Pandoro con crema Chantilly, melagrana e uvetta

Pandoro con crema Chantilly, melograno e uvetta
Commenti: 0 - Stampa

Un dessert coi fiocchi: il Pandoro con crema Chantilly, melograno e uvetta

Perché accontentarsi di assaporare il pandoro solo durante le feste? E, soprattutto, perché non farcirlo nel modo giusto? Grazie alla ricetta del pandoro su crema Chantilly, melagrana e uvetta, potrete portare in tavola una variante gustosa e perfetta per ogni occasione! Si tratta di una ricetta semplice e veloce, ricca di sapori unici e di ingredienti in grado di conquistare anche i bambini.

Con questi buoni presupposti, andiamo a scoprire insieme quali sono le altre ragioni per assaggiare questa delizia che vi permetterà di conquistare ogni ospite… anche il più esigente!

Un mix di bontà e nutrimento da portare in tavola

Questa ricetta è davvero unica nel suo genere, non solo perché è semplice e veloce da preparare, ma anche perché si rivela molto leggera e ricca di sostanze nutritive importanti per il nostro organismo. Infatti, grazie al pandoro, avremo a disposizione tutta l’energia di cui abbiamo bisogno e potremo soddisfare la nostra voglia di dolce senza esagerare. La crema ci offrirà inoltre un buon apporto di proteine, valide per rafforzare i muscoli e promuovere il nostro senso di sazietà, senza la necessità di abbuffarci troppo.

D’altra parte, è utile considerare che grazie al pandoro su crema Chantilly, melagrana e uvetta, possiamo portare in tavola anche una buona dose di antiossidanti, minerali e vitamine necessarie al nostro fabbisogno giornaliero. In particolare, dovreste sapere che la melagrana si rivela un fantastico alleato della pelle: ne favorisce l’idratazione e ne promuove la salute e l’elasticità, contrastando inoltre i danni dei radicali liberi e rallentando il naturale processo di invecchiamento cellulare.

Pandoro con crema Chantilly

L’uvetta è invece un alimento molto energetico in quanto è ricca di zuccheri, ma anche di fibre (utili soprattutto per alleviare la costipazione e favorire la regolarità intestinale). Questo gustoso alimento offre inoltre una buona quantità di potassio: ideale per regolare la pressione sanguigna e in grado di regalare al nostro corpo una valida azione antiossidante.

Secondo alcune ricerche, l’uvetta è persino un antitumorale e può aiutare a regolare i livelli di colesterolo nel sangue. Pertanto, è decisamente un cibo da non sottovalutare, non credete?

A tavola con una buona fetta di Pandoro con crema Chantilly, melagrana e uvetta

Come avrete capito, questo dessert è speciale sotto ogni punto di vista, rivelandosi così un peccato di gola che possiamo concederci molto più tranquillamente rispetto ad altri. Ad ogni modo, sappiate che per ottenere degli ottimi risultati e un gusto incredibilmente coinvolgente, è sempre consigliabile prediligere l’utilizzo di ingredienti di qualità, assicurandosi che siano privi di inutili e/o dannosi conservanti.

Scegliendo ogni prodotto con cura, potrete sicuramente portare in tavola una buona fetta di pandoro su crema Chantilly, melagrana e uvetta capace di conquistare tutti, grandi e piccini! Si rivelerà la merenda ideale, ma anche un dolce adatto alle occasioni speciali, alle feste e alle classiche domeniche in famiglia. Ogni momento sarà quello buono per portare in tavola questo dessert sfizioso e ricco di caratteristiche da non sottovalutare!

Ingredienti:

  • 2 fette di pandoro consentite
  • 2 cucchiai di uvetta sultanina
  • una melagrana sgranata

per la crema Chantilly

  • 250 ml di latte Accadi
  • 200 ml di panna da montare di Accadi
  • 3 tuorli
  • 75 g di zucchero di canna extrafine
  • 20 g di farina di riso
  • 1 cucchiaio di crema di vaniglia Tutte le spezie del Mondo
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • la scorza di mezzo limone

per la coulis di lamponi

  • 180 gr. di lamponi
  • 40 gr. di zucchero di canna extrafne
  • 15 gr. di succo di limone

Preparazione

Per la crema Chantilly cominciate con setacciare la farina. In un pentolino bollite il latte con la crema di vaniglia e la scorza di limone, Lasciate intiepidire.

Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso e unite la farina.  Mescolate accuratamente tutti gli ingredienti.

Versate questo composto nel latte con la vaniglia e fate cuocere circa 15 minuti mescolando continuamente  in modo che non si formino grumi. Versate in una terrina, coprite con la pellicola e lasciate raffreddare.

Montate la panna con lo zucchero a velo e lavorate finché non diventa bella compatta e spumosa.

Ammollate l’uvetta in acqua tiepida per circa un quarto d’ora. Sgranate la melagrana. Tagliiate le fette di pandoro a dadini e tostate in forno pere qualche minuto.

Per la coulis versate nel bicchiere del frullatore i lamponi, lo zucchero e il succo di limone. Azionate e frullate fino ad ottenere una purea fine

Assemblate il piatto mettendo sul fondo la crema chantilly. Qualche dadini di pandoro, un cucchiaio tra uvetta e melagrana.

5/5 (481 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-12-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti