Insalata di spinaci con sgombro e anacardi, un contorno diverso dal solito

Insalata di spinaci con sgombro

Una scelta di ingredienti particolari per la nostra insalata di spinaci con sgombro e anacardi

L’insalata di spinaci con sgombro e anacardi è una vera e propria squisitezza, un contorno fuori dall’ordinario che spicca sotto il profilo estetico, nutrizionale e gustativo. Lo si intuisce già dal nome, che infatti richiama agli ingredienti. Essi procedono da un percorso di scelta inteso a valorizzare da un lato le capacità nutrizionali della ricetta, dall’altro la semplicità della stessa. L’insalata di spinacini con sgombro e anacardi, nonostante sia prevista una fase di cottura, è veramente una ricetta alla portata di tutti. Certo, il procedimento è meno rapido rispetto a quello delle tradizionali insalate, che prevede semplicemente la composizione e il condimento, ma vi assicuro che ne varrà proprio la pena.

Dal punto di vista nutrizionale, più che un contorno, questa insalata sembra quasi un piatto completo. Esso apporta vitamine e fibre in abbondanza, grazie agli spinacini; apporta anche proteine, grazie alla presenza dello sgombro. Abbonda persino di acidi grassi omega tre, che sono contenuti principalmente negli anacardi e nel già citato sgombro. Proprio lo sgombro merita qualche parola in più, dato che non è un ingrediente che si ritrova spesso nelle insalate.

Lo sgombro è una delle specie ittiche migliori dal punto di vista organolettico. In primis perché è ricco di proteine (da questo punto di vista non ha nulla da invidiare alle carni rosse). Secondariamente, perché abbonda di acidi grassi omega tre, che sono elementi fondamentali per l’organismo, e in particolare per la vista e l’apparato cardiocircolatorio. Gli sgombri, poi, sono generalmente poveri di grassi e si caratterizzano per un apporto calorico davvero contenuto: 100 grammi di prodotto, infatti, contengono circa 170 kcal. Ottimo è invece l’apporto in termini di vitamine, con esplicito riferimento alla vitamina D e a quelle del gruppo B. Stesso discorso per i sali minerali, qui ben rappresentati grazie alle elevate concentrazioni di ferro, potassio, fosforo e magnesio. Ovviamente per la ricetta dell’insalata di spinaci con sgombro e anacardi, vi consiglio di utilizzare esclusivamente lo sgombro fresco.

Tutti i pregi degli anacardi e le loro proprietà nutritive

Gli anacardi sono i semi di una specie vegetale originaria del Brasile. Tuttavia, sono diffusi anche in Italia. Il loro gusto assomiglia a quello delle noccioline, ma è meno sapido, dunque rappresentano un ottimo ingrediente per le pietanze fredde come le insalate. Gli anacardi si fanno apprezzare per le proprietà nutrizionali, e in particolare per l’estrema abbondanza degli acidi grassi omega tre, dei cui benefici ho già parlato nel precedente paragrafo.

Insalata di spinaci con sgombro

Gli anacardi, poi, contengono anche molte proteine. Per la precisione su 100 grammi di prodotto, 15 sono di proteine, una quantità paragonabile a quella di alcune carni bianche. Sono anche ricchi di sali minerali, e in particolare di potassio, ferro, calcio, fosforo e magnesio. Il loro apporto calorico, c’è da dire, è piuttosto alto e si avvicina a quello della frutta secca: 598 kcal ogni 100 grammi. Tuttavia, gli anacardi non sono sufficienti a rendere questa insalata una pietanza ipercalorica, dal momento che sono presenti in dosi contenute.

Le caratteristiche degli spinaci novelli e il loro apporto nutrizionale

L’ingrediente principale di questa insalata sono ovviamente gli spinaci, che dovrebbero essere novelli. Questa variante, infatti, garantisce una maggiore digeribilità ed è l’ideale per il consumo a crudo. La presenza degli spinaci sostituisce quella delle lattughe, che rappresenta la norma per le insalate. E’ una scelta più che giustificata, sia dalla volontà di proporre un sapore diverso sia dalle caratteristiche nutrizionali degli spinaci.

Degli spinaci si dice che siano estremamente ricchi di ferro. Ciò è solo parzialmente vero, dal momento che il ferro è presente in buona quantità, ma non in misura maggiore rispetto ad altre specie vegetali. I pregi degli spinaci sono ben altri, per esempio l’incredibile apporto vitaminico, in riferimento soprattutto alla vitamina A e C. Stesso discorso per gli antiossidanti, che sono presenti in quantità e varietà considerevoli. Gli spinaci, poi, si caratterizzano per la funzione lassativa e depurativa, nonché per la presenza di fibre che impattano positivamente sulla digestione.

Ecco la ricetta dell’insalata di spinaci con sgombro e anacardi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 filetti di sgombro;
  • 250 gr. di spinacini novelli;
  • qualche ravanello;
  • 40 gr. di anacardi;
  • 1 spicchio aglio;
  • succo di 1/2 limone;
  • 2 cucchiai olio extravergine di oliva;
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata di spinaci con sgombro e anacardi iniziate pulendo i ravanelli e facendoli a fette. Lavate sotto abbondante acqua corrente gli spinaci novelli e poi scolateli. Fate scaldare uno spicchio d’aglio in una padella antiaderente con poco olio, poi aggiungete i filetti di sgombro per scottarli leggermente. Quando sono pronti, tagliateli a pezzetti, aggiungete il succo di limone e conservateli nella stessa padella in cui li avete scottati.

In un’altra pentola antiaderente tostate gli anacardi fino a quando non appariranno dorati. Ora prendete un’insalatiera ed aggiungete lo sgombro che avete scottato, le foglie di spinaci, gli anacardi tostati e qualche ravanello. Completate l’insalata condendola con l’olio avanzato e con un po’ di sale e pepe.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


18-07-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti