bg header

Bobò de camarao, una crema dalla tradizione brasiliana

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Bobo de camarao

Bobò de camarao, un crema particolare

Oggi vi presento il bobò de camarao, una crema di gamberi, secondo la migliore tradizione brasiliana, con un tocco di originalità. In origine, questa pietanza è una zuppa a base di gamberi, manioca e latte di cocco, di solito molto piccante. Come tutte le ricette tradizionali, però, ne esistono diverse varianti. L’ingrediente principale rimane sempre il gambero, ma voglio proporvi una crema molto sfiziosa e ugualmente gluten free. Il bobò de camarao è una ricetta tipica dello Stato di Bahia, capitale culinaria del Brasile. In Brasile si prepara utilizzando l’olio di dendé (olio di palma), che conferisce una colorazione lievemente arancione. In Italia, invece, preferiamo l’olio di oliva, più sano e saporito. Se vi recate a Bahia e ordinate il bobò de camarao, la prima cosa che vi chiederanno è: “lo preferisci caldo o freddo?“.

La temperatura c’entra poco, con questa domanda si intende una pietanza molto piccante (caldo) o meno piccante (freddo). Se lo preferite molto piccante e, sbagliando, rispondete ”freddo” sarete comunque soddisfatti. Anche con poco peperoncino questo piatto è una bomba. E’ davvero buono, saporito, inconfondibile, intenso e succulento. Il bobò de camarao è una delle sacre icone della cucina di Bahia e fa parte delle grandi specialità della cucina brasiliana, che include piatti come casquinha di siri (polpa di granchio gratinata) e moqueca baiana de peixe (stufato di pesce).

Quando preparare il bobò de camarao

Il bobò de camarao, semplice da preparare e pronto in mezz’ora, è perfetto da servire come primo o piatto unico nelle serate a tema carioca. Quando il vostro palato si innamorerà perdutamente di questa delizia, potrete inventarvi tutte le occasioni che volete.

Bobo de camarao

La crema di gamberi brasiliana può essere gustata calda (nel senso classico del termine) oppure a temperatura ambiente. Va servito con una ciotolina di riso bollito, preparato alla maniera brasiliana e accompagnato da una birra ghiacciata. Se preferite il vino, scegliete un buon tannino rosso.

Le proprietà nutrizionali dei gamberi

I gamberi, utilizzati per la nostra bobò de camarao, sono ricchi di proteine, vitamina B12, B1, B2, B3, B5, B6, A, C, D, K, E, niacina (PP), e acidi grassi omega3. Inoltre contengono astaxantina, folati, sali minerali (selenio, fosforo, calcio, ferro, magnesio, iodio e manganese), colina e betacarotene. Prima di assumere gamberetti, accertatevi di non essere allergici a crostacei e frutti di mare. Il modo di cucinarli è importante, a tal proposito prediligete la preparazione al forno, alla griglia o in padella con un filo d’olio. Per l’alto contenuto di sodio, sono sconsigliati a chi soffre di ritenzione idrica e ipertensione.

I gamberi sono ritenuti, a torto, responsabili dell’aumento del colesterolo. In effetti una porzione di questi crostacei contiene 189 mg. di colesterolo (60% della dose giornaliera consigliata). Il punto è che i gamberi aumentano il colesterolo buono, ovvero i livelli di HDL che fa bene alla salute del cuore ed al sistema cardiocircolatorio. I gamberi fanno bene al cuore e al sistema cardiovascolare anche grazie al contenuto di acidi grassi omega3. Inoltre sono ipocalorici, contengono pochi grassi e rallentano l’invecchiamento cellulare cerebrale grazie al contenuto di vitamina B12 e di selenio.

Ricetta bobò de camarao o crema di gamberi alla brasiliana:

Ingredienti:

  • 500 gr. di gamberi,
  • 2 cucchiai di maizena,
  • 2 cipolle,
  • 4 spicchi di aglio,
  • 230 ml. di latte di cocco,
  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro,
  • 1 peperoncino,
  • 1,5 lt. di acqua frizzante,
  • 3 cucchiai di olio d’oliva,
  • un pizzico di sale,
  • q. b. di pimento.

Preparazione:

Per la preparazione del bobò de camarao iniziate rimuovendo il guscio dai gamberi, conservate però i gusci e le teste. Poi riscaldate un cucchiaio di olio d’oliva in una padella e soffriggeteci una cipolla sminuzzata e due spicchi d’aglio ben tritati. Infine aggiungete anche il concentrato di pomodoro. A questo punto inserite anche i gusci e le teste. Non appena il composto avrà acquisito colore, incorporate la maizena, il latte di cocco e l’acqua. Regolate con un po’ di sale, un po’ di pepe e fate bollire per 30 minuti.

Nel frattempo fate il pane a dadini, tostatelo e mettetelo da parte. Passati i 30 minuti, frullate il composto di gamberi e passatelo attraverso un colino. Poi mettetelo da parte. In una padella a parte, soffriggete nel rimanente olio d’oliva la cipolla rimasta tritata e i due spicchi di aglio (anch’essi ben tritati). Aggiungete la polpa dei gamberi e condite con peperoncino, sale e pepe. Lasciate che la polpa si frigga, poi versate il composto (ridotto a brodo) precedente messo da parte e fate bollite per altri cinque minuti. Servite decorando con i cubetti di pane tostato, oppure della manioca fritta e con un po’ di pimento.

4/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print