Frittata ai funghi e parmigiano: Oggi una ricetta veloce

Frittata ai funghi e parmigiano
Commenti: 0 - Stampa

Frittata ai funghi e parmigiano: Oggi una ricetta veloce

Portare in tavola una bella frittata non è solo un modo per accontentare anche i palati più esigenti, ma anche un’ottima soluzione per usare alimenti che stanno per scadere – sprechiamo davvero troppo cibo e spesso non ce ne rendiamo neanche conto – o che non si sa in quali modi utilizzare.

La frittata è sinonimo di gusto e creatività in cucina e oggi vi propongo la ricetta di quella a base di funghi e parmigiano.

Frittata ai funghi: un secondo perfetto per i vegetariani

Avete a cena qualcuno che ha appena iniziato ad abbracciare la dieta vegetariana? Questo secondo è l’ideale! Per quale motivo? Prima di tutto perché la ricetta non contiene ingredienti a base di proteine animali, poi perché i funghi sono un alimento dalle numerose proprietà nutritive.

Ne conoscete qualcuna? Inizio con il ricordarvi che gli champignon non solo sono ricchi di proteine ma, secondo diversi studi, rappresentano un’ottima alternativa per perdere peso.

I funghi sono importantissimi sia per questo motivo, sia perché contengono una percentuale molto alta di vitamina D, quasi a livello di molti integratori. Cosa significa assumere vitamina D in maniera costante? Contribuire alla prevenzione di patologie come il diabete di tipo 2 e l’ictus.

Frittata ai funghi e parmigiano

Frittata: l’ideale per i bambini in cucina

Sono tantissime le persone che, sia sul blog sia su Facebook, mi chiedono consigli su come avviare i bambini all’amore per la cucina. In questi casi tendo a suggerire di fare le cose gradualmente e di puntare sul divertimento. La preparazione della frittata è un’ottima alternativa al proposito, in quanto consente ai più piccoli di fare esperienza diretta con la materia, cosa essenziale in cucina e d’iniziare a comprendere l’importanza i mixare diversi sapori.

La frittata di funghi e parmigiano è quindi una soluzione perfetta anche per chi vuole cucinare assieme ai propri figli o nipoti, ricordando che, proprio per la presenza dei funghi, rappresenta un secondo che può essere proposto a chi soffre di celiachia.

Adesso non resta che cimentarsi con la ricetta, non trovate? Tranquilli che è davvero facile ed è congeniale in casi in cui si ha poco tempo per cucinare, ma si vuole comunque portare in tavola qualcosa di gustoso, per coccolare le persone che più si amano e per farle sentire speciali.

Perché la cucina è questo prima di tutto: un atto d’amore per la propria salute e per le persone più care!

Ingredienti per 6 persone

  • 6 uova,
  • 80 gr. parmigiano reggiano stagionato 48 mesi,
  • 4 cucchiai panna consentita,
  • 400 gr. champignons,
  • 1 scalogno,
  • 2 cucchiai olio extravergine di oliva,
  • 1 noce di burro chiarificato,
  • q.b. timo tritato,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Lavate accuratamente i funghi rimuovendo ogni traccia di terra e pelandoli delicatamente con un coltellino, successivamente tagliateli a fettine spesse qualche millimetro. Sbucciate lo scalogno e affettatelo sottilmente.

Rompete le uova in una terrina, quindi sbattetele con la frusta e successivamente aggiungetevi due cucchiai di parmigiano, il sale, timo e la panna, infine amalgamate nuovamente il tutto.

Soffriggete con l’aiuto di un filo d’olio lo scalogno affettato in precedenza fino a che non saranno appassite, dopodichè aggiungete i funghi e fateli rosolare per circa cinque minuti. Una volta cotti fateli raffreddare

Mescolate quindi gli ingredienti appena preparati con le uova e quindi versate il composto così ottenuto in una teglia antiaderente, livellate bene e infine cuocete in forno ventilato a 200° per circa 30 minuti o fino a quando la superficie sarà dorata. Ottima sia calda che fredda.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova a colazione

Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

Perché le uova a colazione? Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella...

Frittata di cicoria selvatica

Frittata di cicoria selvatica, una piatto semplice

Frittata di cicoria selvatica, una variante fuori dal comune La frittata di cicoria selvatica è una frittata diversa dalle altre e di facile preparazione. E’ semplice perché il procedimento è...

Millefoglie di frittata con formaggio di capra

Millefoglie di frittata con formaggio di capra per...

Millefoglie di frittata con formaggio di capra, una ricetta con un ingrediente speciale La Millefoglie di frittata con formaggio di capra è una ricetta molto corposa, colorata e gustosa. E’ anche...

Frittata con peperoni e carote

Frittata con peperoni e carote, un contorno gustoso

Frittata con peperoni e carote, una scelta azzeccata di ingredienti La frittata con peperoni e carote è solo all’apparenza una frittata come le altre. Certo, potrebbe darvi l’impressione di una...

Omelette con borragine

Omelette con borragine, una piacevole alternativa

Le peculiarità delle omelette con borragine Le omelette con borragine rappresentano una gradevole alternativa alle classiche frittate. Allo stesso tempo si differenziano da queste ultime per la...

Frittata di bruscandoli

Frittata di bruscandoli, un piatto davvero speciale

Le peculiarità della frittata di bruscandoli Oggi vi presento una ricetta molto particolare: la frittata di bruscandoli. Molti di voi non conoscono i bruscandoli, d’altronde non sono ingredienti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-02-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti