Dulche de leche: un dessert per mille usi

Un’idea semplice e gustosa

Il dulche de leche è una specie di crema dessert dai tanti usi. Di origine sudamericana, ha conquistato negli ultimi decenni anche gli Stati Uniti e il Canada. Si è diffusa inoltre in Europa e in Italia, nonostante la somiglianza con la più famosa “salsa mou”.

La ricetta del dulce de leche è molto semplice da realizzare. Sono necessari a malapena quattro ingredienti e, a dire il vero, un po’ di pazienza. La preparazione infatti può durare anche più di un’ora e richiede una certa attenzione. Visivamente, il dulce de leche ricorda la cioccolata liquida. Le similitudini però si fermano all’aspetto: il dulche de leche, come suggerisce il nome, è una crema a base di latte, con l’aggiunta di zucchero, vaniglia e bicarbonato.

La leggenda dietro il dulce de leche

Come tutte le ricette semplici, anche quella del dulce de leche fa riferimento a una leggenda dal quale emerge la sua origine del tutto casuale. Secondo un aneddoto molto famoso nelle Americhe, circa duecento anni fa una cuoca argentina dimenticò del latte zuccherato sul fuoco. Il suo intento era semplicemente di scaldare il latte, ma dopo un’ora si ritrovò con un dessert dal colore marrone, dal gusto irresistibile.

“L’errore” piacque ai padroni di casa che non rimproverarono la cuoca ma anzi le chiesero di preparare altro “dolce al latte”. Da qui alla diffusione del dulce de leche il passo fu breve, se si considera che a inizio Novecento la ricetta era conosciuta in tutto il Sud America.

Dulce de leche v 819x1024 Dulche de leche: un dessert per mille usi

Cosa fare con il dulce de leche

Ovviamente, il dulce de leche può essere consumato anche da solo, a mo’ di dessert. Per alcuni, però, potrebbe avere un gusto troppo dolce. Per questo motivo, ma anche per una certa versatilità che lo contraddistingue, il dulce de leche viene utilizzato soprattutto come ingrediente per preparare altri dolci. Con questo dessert si possono farcire i biscotti, si possono creare rotoli di pasta biscotto, si possono guarnire torte etc.

Un consiglio circa la conservazione: una volta preparato, il dulce de leche va conservato in frigorifero e consumato entro tre giorni. Non temete se, tirato fuori dal frigo, la sua consistenza apparirà troppo dura. E’ normale, e in ogni caso è sufficiente riscaldarlo in un pentolino per conferirgli la morbidezza originaria.

Ecco la ricetta del dulce de leche

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 lt di latte intero
  • 250 gr. di zucchero
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 1 puntina di bicarbonato

Preparazione:

Mettete il latte in una grande pentola antiaderente e iniziate a scaldarlo. Una volta che il latte si sarà intiepidito, aggiungete lo zucchero e l’estratto di vaniglia. Mescolate per far sciogliere lo zucchero e solo allora aggiungete il bicarbonato. Non andate oltre il grammo, che corrisponde più o meno alla punta di un cucchiaino. Se aggiungete troppo bicarbonato il composto si gonfierà, il latte produrrà schiuma, sporcherete la cucina e oltre a pulire dovrete ricominciare la preparazione daccapo.

Una volta aggiunta la corretta quantità di bicarbonato abbassate il fuoco e fate bollire per un’ora circa. Noterete che il composto si farà via via più scuro: vuol dire che lo zucchero si sta trasformando in caramello, un segnale che la preparazione sta andando bene. Quando il composto ha assunto una colorazione marrone brillante e una densità simile a quella di un dessert, potete spegnere il fuoco: il vostro dulce de leche è pronto.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

printfriendly pdf button nobg md Dulche de leche: un dessert per mille usi

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *