bg header

Purè di fave greche, una delizia mediterranea

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

pure di fave greche

Purè di fave greche, un piatto nutriente e leggero

Il purè di fave greche è un piatto tipica delle isole greche . Precisamente dell’ isola di Santorini . Se vai in Grecia devi chiedere la ricetta della fava greca di Santorini. Le chiamano fave ma in realtà è tipo di legume simile a dei piselli gialli spezzati (come vedete nella foto)

E’ un piatto sostanzioso e nutriente, ma non per questo grasso. Di fatto, anche se consideriamo gli altri ingredienti, il purè di fave apporta pochissime calorie e un minimo quantitativo di grassi, dovuto principalmente alla presenza dell’olio extravergine di oliva. Di questo, però, si impiegano a malapena tre cucchiai (in una ricetta per 4 persone), niente che possa mettere realmente a repentaglio la linea.

La maggior parte dei nutrienti, ovviamente, è data dalle fave. D’altronde si tratta di nutrienti che spiccano per il loro importante valore nutrizionale. Il riferimento è in particolare alla presenza di vitamine e sali minerali. Le fave contengono tantissima vitamina C e una quantità di ferro superiore alla media di frutta e verdure. Le fave sono anche ricche di fibre, che garantiscono il buon funzionamento dell’apparato digerente. Si segnala, poi, una certa capacità diuretica, a cui si associa la funzione antianemica. Ciononostante, le fave contengono anche proteine (non molte a dire il vero) e un apporto calorico davvero basso, pari a 41 kcal per 100 grammi.

Una preparazione semplice e molto gustosa

Il pure di fave greche è la classica ricetta che rende molto e richiede poco tempo, infatti è davvero semplice da preparare. L’unico elemento di difficoltà sta nelle dosi, dal momento che una presenza maggiore di succo di limone, piuttosto che di cipolla o aglio, può alterare il risultato finale, fino a rendere la pietanza sgradevole al palato.

pure di fave greche

Ad ogni modo si tratta di soffriggere le cipolle con l’aglio e di aggiungerci le fave. Quando queste sono cotte, ovvero sono diventate molto morbide, si esegue un passaggio al frullatore. E’ in questa fase che le fave si trasformano in purè di fave. La ricetta è quindi molto semplice, quasi banale e alla portata di tutti, è solo necessario seguire le proporzioni tra le dosi. Affinché il purè venga preparato in modo corretto è necessario che le fave siano secche. Le fave fresche, infatti, non si prestano particolarmente al soffritto. Inoltre, le fave secche devono essere spezzettate in modo che il tempo di cottura diminuisca e che possano diventare realmente tenere.

Perché ho utilizzato il limone nel purè di fave greche?

Nel Purè di fave greche ci va anche il limone! Anche la tradizione gastronomica italiana suggerisce purè più o meno elaborati di questo o quell’ortaggio. Tuttavia, il purè di fave greche si discosta almeno parzialmente. Lo fa anche e soprattutto in virtù della presenza del limone, una presenza “strana” non condivisa dai purè nostrani. Che senso ha il limone in una preparazione come questa? In primis occorre specificare che dell’agrume si utilizza solo il succo. La sua presenza è importante e azzeccata in quanto funge da “equilibratore” smorzando il sapore eccessivamente corposo.

Ovviamente occorre evitare le esagerazioni e gli abusi. Il limone, infatti, impatta profondamente sul gusto e, se si esagera, può coprire gli altri sapori rovinando di fatto l’intera ricetta. Per quanto riguarda il valore nutrizione, quello del limone non può essere messo in dubbio. Tra le tante caratteristiche positive del limone si segnala la sua capacità antiossidante e germicida.

Vi lascio la ricetta anche del purè di fave pugliese che accompagna il celebre piatto di fave e cicoria o quella del macco siciliano

Ricetta purè di fave greche:

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di fave secche spezzate di Santorini,
  • 3 cipolle,
  • 2 spicchi d’aglio,
  • 1 litro di acqua calda,
  • succo di 2 limoni,
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva,
  • un pizzico di sale e pepe nero macinato,
  • q. b. di olive.

Preparazione:

Per la preparazione del purè di fave greche iniziate sbucciando l’aglio e la cipolla, poi tagliateli in modo grossolano. Ora lavate per bene le fave ponendole sotto l’acqua corrente. Poi prendete una pentola, scaldate tre cucchiai di olio extravergine di oliva e imbionditeci l’aglio e la cipolla tagliata . Versateci poi le fave e mescolate abbondantemente. Ora aggiungete l’acqua calda e condite con un po’ di sale e di pepe. Abbassate la fiamma e lasciate cuocere in questo modo le fave fino a quando non avranno raggiunto una consistenza morbida. Se emerge una schiuma bianca, toglietela con un cucchiaio.

Sul finire della cottura (circa 50 minuti) versate il succo di 2 limoni e trasferite il tutto nel frullatore per ottenere un purè omogeneo. Prima di servire controllate il sapore del purè ed eventualmente aggiustate di sale o di pepe. Completate il piatto con un po’ di olio extravergine e qualche oliva. E’ una preparazione che va servita a temperatura ambiente .

3.1/5 (22 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Gulab jamun

Gulab jamun, i dolcetti al latte della tradizione...

Un impasto fuori dal comune L’impasto dei gulab jamun è fuori dal comune per almeno due motivi. In primo luogo perché viene valorizzato dal cardamomo, una spezia che raramente compare negli...

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...

logo_print