla rosa in vasocottura con crumble al...

Un dessert al cucchiaio semplicemente sublime La crema cotta in vasocottura alla rosa con crumble al pistacchio è un dessert meravigliosamente aromatico ma delicato. Questa delizia chic è adatta...

Anatra in vasocottura con misticanza

Anatra in vasocottura con misticanza, alta cucina

Per una cena di alta classe ci vuole tempo Oggi non ci accontentiamo e per questa insalata di misticanza e agrumi con petto d’anatra in vasocottura desideriamo prenderci tutto il tempo necessario....

Pollo in olio cottura con cavolini

Pollo in oliocottura con cavolini, delicato

Il pollo in oliocottura, una modalità da riscoprire Per la ricetta del pollo in oliocottura con cavolini di Bruxelles e salsa di lamponi abbiamo rispolverato una tecnica di cottura antica. La...

Carciofi alla vaniglia in vasocottura

Carciofi alla vaniglia in vasocottura, una prelibatezza

Carciofi in vasocottura, una bontà senza tempo La preparazione dei carciofi alla vaniglia in vasocottura è molto più semplice di quanto si possa pensare. Questa tecnica di cottura dalle origini...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti