Gelato al Tè Matcha: l’ingrediente ‘chiave’ è ottimo

Gelato al te matcha
Commenti: 0 - Stampa

Chi non vuole gustare il solito ice cream

Il gelato al tè Matcha o matcha ghiacciato (qualcuno scrive impropriamente the macha) è una varietà tipica del Giappone, diffusa in molti paesi dell’Asia orientale. Viene venduto spesso all’interno della monaka (cialda di riso) ed utilizzato in Giappone nella tradizionale cerimonia del tè.

La sua larga diffusione e commercializzazione in altri continenti è iniziata negli anni Ottanta, soprattutto nei ristoranti giapponesi e nei negozi di alimentari. In precedenza, i gusti più diffusi in Giappone erano vaniglia, fragola e cioccolato.

Non è dato di sapere quando di preciso è nata l’usanza di questo gelato. L’unica cosa certa è che, in alcune cene di gala imperiali del periodo Meiji (1868-1912), fu offerto un dolce a base di gelato al tè verde con la forma del Monte Fuji. Prima del gelato vero e proprio, era popolare in Giappone il ghiaccio tritato aromatizzato al tè verde di Uji Kintoki.

Fu negli anni Ottanta che l’azienda giapponese Meiji Dairies Corporation decise di immettere sul mercato un gelato al tè verde con il marchio Lady Borden. Nel 1995, l’azienda statunitense Maeda-en cominciò a vendere in Giappone i propri gelati al tè verde reclamizzando con lo slogan “Pure Japanese style made from California” (puro stile giapponese proveniente dalla California).

Fu un successo e, da allora, i produttori giapponesi misero in vendita diverse varianti di gelato al tè verde. Tra i maggiori produttori giapponesi ricordiamo Häagen-Dazs Giappone, Baskin-Robbins e Natuur.

Quale tè Matcha scegliere e dove acquistarlo

I coltivatori giapponesi fanno crescere il tè matcha all’ombra, al riparo dal sole per circa 3 settimane.

Le foglie vengono raccolte a mano e, dopo un’iniziale cottura al vapore, vengono asciugate e trasformate in polvere con l’utilizzo di mulini in pietra. Questo tipo di lavorazione produce un tè molto pregiato, in polvere molto fine e profumata, di un intenso color verde smeraldo.

Il migliore tè Matcha, in polvere e di qualità pregiata, proviene dalla regione dell’Uji Tawara. Le foglie della migliore qualità di Gyokuro vengono sbriciolate in appositi frantoi.

Il tè Matcha si può trovare in erboristeria, nei negozi di alimentazione bio oppure online.

E’ da preferire il matcha biologico di grado 1 per il quale si utilizzano solo i primi germogli. Nei tè matcha più economici (dal grado 2 in poi) vengono mescolate anche foglioline di seconda e terza raccolta.

Alcuni gelati al tè verde industriali sono prodotti con coloranti alimentari artificiali, mentre altri contengono il colore naturale del tè verde (catechina) da tenere al riparo dalla luce solare.

La preparazione migliore avviene per sospensione (la polvere viene unita in una ciotola d’acqua o latte), non per infuso. In questo modo, si otterrà una maggiore concentrazione di sostanze rispetto alla solita infusione.

Questa bontà del Sol Levante prevede una coltivazione, raccolta, lavorazione e preparazione ad hoc per mantenere intatte le sue proprietà nutritive.

Gelato al Tè Matcha

In quali occasioni preparare e consumare questo gelato

Il gelato al tè Matcha è il gusto di gelato preferito dalla stragrande maggioranza dei giapponesi.

Secondo le statistiche dell’Associazione del gelato giapponese, questo ingrediente si posiziona al terzo posto fra quelli preferiti dai consumatori locali.

Il gelato al the macha è un dessert elegante, ideale per rinfrescare il palato dopo un pasto abbondante o da preparare per stupire gli amici.

Si può gustare da solo o in compagnia, per concludere in bellezza un pranzo o una cena estiva come pure a colazione per salutare un nuovo giorno.

Per la preparazione non è indispensabile usare una gelatiera anche se, il più delle volte, è utile.

Di questa ricetta esistono diverse varianti, tutte piuttosto semplici.

Tè Matcha: proprietà e benefici dell’ingrediente verde

Il matcha dà gusto e colore al gelato, un sapore speciale e inconfondibile. E’ un gelato vegetariano, senza glutine, quindi adatto anche ai celiaci. E’ un toccasana per la salute e vanta molte proprietà benefiche.

Il tè verde giapponese ha proprietà antiossidanti superiori rispetto a quelle di ogni altra tipologia di tè verde. Alcuni studi riportano che le foglie di tè matcha contengono una maggiore percentuale di antiossidanti (137 volte) rispetto al classico tè verde. Senza contare polifenoli, vari amminoacidi in grado di ridurre lo stress psicofisico, l’acido glutammico che agisce sul sistema nervoso centrale.

Il tè matcha è particolarmente ricco di vitamine B1, B2 e C, beta-carotene, sali minerali, clorofilla e caffeina che favorisce uno stato di vigile attenzione.

I monaci buddisti lo utilizzavano durante la meditazione. Attenzione però: se aiuta alcuni a stare ben svegli, chi è sensibile alla caffeina non dovrebbe esagerare con le quantità.

Ecco la ricetta del Gelato al Tè Matcha

Ingredienti per 1 kg di Gelato 

  • 450  ml di latte intero consentito,
  • 100 gr, di zucchero di canna,
  • 60 ml di sciroppo di agave,
  • 300 ml di panna consentita,
  • 100 gr. di ricotta consentito o formaggio cremoso Senza Lattosio Exquisa
  • 3 gr. di guar,
  • un pizzico di sale,
  • 30 gr. di tè matcha in polvere

Preparazione

Per preparare il gelato al tè matcha è necessario pesare tutti gli ingredienti separatamente e munirsi di termometro.

Procurarsi una bacinella e iniziare a mescolare lo zucchero solido con il guar e il sale.

Scaldare il latte a 40 gradi e versare a pioggia lo zucchero solido con il guar

Mescolare e aggiungere lo zucchero liquido e il formaggio e portare il composto ad 85 gradi.

Una volta tolto dal fuoco addizionare la panna, il te e trasferire in un altro recipiente.

Con un bagnomaria a freddo abbassare velocemente la temperatura del composto fino a 4 gradi e coprire con pellicola a contatto e lasciare riposare il composto in frigo almeno 12 ore.

Inserire nella macchina gelatiera e formare il gelato.

Una volta pronto lasciare in congelatore libero per almeno 2 ore in modo che si stabilizzi.

Servire in coppa o cono decorando la superficie con polvere di te.

Gustare fresco.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-08-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti