logo_print

Verrina di panna e fragole al timo, una gioia per il palato

Verrina di panna e fragole al timo
Stampa

Un pan di spagna particolare

Uno dei segreti della ricetta della verrina di panna e fragole sta proprio nel pan di spagna. Un pan di spagna particolare, che poco ha a che vedere con il pan di spagna classico. In primo luogo, perché non contiene farina di grano tenero, bensì farina di canapa e amido di riso. Ciò gli conferisce un gusto eccellente, e dai sentori vagamente esotici.

Secondariamente, è un pan di spagna che può essere consumato da tutti, anche da chi soffre di celiachia. Infatti, essendo realizzato con sottoprodotti del riso e della canapa, non contiene glutine.

La composta di fragole: ingrediente delizioso

Ad arricchire la ricetta della verrina di panna e fragole c’è la composta di fragole. E’ un ingrediente, o per meglio dire una preparazione, deliziosa, che pur avendo molto in comune con la marmellata in realtà propone un sapore più equilibrato e gradevole.

La composta di fragole, come quella realizzata con qualsiasi altro frutto, può essere consumata da sola o può valorizzare dessert cremosi e non, proprio come accade con questa particolare verrina.

Verrina di panna e fragole al timo

Verrina di panna e fragole: una gioia per il palato e per gli occhi

La verrina di panna e fragole al timo con pan di spagna alla canapa è un dessert adatto in particolare ai mesi estivi. E’ una vera e propria gioia per il palato e per gli occhi. Propone infatti una complessa e delicata sinfonia di sapori, in cui tutti gli ingredienti concorrono in maniera equilibrata al risultato finale.

E’ un dolce anche molto bello da vedere, proprio come dovrebbero essere tutti i dolci, che non mancherà di farvi fare bella figura quando riceverete parenti o amici.

Ecco la ricetta della verrina di panna e fragole al timo

Ingredienti per il pan di spagna:

  • 200 gr. di uova intere
  • 80 gr. di zucchero bruno di canna
  • 40 gr. di sciroppo di agave
  • 60 gr. di amido di riso
  • 50 gr. di farina di semi di canapa

per la composta di fragole e timo:

  • 500 gr. di fragole fresche
  • 50 gr. di zucchero bruno di canna
  • q. b. di lime grattugiato
  • 1 rametto di timo fresco

per la crema chantilly alla vaniglia:

  • 500 gr. di panna  delattosata
  • 50 gr. di sciroppo di agave
  • q. b. di polvere di vaniglia

Preparazione:

Preparate il pan di spagna montando zucchero e albumi con uno sbattitore a velocità media, aggiungendo gradualmente gli altri ingredienti. Una volta che il composto avrà acquisito la consistenza giusta, cuocete al forno a 180 gradi per 15-20 minuti. Nel frattempo preparate la composta di fragole e timo: fate cuocere in un pentolino a fiamma bassa le fragole tagliate a pezzetti uniformi e lo sciroppo di agave. Dopo 4-5 minuti spegnete il fuoco e lasciate in infusione il timo per altri 4-5 minuti. Infine grattugiate la scorza di lime.

Ora occupatevi della crema chantilly: semplicemente, mescolate in un contenitore la panna, lo zucchero e la vaniglia. Montate come al solito fino a quando non avrete ottenuto un composto solido e voluminoso. Infine, montate il dolce: ricavate dal pan di spagna 8 dischi dello stesso diametro del bicchiere e dallo spessore di 1 cm. Posizionate il primo disco sul fondo del bicchiere, aggiungete uno strato di composta e uno di crema chantilly. Ripetete il procedimento e decorate con fragole fresche e foglioline di timo.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


11-07-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti