bg header
logo_print

Brigadeiro de leite no copinho, dessert brasiliano

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Brigadeiro de leite
Ricette per intolleranti, Cucina Brasiliana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 02 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (5 Recensioni)

Brigadeiro de leite, un approccio diverso al dessert

Il brigadeiro de letie no copinho è un dessert della tradizione brasiliana. Da essa prende gran parte degli elementi che rendono realmente apprezzabili i dessert “carioca” (anche per i palati mediterranei). Il gusto di questo dolce è intenso e l’ingrediente principale è il latte. Questo prezioso ingrediente, tra l’altro, è presente in due varianti: condensato e dulce de leche. Quest’ultimo è un preparato molto famoso in America Latina e può essere consumato sia da solo, a mo’ di budino, che all’interno di dessert più complessi, come in questo caso.

Ricetta brigadeiro de leite no copinho

Preparazione brigadeiro de leite no copinho

Per la preparazione del brigadeiro de leite iniziate preparando la pacoca. Inserite nel robot da cucina le arachidi il sale e lo zucchero, poi frullate fino a quando le arachidi non avranno ceduto tutto il loro olio, contribuendo a formare un composto pastoso. Se questo composto vi sembra troppo “sbricioloso”, integrate con un po’ di burro morbido.

Adagiate l’impasto su una teglia rettangolare di piccole dimensioni. Livellato il tutto con un cucchiaio, poi ricavate dei quadratini. Infine, fate riposare la teglia in frigo per circa 2 ore. Ora prendete una padella e mettete il latte condensato, il burro e il dulce de leche, poi fate scaldare a fiamma bassa. Mentre il composto si scalda, mescolate in continuazione fino a quando tutto non si sarà ammorbidito. Versate questo composto nei bicchierini, posizionate su ciascuno dei quadratini di pacoca e servite.

Ingredienti brigadeiro de leite no copinho

Per la pacoca:

  • 250 gr. di arachidi salati,
  • 180 gr. di zucchero,
  • 1 pizzico di sale.

Del brigadeiro de leite parlerò in un altro paragrafo, in questo vorrei approfondire la ricetta e fare riferimento alle sensazioni che sprigiona. Sensazioni che gli europei, e chi è abituato alla pasticceria mediterranea, raramente prova quando assaggia un dessert. Per esempio vi è qui una commistione tra dolce e salato che rende il sapore ancora più intenso e stimola il palato. Inoltre, il brigadeiro si caratterizza per una pluralità di sentori rari per la pasticceria italiana, tra l’altro determinata da una quantità di ingredienti tutto sommato esigua. Ovviamente, ma lo avrete già capito, non stiamo parlando di un dessert tra i meno calorici.

Cos’è la pacoca e quali sono le sue proprietà

Tra i “responsabili” di questo caleidoscopio di sapori dati dal brigadeiro de leite, spicca senza dubbio il pacoca. Esso è sua volta un dessert, anzi più propriamente un dolce. Interviene a fine preparazione, quasi a mo’ di guarnizione, come capita per i biscotti sui nostri dessert. Tuttavia, per quanto possa risultare simile, il pacoca non è un biscotto. L’impasto, se così si può chiamare, è infatti realizzato con un frullato di arachidi, sale, zucchero e – occasionalmente – burro. Insomma, è un dolce nel dolce, inserito nella prospettiva di “massima intensità” che, come ho già accennato, rappresenta un po’ la caratteristica della pasticceria brasiliana.

Brigadeiro de leite

Non stiamo parlando, ovviamente, di un preparato dietetico, anche perché le arachidi sono molto grasse. La quantità di lipidi raggiunge proporzioni elevate, sebbene siano tutti (o quasi) benefici, e in grado addirittura di ridurre il colesterolo cattivo. Vale proprio la pena di preparare il pacoca, nella sua semplicità è un dolce buonissimo e anche versatile. D’altronde, funge da guarnizione e allo stesso tempo da ingrediente di rilievo per il brigadeiro de leite. Inoltre, è anche molto facile da realizzare, basta frullare gli ingredienti, stendere il composto, tagliarlo a quadratini e farlo riposare in frigorifero.

Dulce de leche, quando il latte si trasforma in dessert

Se non siete appassionati di cucina spagnola e sudamericana, probabilmente non avete mai assaggiato il dulce de leche, utilizzato nel nostro brigadeiro de leite. Il termine, ispanico, può essere tradotto con “dolce di latte”. In effetti, l’ingrediente principale è il latte e un po’ di zucchero. Nello specifico, il dulce de leche si prepara scaldando il latte e lo zucchero, in questo modo si instaura un processo di caramellizzazione che, a sua volta, produce una sorta di budino molto vellutato. Il sapore del dulce de leche ricorda quello delle caramelle Mou.

Il dulce de leche è molto consumato in tutta l’America Latina, benché la paternità della ricetta sia contesa dall’Argentina e dalla Spagna. E’ uno dei dessert più apprezzati anche in Brasile, dove è conosciuto come “doce de leite” (che è poi la traduzione letterale). Il dulce de leche può essere consumato da solo, come se fosse un budino, o spalmato sul pane tostato. Allo stesso modo, può essere utilizzato come ingrediente di dolci più complessi. Da questo punto di vista, il suo impiego ricorda quello della marmellata o della nutella. In questa ricetta, però, se ne fa un uso non proprio canonico, infatti va a formare la parte principale del dessert, insieme al latte e al burro. Per finire, si valorizza il tutto con i quadratini di pacoca.

Ricette brasiliane ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Brigadeiro de leite no copinho, dessert brasiliano

  • Gio 16 Mag 2024 | bianca ha detto:

    volevo sapere se ce per una porzione

    • Dom 19 Mag 2024 | Tiziana Colombo ha detto:

      Bianca puoi farne una, due, tre etc porzioni.Noi non vendiamo questi dolcetti

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...

Chutney di semi di melone

Chutney di semi di melone: una ricetta gustosa...

I semi di melone: una gradita sorpresa ricca di nutrienti I semi di melone sono i veri protagonisti di questa chutney, una salsa che prende ispirazione da uno dei più famosi piatti indiani per...

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...