Pasta con gamberi e fave, un piatto gustoso

Pasta con gamberi e fave
Commenti: 0 - Stampa

Perché la pasta con gamberi e fave è così buona?

La pasta con gamberi e fave è un’idea semplice, ma che può rendere molto in termini organolettici e gustativi. Vanta anche un impatto visivo molto gradevole, soprattutto se si pensa ai colori che dominano il piatto: il verde delle fave si sposa bene con il rosa-arancione dei gamberi. D’altronde, il detto “anche l’occhio vuole la sua parte” vale soprattutto in cucina. La pasta con gamberi e fave è anche una ricetta davvero semplice da preparare, e persino rapida. E’ una delle classiche “paste” il cui condimento è pronto ancora prima che la pasta stessa si cuocia.

La pasta con gamberi e fave è frutto di una scelta degli ingredienti che, pur ispirata ai canoni della semplicità, risulta azzeccata. L’abbinamento tra fave e gamberi, benché non molto diffuso nella cucina italiana, conferisce la giusta quantità di gusto, in una prospettiva che si caratterizza comunque per un’offerta nutrizionale eccellente. Tra l’altro, il piatto è anche “accessibile”, ovvero può essere consumato anche da chi manifesta problemi nell’assorbimento del glutine. Di questo aspetto parlerò nel prossimo paragrafo.

Il segreto di questa ricetta è la Pasta Natura

L’ingrediente più importante di questa ricetta con gamberi e fave è la pasta con farina di teff, amaranto e quinoa di Pasta Natura. Come suggerisce il nome, è realizzato con un mix di tre farine diverse. Farine speciali, che hanno la caratteristica comune della totale assenza di glutine, ma che si distinguono anche per l’abbondanza di proteine, minerali e vitamine. A loro modo, tanto il teff quanto l’amaranto e la quinoa, possono essere considerati degli alimenti superfood. In particolare, le proteine giungono in larga misura dall’amaranto, mentre è il teff a fornire la maggior parte delle proteine. La quinoa, invece, si caratterizza per l’insolita abbondanza di amminoacidi essenziali.

Elevatissima è l’offerta di sali minerali, che si distribuisce quasi equamente tra le tre componenti del teff, dell’amaranto e della quinoa. Il riferimento è al fosforo, al ferro, al magnesio e allo zinco. In quanto a vitamina, il prodotto si distingue per le elevate concentrazioni di vitamine del gruppo B, e in particolare della B6. Questa pasta con farina di teff, amaranto e quinoa testimonia la volontà di Pasta Natura di offrire un prodotto diverso, più salutare, che sappia integrare farine speciali. Un prodotto che sia allo stesso tempo iper-nutriente e accessibile, come dimostra la totale assenza di glutine e dunque la compatibilità con i regimi alimentari dei celiaci.

Pasta con gamberi e fave

Fave e gamberi, due alimenti sottovalutati

E’ bene offrire il giusto spazio alle fave e ai gamberi, che tra l’altro rappresentano il condimento di questa gustosa pasta. In genere, entrambi gli alimenti sono conosciuti esclusivamente per la loro resa gastronomica, per il sapore e per il valore aggiunto che conferiscono ai piatti, primi o secondi che siano. Eppure va riconosciuto loro una certa caratura nutrizionale. A partire dalla fave, che vantano concentrazioni elevatissime di ferro e di vitamina C (più che negli agrumi). Ottimo è anche l’apporto di fibre, mentre molto basso è quello calorico: 100 grammi di fave, infatti, contengono a malapena 70 kcal. Dunque, sono ottime per le diete ipocaloriche. A meno che non si soffra di favismo, le fave non presentano controindicazioni.

Anche i gamberi sono salutari, oltre che buoni. In primis, va segnalata la quantità di proteine, che è davvero elevata: esse formano il 21% del contenuto totale del gambero, acqua compresa, una percentuale del tutto simile alle carni più proteiche. Elevate sono anche le concentrazioni di sali minerali, in particolare ferro, calcio, magnesio, fosforo e potassio. L’apporto calorico è molto basso, e pari a 99 kcal per 100 grammi. Il gambero è ricco di grassi, ma si tratta di grassi “buoni”, come i famosi omega tre.

Ecco la ricetta della pasta con gamberi e fave

Ingredienti per 4 persone:

Preparazione:

Per la preparazione della pasta con gamberi e fave iniziate versando 2 litri di acqua in una pentola, salate, e portate a ebollizione. Inserite le fave e scolatele con un mestolo forato dopo un paio di minuti. Rimuove la sottile buccia che ricopre le fave, conservatene una metà, mentre ponete l’altra metà nel mixer insieme alle foglie di menta, l’aglio, l’olio il sale e il pepe. Frullate fino a quanto non avrete ottenuto un composto cremoso.

Alla bisogna, se notate che la crema sta venendo troppo asciutta, integrate con un po’ di acqua di cottura delle fave. In una pentola con fondo spesso scaldate l’olio e l’aglio, inserite i gamberi e fate andare per circa 8 minuti . Lessate la pasta in abbondante acqua salata, aggiungete la menta e la crema di fave, mescolate e infine unite anche i gamberi. Servite e buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti