Verrina di biancomangiare alla mandorla : squisito

Verrina di biancomangiare alla mandorla
Commenti: 0 - Stampa

Verrina di biancomangiare: una vera golosità

La verrina di biancomangiare alla mandorla è un dessert dal sapore eccellente e molto semplice da preparare. Gli ingredienti, per quanto leggermente estranei alla cucina mediterranea sono di facile reperimento, mentre il montaggio del dolce è abbastanza intuitivo. Il sapore è particolare, anche perché riproduce un delicato contrasto tra frutta secca e frutta fresca, per quanto (almeno in questo) sottoposta a semi-canditura.

Il riferimento è, ovviamente, alla compresenza di mandorle e arance. Le prime vengono lasciate, per così dire, in infusione nel latte per una intera notte, in modo che possano subire un processo di arricchimento del sapore. Le seconde vengono sottoposte a un processo di parziale canditura, dunque conservano buona parte del sapore originario. Insieme, contribuiscono a valorizzare il fondo in pan di spagna e, in generale, un dessert dalle caratteristiche peculiari e dall’impatto visivo eccellente.

Un pan di spagna diverso

Tra i punti di forza di questa verrina di biancomangiare spicca la farina di carrube. Questa sostituisce interamente la farina di grano tenero nella produzione del pan di spagna. Non è una scelta dettata esclusivamente dall’esigenza di rendere il dolce “accessibile” ai celiaci (la carruba infatti non contiene glutine). Tale scelta, infatti, deriva anche dalla volontà di donare al pan di spagna un sapore particolare, certamente di marchio mediterraneo ma comunque insolito per chi è abituato alla classica farina.

Verrina di biancomangiare

In questo caso, la farina viene ricavata sia dai semi che dal baccello. Il prodotto che ne deriva vanta un gusto speciale e riconoscibile, nonché delle proprietà organolettiche superiori alla media delle altre farine. In primis, l’apporto calorico è molto contenuto. Secondariamente, si segnala un’elevata concentrazione di sali minerali, ferro e potassio. Insomma, la farina di carrube non solo sostituisce degnamente la farina di grano tenero, ma è in grado di esaltare sapore e composizione del pan di spagna.

Lo sciroppo di yacon

Lo sciroppo di yacon si ricava dall’omonima pianta, originaria del Sud America. E’ considerato un dolcificante naturale, in alcuni casi da preferire allo zucchero. Infatti, a parità di quantità, lo yacon dolcifica almeno quanto lo zucchero. Inoltre, ha un apporto calorico inferiore di circa il 20%.

Ma i pregi dello yacon non finiscono qui. Infatti, si caratterizza per le proprietà antinfiammatorie e regolatrici del metabolismo. Stimola la produzione di batteri benefici da parte del colon, contribuendo a una rapida ed efficace digestione. Lo yacon, soprattutto in Occidente, viene utilizzato in forma di sciroppo per produzioni dolciarie, come nel caso di questa verrina di biancomangiare.

Ecco la ricetta della verrina di biancomangiare alla mandorla

Ingredienti per 4 persone:

Per il pan di spagna:

  • 200 gr di uova intere
  • 80 gr di zucchero bruno di canna
  • 40 gr di sciroppo di yacon
  • 50 gr di farina di carrube integrale (semi piu’ baccello)
  • 60 gr di amido di riso

Per il biancomangiare:

  • 500 gr di bevanda alla mandorla
  • 50 gr di malto di riso
  • 100 gr di polvere di mandorle
  • 2 gr di agar agar

Per le arance semicandite:

  • 100 gr di acqua
  • 100 gr di zucchero di canna bianco
  • 3 arance navel biologiche

Preparazione:

Per il pan di spagna seguite la ricetta classica: montate a media velocità albumi e zucchero, aggiungete gradualmente gli altri ingredienti e continuate a sbattere fino a raggiungere la consistenza adeguata; infine infornate a 180 gradi per 15-20 minuti. Per il biancomangiare fate riposare le mandorle nel latte per una notte, poi inserite gli altri ingredienti e fate riscaldare il composto fino all’ebollizione; infine versate nello stampo e attendente la solidificazione.

Per semicandire le arance, ricavate delle striscioline dalla buccia e riscaldatele in acqua bollente per 10 secondi; scolate le bucce e lasciatele in infusione con acqua e zucchero bolliti per una notte. Per montare il dolce ritagliate 4 dischi di pan di spagna in modo che possano entrare comodamente nei bicchieri, posizionate un disco in un bicchiere, poi uno strato di biancomangiare. Lasciate solidificare il biancomangiare e guarnite con le arance semicandite e alcune striscioline di arancia normale. Ripetete il procedimento con gli altri bicchieri.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Parrozzo

Il parrozzo, uno splendido dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...

plumcake con fichi e Skyr 

Plumcake con fichi e Skyr, una merenda perfetta

Un dolce gustoso e nutriente per la merenda. Il plumcake con fichi e Skyr è un’idea gustosa e genuina per una merenda che possa allietare i pomeriggi e consentire di recuperare le energie, o...

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-08-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti