Pudding al mango e cocco, un dessert esotico

Pudding al mango e cocco
Commenti: 0 - Stampa

Cos’è il pudding al mango e cocco?

Il pudding al mango e cocco è un dessert tipicamente estivo, molto fresco, gustoso e moderatamente leggero. Fa riferimento alla grande tradizione dei pudding inglesi, o per meglio dire anglosassoni, termine che in realtà racchiude una grande varietà di ricette sia dolci che salate. Volendo fare un paragone con le preparazioni nostrane, il pudding salato, tipicamente cotto, può essere assimilato ai pasticci. Il pudding dolce, invece, alle mousse e ai budini. I pudding vengono realizzati con gli ingredienti più disparati, persino bizzarri (sono attestate varianti con il sanguinaccio). Quello al mango e al cocco fa parte dei pudding dolci a carattere esotico.

Il riferimento è appunto alla presenza dei due frutti, che per quanto consumati anche in Europa, conservano tutto il loro fascino “tropicale”. Il mango, in particolare, conferisce al pudding una spiccata freschezza e un sapore lineare apprezzabile da tutti i palati. Inoltre, è un alimento sano, in grado di apportare preziosi nutrienti. Per esempio il mango contiene una discreta dose di vitamina C e di vitamina B3. Contiene anche molti oligoelementi, tra cui spicca il potassio, il ferro e il fosforo. Rilevante è anche la quantità di fibre, che come molti sanno contribuiscono alla regolarità dei transiti intestinali. In questa ricetta i manghi da utilizzare sono ben tre, di cui uno destinato alla decorazione. I primi due vanno tagliati a cubetti e versati in un composto di tapioca e cocco ben sobbollito, il terzo va tagliato a fette e inserito alla fine, a mo’ di guarnizione.

Pudding al mango e cocco

La tapioca, un alimento che riserva molte sorprese

La tapioca è uno degli ingredienti che meglio caratterizza questo particolare pudding al mango e cocco. E’ ampiamente consumata tra le popolazioni autoctone del sud America, per quanto si stia diffondendo in Europa solo negli ultimi anni. Anche per questo motivo conserva tutto il suo fascino esotico, oltre che un aspetto molto diverso rispetto agli alimenti di origine vegetale o cerealicola, che si utilizzano nelle cucine occidentali. A prima vista la tapioca appare come un insieme di perline minuscole, che possono essere nere o, più spesso, bianche.

Di norma la tapioca viene utilizzata per creare una farina alquanto nutriente, ma quando si trova in perline l’uso è diverso in quanto viene sciolta insieme agli altri ingredienti, a crudo (come nel bubble tea), o per mezzo della bollitura, come accade in questo caso. Ad ogni modo, la tapioca piace per il suo sapore esotico, difficile da descrivere a da rendere a chi non l’ha mai gustata. Si fa apprezzare anche per le proprietà nutrizionali, che sfociano nell’ambito terapeutico. Per esempio, contribuisce a risolvere le difficoltà digestive, soprattutto in occasione del consumo di alimenti un po’ “pesanti” come il latte e i latticini freschi.

I tanti benefici nutrizionali del cocco

L’altro ingrediente principale del pudding al mango è il cocco, un frutto prezioso di origine tropicale, ma consumato ovunque e in svariate forme. In questo caso si utilizza sia il latte che la polpa di cocco. Va specificato che il latte di cocco non è il liquido che si trova all’interno della noce, bensì il succo ricavato dalla spremitura della polpa.

Ad ogni modo, il cocco si distingue non solo per il gusto sempre gradevole, ma anche per il suo valore nutrizionale, determinato da una certa ricchezza di fibre, dalla presenza abbondante di vitamina C e da concentrazioni elevate di potassio, fosforo, magnesio e calcio.

Ecco la ricetta del pudding al mango e cocco:

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 manghi + 1 per la decorazione,
  • mezzo cocco fresco,
  • 100 gr. di perle nere di tapioca,
  • 400 ml. di latte di cocco,
  • 1 cucchiaino di crema di vaniglia,
  • 1 cucchiaino di scorza di lime,
  • 50 gr. di sciroppo d’acero,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di menta.

Preparazione:

Per la preparazione del pudding al mango e cocco iniziate lavando i manghi e sbucciandoli per bene. A questo punto tagliatene due a cubetti molto piccoli, il terzo fatelo a fettine. Infine grattugiate la scorza del lime. Ora prendete una pentola, versate 375 ml di acqua e aggiungete la crema di vaniglia, la tapioca, la scorza di lime, il latte e la polpa di cocco. Mescolate tutto con cura, poi accendete la fiamma, mantenendola bassa, e fate sobbollire per 15 minuti. Mescolate spesso e interrompete la cottura non appena la tapioca diventa trasparente.

Una volta spenta la fiamma, aggiungete lo sciroppo d’acero e un po’ di sale. Fate raffreddare per almeno mezz’ora, poi aggiungete anche il mango tagliato a cubetti. Mettete tutto in una ciotola e coprite con la pellicola trasparente prima di far riposare in frigorifero per 60 minuti. A questo punto, versate il composto nei bicchieri e decorate con il mango a fette e qualche fogliolina di menta.

5/5 (441 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barrette con frutta secca e miele

Barrette con frutta secca e miele, ottime a...

Barrette con frutta secca e miele, un break leggero e nutriente Le barrette con frutta secca e miele sono una splendida idea per la colazione o per un break gustoso. Un’idea che coniuga gusto,...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Skyr con ananas e ribes

Skyr con ananas e ribes, una colazione nutriente

Skyr con ananas e ribes, una colazione diversa dal solito Lo Skyr con ananas e ribes è un’idea spettacolare per una colazione diversa dal solito, che presenta tutte le caratteristiche del...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-08-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti